Un pokerista sconsiderato

La temeraria scommessa di Renzi ha una logica chiara, anche se si basa su premesse sbagliate

La «puntata» con cui Matteo Renzi ha sperato di fare saltare il banco della politica italiana, arrivando a trasformare il referendum sulla pasticciata e approssimativa riforma costituzionale in un giudizio su se stesso e il suo governo, lascia il Paese in una situazione molto difficile. Sono in molti a chiedersi ora, di fronte a questa débâcle, perché lo abbia fatto. Delirio di onnipotenza, megalomania e arroganza? Forse c'è anche un po' di questo, ma la sua temeraria scommessa ha una logica chiara, anche se si basa su premesse sbagliate. In particolare su una conoscenza approssimativa della realtà del Paese. A dimostrarlo è stata la stessa altissima e non prevista affluenza alle urne.

Il no a una riforma che, abbinata alla nuova legge elettorale, rischiava di creare le condizioni per una svolta autoritaria, è stato netto. Così come la bocciatura del presidente del Consiglio e del suo governo, un risultato che, da un po' di tempo a questa parte, si ripropone in Occidente ogni volta che un governante si sottopone al voto popolare. Anche questo Renzi avrebbe dovuto saperlo. Perché scegliere di rischiare in questo modo, allora? Perché tentare un «all in», come si dice a poker quando si decide di puntare tutto. Perché una eventuale vittoria del Sì valeva la candela, mentre, tutto sommato, i rischi di una sconfitta, a giudizio di Renzi, potevano essere contenuti e gestiti a suo vantaggio. Il premier dimissionario ha iniziato subito a farlo, mostrando che chiunque dovrà fare i conti con il suo gruppo di potere. Certo, la posta grande, che avrebbe consentito di costruire un modello istituzionale disegnato sulle sue esigenze, è andata malamente perduta.

Per cambiare realmente il Paese bisognava partire da una riforma seria della pubblica amministrazione, mettere mano a un'imponente semplificazione legislativa e intervenire sui regolamenti parlamentari per migliorare la produzione di leggi. La Costituzione va rivista, semmai, nella sua prima parte, in modo da entrare nel novero delle democrazie liberali, trasformando in una Costituzione procedurale quella che a oggi è una Costituzione programmatica, non lontana in alcuni suoi articoli da quella sovietica.

Commenti

JosefSezzinger

Dom, 11/12/2016 - 15:08

Lettura consigliata al Signor Ostellino: Art. 141 della Costituzione Svizzera In Italia sarebbe l'unica riforma della Costituzione di cui avremmo bisogno.

Una-mattina-mi-...

Dom, 11/12/2016 - 15:29

PIU' CHE POKERISTA, praticante del gioco del poker, lo definireti PORKERISTA, perchè a me certi comportamenti paiono una porkeria

NotaBene

Dom, 11/12/2016 - 16:01

Grazie Ostellino. Con un solo aggettivo costituzione "procedurale", invece che "programmatica" è riuscito a definire, in un modo che più sintetico non si può, in che cosa si distingua una buona costituzione da una cosiddetta "la più bella del mondo", che blocca il Paese da decenni. Il dirigismo del nostro mondo politico consiste nel voler programmare la vita e il popolo stesso, ritenuto incapace di esprimersi. Libertà la chiave del progresso!

Ritratto di Unicum68

Unicum68

Dom, 11/12/2016 - 16:08

Ma quale svolta autoritaria? Se poi parliamo di riforma della pubblica amministrazione ha visto come volendo uniformare il servizio sanitario ed i costi e misurare i meriti dei manager che invece prendono dempre il tetto massimo dei premi ci si è messa pure la consulta ed il grande e virtuoso Veneto del Nord Est (produttivo) ha fatto ricorso contro l'abolizione delle partecipate (ma non volevano eliminarle tutti?). In realta nessuno dei no ma magari anche dei si ha votato leggendo i quesiti ma seguendo i diktat dei capi partito a cui si ispiravano e allora ecco il risultato! Come al solito a spararsi addosso è stato il centro sinistra con i poltronai D'Alema E Bersani e gli idealisti di un comunismo finito. Ora i grillini vogliono il voto e gli altri se non riuniscono l'accozzaglia con un maggioritario con sbarramento al 10% che ridurrebbe la vergogna dei 34 partiti che abbiamo non arrivano nemmeno al secondo turno! Pero' adesso che la m... è piovuta tutti dove sono scappati?

