Draghi asfalta ancora la Merkel: "Non sto ad ascoltare i politici"

Il governo mette in guardia Berlino: "Sarebbe anormale se la Bce stesse a sentire i politici". Poi l'affondo: "La mia nazionalità appassiona solo i media tedeschi"

Mario Draghi andrà all'audizione al Bundestag. Dritto nel covo del nemico, il Parlamento tedesco dove Angela Merkel fa e disfa. Accetta l'invito che gli è stato rivolto e si prepara a sbattere in faccia ai tedeschi la verità. Perché, e questo ci tiene a metterlo in chiaro sin da subito, "la Bce obbedisce alla legge, non ai politici". "È normale che i politici commentino le nostre misure - ha spiegato il governatore della Bce in un'intervista alla Bild - ma sarebbe anormale se noi li stesse a sentire". Una presa di posizione durissima che arriva dopo le forti critiche rivoltegli dal ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble.

Dal braccio di ferro sulle misure economiche al Brexit, Draghi scende in campo mettendoci la faccia. Non accetta le intromissioni della Germania e, in attesa di presentarsi davanti al Bundestag per presentare la politica della Bce sui tassi, rispedisce al mittente le accuse di favorire gli interessi dell'Italia. "Non c'è davvero nessuno al mondo che sia interessato al fatto che sono italiano, a parte i media tedeschi", dice alla Bild ribadisce che "un presidente tedesco terrebbe esattamente la stessa rotta che abbiamo al momento". Detto questo, resta convinto che la maggior parte dei governi dell'Eurozona si stiano muovendo, "anche se troppo lentamente". "Sarebbe bene se facessero di più - spiega - ma questo non dipende direttamente dalle politiche della Bce". A preoccuparlo, però, non sono soltanto le mancate riforme ma il rafforzamento del nazionalismo e dell'isolazionismo in Europa. "Non voglio e non posso credere che gli inglesi votino per uscire (dall'Unione europea, ndr) perché siamo più forti insieme", conclude il presidente della Bce avvertendo che, "se lo fanno, deve essere chiaro che perdono i benefici del mercato unico".

Commenti
Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Mer, 27/04/2016 - 18:35

...almeno MR.Draghi come ITALIANO fa sentire la voce opposta alla linea Tedesca. Bravo Mr.Draghi.

carpa1

Mer, 27/04/2016 - 18:44

Qualcuno che critica Draghi ci spieghi invece perchè non ha mai criticato la politica dei vari Duisenberg, Trichet e company che l'hanno preceduto! Quelli che, mentre la FED stampava $$ a manetta per sostenere l'economia interna USA ed azzerava il costo del denaro, continuavano ad insistere nel tenere l'€ alle stelle (1.60 contro dollaro) soffocando le esportazioni dei paesi europei.

lupo1963

Mer, 27/04/2016 - 19:19

Vedrai Rame come ci "asfaltano"i Tedeschi...

marcosabelli

Mer, 27/04/2016 - 23:12

Penso che l'asfaltato sia lui, dove vuole andare?, tra due anni scade il suo mandato, la sua politica monetaria è stata un fallimento totale, ha svalutato l'Euro del 20%, ha azzerato i guadagni dei risparmiatori onesti, senza che l'economia reale italiana si sia mossa di un millimetro Deaghi ha fatto più che altro gli interessi del grande capitale speculativo. Adesso è anche stato scaricato dal padrone del vapore, ovvero la Merkel e dove vuole andare questo poveraccio???? Finirà i suoi giorni da governatore nell'ignominia e coperto di scherno. Il grave è che passerano almeno altri 200 anni prima che un italiano ridiventi governatore della Bce.

marcosabelli

Mer, 27/04/2016 - 23:52

@AlleXpert Non c'è voce pro o voce opposta, Draghi è un'emanazione della classe dirigente italiana, è semplicemente un confusionario, un pasticcione, come sono i suoi colleghi qui in italia.

tonipier

Gio, 28/04/2016 - 09:26

" UNA PERSONA DEGNA " Ne avessimo?.

lupo1963

Gio, 28/04/2016 - 10:11

Sapete chi "asfaltera'"DAVVERO draghi ?Gli Italiani.Prima o poi ce lo troveremo ,invocato come novello salvatore della patria,tra i piedi, come un secondo monti.Con gli stessi risultati,disastrosi per noi e splendidi per la grande finanza.