Pisa, blitz antiterrorismo: arrestato un marocchino

È stato eseguito un arresto nei confronti di un cittadino del Marocco accusato di reati specifici di propaganda e istigazione alla Jihad

Blitz della Polizia di Stato di Pisa che diretta dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Firenze, sta eseguendo un’operazione di contrasto al terrorismo internazionale. Al momento è stato eseguito un arresto nei confronti di un cittadino del Marocco accusato di reati specifici di propaganda e istigazione alla Jihad. Si tratta di un soggetto di origine marocchina ritenuto responsabile di reati specifici di propaganda e istigazione alla jihad. L'arresto è arrivatoi dopo i blitz di Milano e Roma che hanno portato al fermo e all'arresto di alcuni sostenitori della Jihad tra cui i familiari di Maria Giulia Sergio, la "lady jihad" fuggita in Siria per seguire i jihadisti. Si stringe dunque il cerchio attorno ai jihadisti e ai simpatizzanti dell'Isis in Italia. Il Viminale e i servizi sono in stato di massima allerta anche dopo gli attentati della Tunisia. I controlli sul web e anche tra chi sbarca nel nostro Paese si fanno sempre più stringenti.

Il marocchino, Jalal El Hanaoui, 25 anni risiede nel comune di Ponsacco (Pisa). L’operazione, condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Firenze è ancora in corso. La task force messa in campo dalla Polizia di Stato è costituita, oltre che da operatori Digos specializzati nelle attività di contrasto al terrorismo, da unità artificieri, da operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni, dalla Polizia Scientifica e dal Nucleo Prevenzione Crimine della Polizia di Stato. Le indagini sono in corso. I dettagli dell’operazione verranno forniti alle 11 nel corso della conferenza stampa presso la Procura della Repubblica di Firenze.

Nella sua attività di istigazione al terrorismo, il marocchinoi, postava su Facebook anche foto di celebri monumenti dell’occidente, forse considerati da lui obiettivi di attentati. Tra questi la Statua della Libertà, la Torre di Pisa, la cattedrale di San Basilio a Mosca. Ma anche un muro in Israele per la separazione dei territori occupati e un’avveniristica architettura a Dubai.

Commenti

FRANZJOSEFF

Lun, 06/07/2015 - 08:33

SEMPRE IN CITTA' COMUNISTE

Tuthankamon

Lun, 06/07/2015 - 09:28

Solite amministrazioni di sinistra-sinistra. Pisa si distingue insieme a Ravenna. Non si cammina per strada da tanti clandestini che circolano!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 06/07/2015 - 11:00

Ormai sia sa, come la Torre di Pisa, da che parte pende tutta quella gente di matrice islamica che bazzica per le contrade italiche ... nessuno che frequenti la Santa Messa e che si metta in fila come fanno i comuni mortali cittadini elettori contribuenti italiani nipoti degli eroi del Piave e figli snaturati della Resistenza.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 06/07/2015 - 11:02

La magistratura l'ha già rimesso in libertà? Cronometriamo.

Ritratto di bracco

bracco

Lun, 06/07/2015 - 13:36

Sicuramente l'aspirante terrorista si sentiva una risorsa per l'Italia e allora cosa meglio che mettere in pratica i propri intenti in una città gestita dalla sinistra che coccola e continua chiamarli risorsa

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Lun, 06/07/2015 - 14:59

Pisa è una città di idioti; anche se gli buttano giù la torre continueranno a votare komunista.

billyserrano

Lun, 06/07/2015 - 16:50

Controllare che nell'hotel dove lo metteranno, ci siano internet, tv e piscina. Altrimenti si lamenterà e lo dovranno trasferire.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Lun, 06/07/2015 - 16:53

Un'altra risorsa non andata a buon fine.

maurizio50

Lun, 06/07/2015 - 18:20

Miscredenti! Le risorse vanno nelle città ultracomuniste perchè vogliono diventare deputati del PD, come insegnano i vari Kyenge e Chaouki: La cosa incredibile è che poi trovano pure gli idioti che li votano!!!!!

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 06/07/2015 - 18:31

Il mussulmano ti da una mano

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 06/07/2015 - 18:50

Secondo le maldicenze saranno stati quelli di Livorno che lo hanno inviato per far raddrizzare la Torre di Pisa. Una vera autentica bischerata sopratutto perché hanno saputo "valorizzare" le risorse composte da immigrati di tutte le risme al fine di raggiungere lo scopo: MEGLIO UN MORTO IN CASA CHE UN PISANO ALLA PORTA.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Lun, 06/07/2015 - 20:10

Visto che siamo in guerra, se non con l'Islam, ma lo siamo sicuramente con gli jihadisti, perché non prevedere la pena di morte verso questi personaggi? Loro morirebbero felici da martiri e noi libereremmo l'Italia!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 06/07/2015 - 20:11

@primulanonrossa: e ci aggiungerei visto come "rispettano" i ricchioni di ogni razza, religione, sesso masculo o fimmina, ... e ti spanna l'ano ... con un volo dall'undicesimo piano ... senza carta igienica. Comunque a prescindere dalla facile ironia e dallo sberleffo gratuito più che a questi siamo nelle mani di una massa politica che definire da "ultimo stadio" è l'agonia di un periodo storico che sta bruciando a mo' di meteora quello che di valido hanno costruito le generazioni scampate dall'orrore e errore della guerra 1940-1945. Ossequi.

FRANZJOSEFF

Mar, 07/07/2015 - 06:25

PRIMULANONROSSA IO AGGIUNGEEI IL MUSSULMANO TI DA UNA MANO AL PD E ALLA CGIL QUANDO AVRANNO IL DIRITTO DI VOTO

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 07/07/2015 - 08:53

Due mussulmani ti danno due mani

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 07/07/2015 - 20:14

@maurizio50: se non ci fossero gli idioti che votano forse la situazione italiana sarebbe un po' in campana ma purtroppo chi è causa del suo mal ... Ossequi.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 07/07/2015 - 20:16

Nei CIE cominciano a fare le rivolte ... dopo tanto tempo che lavorano rinchiusi negli stessi ora pretendono le ferie sindacali.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 08/07/2015 - 04:44

Ormai l'Italia è diventata come un immenso pantano: chi ha la barca galleggia e chi mette un piede in acqua vien inghiottito dalle sabbie mobili alias assenza di privilegi e zavorra della burocrazia e malaffare.