nopolcorrect

Dom, 11/12/2016 - 16:42

Risultato finale futuro: o alleanza PD con Forza Italia o alleanza M5S con Lega e Fratelli d'Italia se i pentastellati non vorranno avviarsi verso lo sfaldamento non riuscendo a toccare palla.

Tuthankamon

Dom, 11/12/2016 - 16:53

Condivido. Tuttavia continuo a pensare che Renzi non "sia solo". Nel senso che il referendum è stato fatto ad arte (mettendo in conto la possibile sconfitta) e con la prospettiva che con la sua età, in ogni caso è destinato a tornare al vertice considerato l'andazzo pluridecennale italico. "Qualcuno" ha indottrinato e fatto delle promesse a Renzi fidando sullo zoccolo duro della sinistra. Non sono un complottista, ma in questo caso e in quelli di altri Paesi, qualcosa sfugge alle opinioni pubbliche. Fortuna, nel nostro caso, che il pasticcio proposto era talmente indigesto e di scarse prospettive che lo abbiamo sgamato. Per stavolta.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 11/12/2016 - 22:56

Veniamone fuori al più presto. Ne va del futuro di tutti. O della nostra condanna.

ego

Dom, 11/12/2016 - 23:27

per Unicum68----Condivido parola per parola. Bravo.

adal46

Lun, 12/12/2016 - 00:07

Un premier (giovane... finalmente, ma anche inutilmente!) che ha bruciato tutto per il suo "ego", non ha letto il trend del malessere, ha rifiutato il dialogo democratico, enunciato promesse senza seguito, licenziato 4 "esperti di spending review", acquistato un aereo assurdo, può considerarsi fortunato di non essere stato messo sulla graticola a fuoco lento già nel seggio. "perchè mi odiano così?", dice senza accorgersi di essere lui a odiare intere categorie.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 12/12/2016 - 00:59

@Tuthankamon: speriamo che questa esperienza "riformatoria" sia una lezione da manuale per i giovani cittadini italiani, speranza del futuro se lontani dalle lusinghe del palazzo e vaccinati contro i vizi, e un monito alle quinte che celano malevoli attori. Ossequi.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 12/12/2016 - 01:06

Nel testo si afferma che i gruppi di potere manovrano i pupi al "potere", beh non è una novità semmai è il cittadino elettore che si fa turlupinare con le promesse elettorali gridate ai quattro venti quali sirene acchiappa voti e se non accorto si fa scippare l'arma con la quale in democrazia può difendersi, il voto, o suicidarsi "a sua insaputa".

Ritratto di mario bonelli

mario bonelli

Lun, 12/12/2016 - 05:02

#Unicum68- Con la sua domanda di inizio commento, a me pare che l'unico che non ha letto il testo della riforma, prima del voto, è proprio lei. Direi invece che, contrariamente a quanto temevo, per una voltal'elettore italiano non si è lasciato incantare dalle sirene partitiche ed ha dato, vista anche l'affluenza al voto, una risposta netta ad una riforma arrogante e velleitaria, tagliata su misura per le aspirazioni di potere del ragazzotto di Rignano. Ora confido che, prima o poi, ci sia la speranza di una riforma proprio della prima parte della Carta, quella che a sinistra viene considerata intoccabile, spazzando finalmente via gli anacronismi e le suggestioni filo-sovietiche. Tra le riforme improcrastinabili considero essenziale, visto il costume politico nostrano, l'introduzione del vincolo di mandato, ponendo così fine, una volta per tutte, alla vergogna tutta italiana degli Alfano, Verdini, Scilipoti e numerosissima compagnia.

