Il Papa: "Monache di clausura non si 'perdano' su Facebook"

Il messaggio è contenuto nella Costituzione apostolica pubblicata oggi. Ai monasteri Papa Francesco raccomanda: "Non arruolate straniere solo per sopravvivenza"

Chiudete Facebook e pregate per rifugiati, migranti e poveri. È il monito di Papa Francesco indirizzato alle monache di clausura contenuto nella Costituzione apostolica "Vultum Dei quaerere" ("La ricerca del volto di Dio) pubblicata oggi. Allo stesso tempo il Papa invita i monasteri a non reclutare donne straniere solo per "sopravvivenza". Nei monasteri di clausura femminili gli strumenti della "cultura digitale", scrive Bergolio, "possono essere utili per la formazione e la comunicazione", ma l'uso di questi strumenti deve essere guidato da un "prudente discernimento affinchè siano al servizio della formazione alla vita contemplativa e delle comunicazioni necessarie, e non occasione di dissipazione o di evasione dalla vita fraterna in comunità, nè danno per la vostra vocazione, nè ostacolo per la vostra vita interamente dedita alla contemplazione".

Quindi sì ai social se usati per evangelizzare. No, invece alla arruolamento di candidate straniere con l'unico fine di salvaduardare la sopravvivenza del monastero. "Dato l'attuale contesto socio-culturale e religioso - spiega il Papa -, i monasteri prestino grande attenzione al discernimento vocazionale e spirituale, senza lasciarsi prendere dalla tentazione del numero e della efficienza; assicurino un accompagnamento personalizzato delle candidate e promuovano per loro percorsi formativi adeguati, fermo restando che alla formazione iniziale e a quella dopo la professione temporanea si deve riservare un ampio spazio di tempo, per quanto possibile non inferiore a nove anni, né superiore a dodici".

Il Papa nella Costituzione apostolica scrive poi un appello agli uomini e alle donne che si sono dedicati alla vita monastica. "Pregate e intercedete per tanti fratelli - si legge nel documento - e sorelle che sono carcerati, migranti, rifugiati e perseguitati, per tante famiglie ferite, per le persone senza lavoro, per i poveri, per i malati, per le vittime delle dipendenze, per citare alcune situazioni che sono ogni giorno più urgenti".

Nel documento Papa Francesco mette in guardia monaci e suore dalle "varie tentazioni, per cui la vostra contemplazione può diventare terreno di combattimento spirituale, che voi sostenete coraggiosamente a nome e a beneficio della Chiesa intera, che vi sa sentinelle fedeli, forti e tenaci nella lotta". "Tra le tentazioni più insidiose per un contemplativo, ricordiamo - scrive Francesco - quella chiamata dai padri del deserto 'demonio meridiano': è la tentazione che sfocia nell’apatia, nella routine, nella demotivazione, nell’accidia paralizzante. Come ho scritto nell’Esortazione apostolica Evangelii gaudium, questo porta lentamente alla psicologia della tomba, che poco a poco trasforma i cristiani in mummie da museo. Delusi dalla realtà, dalla Chiesa o da se stessi, vivono lacostante tentazione di attaccarsi a una tristezza dolciastra, senza speranza, che si impadronisce del cuore come il più prezioso degli elisir del demonio".

Commenti

beowulfagate

Ven, 22/07/2016 - 14:51

Si vede che preferiscono facebook alle tue scemenze.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 22/07/2016 - 14:52

Io,invece ,vorrei si chiudessero il Vaticano e tutte le chiese.

DuralexItalia

Ven, 22/07/2016 - 14:57

Che grande messaggio di speranza per il mondo: le monache non si perdano su Facebook. E non pensino a riempire i monasteri, non sia mai possano occorrere anche per altro. Io avrei lanciato anche un altro potente messaggio: i sacerdoti non si attardino su internet... sai com'è... politiche di parità tra sessi.

@ollel63

Ven, 22/07/2016 - 15:47

ma tu sei perso nel baratro del tuo cervello. Torna subito in argentina e restaci.

venco

Ven, 22/07/2016 - 17:43

Quant'è falso questo papa.

antonmessina

Ven, 22/07/2016 - 18:01

meglio facebook che sentire le sue ca..volate

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 22/07/2016 - 18:08

Questi sono i problemi dell'Italia Bravo francesco!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

gigetto50

Ven, 22/07/2016 - 18:12

....voglio vedere se di colpo le monache decidono di andarsene dalla clausura.... E poi si lamenta della mancanza di vocazioni...

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Ven, 22/07/2016 - 18:31

care sorele. rirordateve che feisbùc es el instrumento del diablo.

123214

Sab, 23/07/2016 - 08:17

ma cosa interessa cosa fanno le suore di clausura ad uno che sta facendo convertire la chiesa intera all'islam?!! vergognati!

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Sab, 23/07/2016 - 09:42

Il Papa Immigratorio appioppa interi barconi a noi, ma di suo non si vuole nemmeno caricare delle suore straniere. Come volevasi dimostrare: preti e comunisti, sempre santi e compagni, tranne che all'interno della propria lussuosa magione.

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Sab, 23/07/2016 - 10:19

Udite - udite, conclusioni dispositive della costituzione apostolica (dal sito del Vaticano): Art. 2 § 6- "Nonostante la costituzione di comunità internazionali e multiculturali manifesti l’universalità del carisma, si deve assolutamente evitare il reclutamento di candidate da altri Paesi con l’unico fine di salvaguardare la sopravvivenza del monastero. Siano elaborati dei criteri per assicurare il compimento di ciò". Chi se l'aspettava una cosa del genere da Bergoglio?

Sabino GALLO

Sab, 23/07/2016 - 11:26

Queste poverette dovrebbero dedicarsi alla "sola contemplazione". Neppure il diritto di accogliere altre poverette desiderose di unirsi alla loro vita cristiana, per capirne la grandezza! Cosa che comporta anche la sopravvivenza del "loro" monastero ( che è casa anche dei cristiani non di clausura)! " PREGATE per i poveri, i migranti, i rifugiati e perseguitati, per le persone senza lavoro, per i poveri e gli ammalati, ecc."! Preghiera e contemplazione! Anche se di clausura, saranno ancora persone umane? FORSE HA RAGIONE, MA NON E' FACILE CAPIRLO!

Klotz1960

Sab, 23/07/2016 - 13:03

Complimenti al Giornale, primo fan di Bergoglio. Dopo l'Osservatore Romano, e' il quotidiano che piu' gli da spazio. Veramente, complimenti.