Luca Parmitano è nello spazio: "Felice di essere qui"

Luca Parmitano è nello spazio. L'astronauta italiano, di origini catanesi, è approdato sulla Stazione Spaziale Internazionale alle ore 03.00 di questa mattina. Sarà al comando della missione Beyond (Oltre) nella seconda parte dell'operazione esplorativa insieme ad altri 5 colleghi, dei quali, tre russi e due americani.

Luca Parmitano è nello spazio. L'astronauta italiano dell'Agenzia Spaziale Europa (ESA) ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale poco dopo le ore 03.00 di questa mattina. Con lui, gli altri due partecipanti alla missione Beyond (Oltre), il russo Alexander Skvortsov della Roscomos e l'americano Andrew Morgan della NASA.

La capsula Soyuz MS-13, lanciata dalla base di Baikonur (Kazkhistan) alle ore 18.28 italiane di ieri pomeriggio, si è agganciata al modulo russo Zvezda della stazione spaziale alle ore 00.49 di domenica 21 luglio 2019. Tuttavia, sono trascorse più di due ore, necessarie per effettuare le operazioni di controllo, prima che gli astronauti potessero approdare sulla Stazione Spaziale Internazionale e congiungersi ai colleghi Aleksej Ovčinin, Nick Hauge e Christina Koch.

“È fantastico essere qui”. Questo, il commento a caldo di Luca Parmitano, già soprannominato 'AstroLuca', mediante un tweet sulla pagina ufficiale di ESA a ridosso dell'alba. Semplicemente così, con un sorriso fiero stampato sulla faccia, l'astronauta catanese ha annunciato lo sbarco epocale al mondo intero rivolgendo un saluto speciale alle moglie Khatryn e alle due figlie Sara e Maia, di nove e dodici anni. Poi uno scambio di battute sfottenti e goliardiche con Jan Woerner, direttore generale ESA: “Ti vedo in forma”, ha twittato Woerner. “Sono sempre pronto a lavorare di domenica”, ha ribattuto Parmitano.

Stando a quanto si apprende dai filmati ufficiali diramati dal Centro di Controllo di Mosca, il primo a mettere piede nella Stazione Spaziale è stato il russo Skvorstov, poi è toccato all'americano Morgan (alla sua prima missione) ed infine ad AstroLuca. Insieme agli altri tre colleghi, già presenti nello spazio intergalattico, costituiranno l'equipaggio a sei della Expedition 60.

L'equipaggio dovrà esplorare l'universo ed eseguire esperimenti utili a preparare l'uomo a futuri approdi su Marte e la Luna. Parmitano, prenderà il comando nella seconda parte della missione confermandosi il primo italiano, e il terzo europeo, a ricoprire questo ruolo.

Commenti

flip

Dom, 21/07/2019 - 16:37

che dire. e diventata realtà quello che si sognava tanti anni fa leggendo i fumetti di flash Gordon altri eroi che giravano nello spazio.