Siria, Hague: "Diplomazia troppo lenta" Mezzi corazzati ai ribelli

Da Londra un piano da 13 milioni di sterline per sostenere chi si oppone ad Assad. Il ministro degli Esteri chiarisce: "Non si pensa a un intervento militare"

La diplomazia va bene, ma non basta più. Almeno a sentire William Hague, ministro degli Esteri britannico, che sulla questione siriana ha un punto di vista piuttosto preciso.

Se i risultati non arrivano è perché si utilizzano i canali sbagliati; quelli diplomatici, che stanno "prendendo troppo tempo". Quando invece la crisi avanza con ben altro passo e ha già raggiunto "proporzioni catastrofiche".

Nel suo discorso al Parlamento londinese, Hague non lascia spazio a tanti dubbi. Quanto si è deciso nel recente incontro romano degli Amici della Siria va bene, l'impegno per la risoluzione del conflitto è positivo, ma la comunità internazionale non può rimanere a guardare, mentre il numero dei morti e quello degli sfollati - alle ultime stime un milione di persone - continuano a lievitare.

Bisogna "essere pronti - dice il ministro britannico - all’eventualità di andare oltre nel caso in cui non si trovi una soluzione politica". Andare oltre significherebbe in pratica fornire aiuti militari. Hague però non parla al momento di armare i ribelli, ma piuttosto di fornire mezzi corazzati "non da combattimento".

Il programma che ha in mente Londra prevede aiuti logistici e umanitari per un totale di 13 milioni di sterline, oltre 15 milioni di euro. Hague mette in chiaro: "Nessun paese occidentale sta pensando a un intervento militare". Per ora si pensa all'assistenza "che possiamo e dovremmo fornire all’opposizione". Ma la sua posizione sembra leggermente più possibilista rispetto a quella del segretario di Stato americano, John Kerry, che ha promesso "aiuti non letali", costituiti soprattutto da cibo e forniture mediche.

Commenti

mila

Mer, 06/03/2013 - 17:59

Con tutte le armi ricevute finora (non si sa da chi) i ribelli non riescono a vincere; hanno bisogno di "mezzi corazzati pacifici". Attualmente il popolo siriano, filoassad o no, ma che resiste ai terroristi, e' l'unico che lotta coraggiosamente per la sua indipendenza.

Ritratto di serjoe

serjoe

Mer, 06/03/2013 - 18:30

Visti i di lui gusti sessuali, e' la persona sbagliata nel posto sbagliato.Dovrebbe stare invece in un posto dove trattano le richieste per le copie omosessuali,i matrimoni gay e similaria, e non occuparsi di cannoni.A meno che voglia aiutare coloro che sapranno trattarlo nel modo che lui forse sogna, se dovessero arrivare come vincitori a Londra.