Se l'università tollera i violenti e mette a tacere Rocco Siffredi

A Bologna vengono tollerate le violenze dei collettivi contro Panebianco. A Firenze viene vietato un incontro sulle case chiuse perché parla l'ex pornostar

All'università di Bologna i violenti vengono coccolati. A Firenze, invece, viene allontanato Rocco Siffredi. Il dibattito sulle case chiuse, a cui doveva partecipare anche il più famoso pornoattore d'Italia, è stato vietato dall'ateneo toscano. Gli studenti di Azione universitaria si sono sentiti dire "no" dai presidenti sia della scuola di Economia che di quella di Giurisprudenza alla richiesta di utilizzare un'aula per un incontro che prevedeva anche la partecipazione di esponenti politici dei principali partiti.

A Bologna vanno in scena da giorni le violenze e i soprusi del collettivo Cua. Le lezioni del professore universitario Angelo Panebianco sono state più interrote. Striscioni e volantini per non farlo parlare alla facoltà di Scienze politiche. Gli antagonisti non hanno digerito un articolo pubblicato sul Corriere della Sera. Non è la prima volta che il docente è vittima delle proteste degli antagonisti a causa delle opinioni espresse nei suoi fondi: nel gennaio del 2014 era stato il collettivo Hobo ad imbrattare l'ingresso del suo ufficio in ateneo e pochi mesi dopo, a luglio, a murare la porta dell'ufficio e scrivere sui muri con vernice rossa. Per il Collettivo universitario autonomo il professore nel suo editoriale del 14 febbraio sulla questione libica, dal titolo Noi in Libia saremo mai pronti?, avrebbe preso una "posizione reazionaria e sciovinista", essendo "un docente da sempre legato agli interessi bellici nostrani".

Troppo spesso i violenti di sinistra vengono tollerati. Per fermare i loro soprusi non viene mai usato il pugno duro. Invece succede che a Firenze, in un altro ateneo, venga cancellato un incontro sulle case chiuse perché tra i relatori c'è Rocco Siffredi. "Ci hanno detto che non autorizzavano l'uso dell'aula, senza fornire alcuna motivazione - ha affermato Angela Sorice, coordinatrice di Azione universitaria Firenze - ci è sembrata una censura bella e buona". Azione Giovani non ha invitato Siffredi in qualità di ex pornodivo, ma in veste di imprenditore. "Conosce bene il tema - spiegano gli organizzatori - tanto che ne ha parlato in diverse trasmissioni". Ora gli studenti di Azione universitaria si dicono pronti a fare una richiesta anche al rettore.

Commenti
Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Dom, 28/02/2016 - 15:35

State pure sereni miei cari Bananas non vi siete perso nulla.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 28/02/2016 - 15:37

Ogni potere ha le sue unità di misura. nopecoroni.it

ziobeppe1951

Dom, 28/02/2016 - 16:17

Marino biroccio...poteva sempre essere istruttivo x te che lo prendi sempre nel posto sbagliato...o forse no...PiDiota

Aegnor

Dom, 28/02/2016 - 16:18

Stanno solo applicando la democrazia kkkomunista

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 28/02/2016 - 18:07

.....gli esempi che fa il giornalista non calzano per nulla--l'invito di un esterno per un dibattito nell'università è a completa discrezione del preside di facoltà--bisognerebbe chiedere lumi al preside sul perchè non voglia far parlare siffredi--- per quanto riguarda quelli del cua invece--essi non sono esterni --poichè sono studenti universitari che pagando fior di tasse e hanno diritto all'accesso alle aule-per quanto concerne poi il fatto che quelli del cua non vengano puniti occorre dire che questo non corrisponde al vero poichè la procura di bologna attende di ricevere gli atti dalla Digos: come da prassi verrà aperto un fascicolo d'indagine e si potrebbe procedere per i reati di violenza privata e interruzione di pubblico servizio.... della serie: articolo fumo negli occhi e fazioso---

guardiano

Dom, 28/02/2016 - 18:11

marino birocco certo che ha te il palo di Siffredi fa un baffo, tu sei di palato fine, sei abituato a ben altre misure.

Ritratto di Deluso_da_tutto

Deluso_da_tutto

Dom, 28/02/2016 - 18:14

Questa è invidia del pene bella e buona.

lupo1963

Dom, 28/02/2016 - 20:14

I centri sociali sono da affrontare a mazzate.Ma anche questo che va a destra e sinistra a pontificare di sesso col sorrisetto e le battutacce non lo sopporto...Immaginiamoci che apporto ad un dibattito universitario.Ridicolo,solo in un paese dove cicciolina e' andata in parlamento.Apriamole le case chiuse,facciamo scop@re di piu' e chiaccerare meno di sesso.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 28/02/2016 - 20:36

A Rocco fatte frocio e vedrai che le Università te manterranno vita natural durante mejo der vitalizio ministeriale. E meno male che Rocco Siffredi tiene in alto l'onore delle nerborute virtù italiche non come altri che si mettono a 90° per rabbonire isterici repressi. Daje de dritto daje de tajo ..

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Dom, 28/02/2016 - 21:52

Purtroppo il settarismo pensinsulare non sparisce. Nero prima del 1945, rosso dopo.

yulbrynner

Dom, 28/02/2016 - 22:20

guardiano impara l'italiano.. ha te...aahaahha x non saper scriver in italiano non sei piu' il guardiano del faro ma bensi' aspiri a fare il guardiano del palo di Siffredi ahahha

ghorio

Dom, 28/02/2016 - 23:19

Naturalmente solidarietà a Panebianco. Condivido, però, il divieto dell'aula per il cosiddetto pornostar, per il quale sembra che tanti enfatizzino come "grande " personaggio. Cerchiamo di essere seri!

Ritratto di giulio_mantovani

giulio_mantovani

Lun, 29/02/2016 - 00:44

Peccato perché l'incontro universitario di Firenze sarebbe stato interessante. Di questi tempi in cui va di moda la fregola arcobaleno delle libertà nelle unioni sessuali tra gay, lesbiche, transgender e quant'altro, non vedo dove sia l'inghippo di ripristinare i “casini” o di dare libertà anche alle “signorine” che vogliono mettersi in proprio e in regola con lo Stato; infatti alcune addirittura si sono fatte avanti col richiedere la partita Iva per poter pagare le dovute tasse! Nessuna risposta. Eppure sarebbe un vantaggio sia per le esauste casse statali che frugano sempre nelle tasche dei cittadini, sia per togliere dalle strade spettacoli sgradevoli, sia per lasciare spazio ai timidi, giovani o meno, che non osano o non possono permettersi lezioni di sesso. Non sarà forse che la lobby dei papponi è troppo forte?

ghepardo50

Lun, 29/02/2016 - 05:42

il sonno della ragione è dietro l'angolo, anni fa quando la sinistra era all'opposizione in italia c'era la democrazia, ora che sono al potere la democrazia ogni giorno che passa arretra.....

ghepardo50

Lun, 29/02/2016 - 05:44

marino.birocco, a te invece piace il sonno della ragione

Ritratto di lettore57

lettore57

Lun, 29/02/2016 - 06:30

@yulbrynner Professore dei miei stivali (e senza offesa per gli stivali) le rammento che: anche nei posts è necessario restare in tema dando il proprio parere su quanto citato nell'articolo (capisco che è impresa ardua per lei ma allora taccia) e poi, quando si inizia una frase, la prima lettere deve essere maiuscola.