paolonardi

Lun, 12/12/2016 - 05:45

Ostellino e' sempre lucido e' preciso. In quest'occosione ho un'altra idea per spiegare il comportamento del nostro perche' cio' che dice Ostellino darebbe un credito di una intelligenza che il contadino di Rignano non ha. E' solo un arrogante presuntuoso con ambizioni ducesche a cui e' andata male. Ora fa il puro e, forte dell'appoggio del vecchiaccio prepara il ritorno alla poltrona tenutagli in caldo dal servo sciocco col beneplacito dell'ameba.

robytopy

Lun, 12/12/2016 - 08:06

Gentiloni = Renzi bis Saranno contenti coloro che hanno votato contro Renzi e non contro la riforma. Che cosa hanno ottenuto ? Nulla

mstntn

Lun, 12/12/2016 - 10:19

Perdere tempo in Italia fa comodo ai politici e ai giornalisti. È tutt'uno. Tutti dicono che bisogna fare le riforme poi non si fanno mai. Così passano i secoli. Gli uni chiacchierano gli altri raccontano le chiacchiere aggiungendo le proprie. Ricordo Onofrio Quagliariello D'Alema Berlusconi ora Renzi. Ma cosa in realtà si perseguisce? Vivere facendo chiacchiere!

robytopy

Lun, 12/12/2016 - 10:37

Mario Bonelli:lei è un grande ingenuo. La Costituzione ? dei primi 12 articoli solo sull' ultimo, almeno per il momento, non si può dir nulla. Il 95 % dei partecipanti al voto non ha letto nè la vecchia, nè la nuova costituzione, il voto è stato esclusivamente pro o contro Renzi e quel che è grave seguendo a occhi chiusi la linea del partito di appartenenza.

robytopy

Lun, 12/12/2016 - 10:39

Se Renzi fosse di provenienza dell' interland milanese e non della terronia(in senso buono) fiorentina, sicuramente il risultato di domenica sarebbe stato diverso.

robytopy

Lun, 12/12/2016 - 10:40

Renzi antipatico ? chi sono i simpatici ? Salvini, Meloni, Berlusconi, Grillo ?

robytopy

Lun, 12/12/2016 - 10:42

Criteri di scelta ! ? ! Oggi noi cittadini si deve scegliere non il migliore ma il meno peggio. e i politici fanno ugualmente: -non prendono i provvedimenti migliori ma quelli che producono il minor male-.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 12/12/2016 - 12:43

Questo signore sapeva di perdere. La campagna che ha condotto era solo un modo per rendersi ancor più inviso. In questo modo esce di scena come Premier in carica dimostrando due cose: 1) che lui mantiene quello che dice (se qualcuno ancora ci crede) e che quindi lui è diverso, e 2) che tutto ciò che delle sue promesse non si realizzerà non sarà per colpa sua (avevamo qualche certezza che potesse mantenerle?). Il referendum era l'unico modo di uscire di scena senza essere sfiduciato dal Parlamento, cosa che avrebbe minato la sua immagine all'estero.

mstntn

Lun, 12/12/2016 - 12:46

robytopy e terronia: non si capisce cosa c'azzecca. Ti manca un po' di sole e di cibo genuino. Hinterland con la h! Ah se avessi studiato a Sud!

robytopy

Lun, 12/12/2016 - 14:02

mstntn: si vede che non hai capito, interland senza H era voluto per dimostrare l' appartenenza alla terronia fiorentina, quanto al sole e al cibo genuino, io gestisco un ristorante e uno stabilimento balneare in versilia (v minuscola)!

robytopy

Lun, 12/12/2016 - 14:08

con le prossime elezioni ecco a voi servito il nuovo governo: Renzi-Berlusconi eccezionale !

conviene

Lun, 12/12/2016 - 14:48

per unicum 68. condivido pienamente . grazie

Ritratto di Unicum68

Unicum68

Mar, 13/12/2016 - 19:21

Grazie Ego per la condivisione! Almeno qualcuno fuori dal coro di chi scrive su i blog del Giornale! Grazie