Antonio Gentile si dimette da sottosegretario

La decisione del senatore di Ncd dopo lo scandalo sull'intimidazione al giornale L'Ora della Calabria: "Torno a fare politica nelle istituzioni e nella mia regione". Renzi: "Una scelta che apprezziamo". Ma per il governo resta un passo falso

Alla fine l'alfaniano Antonio Gentile ha deciso di fare un passo indietro. Sommerso da una selva di critiche, accuse e minacce, il governo perde la prima pedina. Il neo sottosegretario alle Infrastrutture, nominato da Matteo Renzi venerdì scorso, si è dimesso dopo le pressioni esercitate sul direttore de L'Ora della Calabria per non far pubblicare un'inchiesta che vedeva invischiato il figlio. "È stata una scelta di Ncd che rispettiamo e apprezziamo", si è limitato a commentare il premier. Ma le dimissioni di Gentile non sono altro che un passo falso per il governo e uno schiaffo per Angelino Alfano.

"Torno a fare politica nelle istituzioni, come segretario di presidenza, e nella mia regione, come coordinatore regionale - ha scritto Gentile nella lettera di dimissioni inviata a Renzi - aspettando che la magistratura , con i suoi tempi che mi auguro siano più brevi possibile, smentisca definitivamente le illazioni gratuite di cui sono vittima". È durato soli tre giorni. Stasera, però, ha deciso di lasciare la carica da sottosegretario. Una sconfitta per il Nuovo centrodestra e, soprattutto, uno schiaffo per Alfano che aveva indicato il suo nome per affiancare Maurizio Lupi al dicastero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Proprio per questo le dimissioni di Gentile potrebbero incrinare gli equilibri del governo dal momento che il patto tra Renzi e Alfano sono stati siglati anche sulla base della spartizione delle poltrone. A conti fatti il presidente del Consiglio non ha mai preso posizione sul caso Gentile sollevato negli ultimi giorni dai suoi stessi compagni di partito. "La notizia - ha esultato il deputao piddì Dario Ginefra - è cosa buona per il governo".

Sulla nomina del sottosegretario all'Infrastrutture erano piovute critiche da tutti i fronti mettendo in seria difficoltà l'esecutivo appena formato da Renzi. Sul presidente del Consiglio era arrivato il pressing della minoranza del Partito democratico che, a gran voce, chiedeva a Gentile di far un passo indietro. Ma il partito di Alfano aveva lanciato l'altolà facendo scudo al suo sottosegretario e difendendolo da quella che il coordinatore del partito Gaetano Quagliariello aveva definito una "corsa a precipizio che di questo passo si sta compiendo verso la barbarie e l'asservimento della politica a operazioni di altra natura". Renzi sembra, così, aver ceduto alle pressioni del Pd che adesso proverà a piazzare al governo un altro uomo del Nazareno.

Come ricorda il procuratore Dario Granieri all'Ansa, Gentile non è indagato nell’inchiesta sulle pressioni esercitate per non far pubblicare la notizia che il figlio del parlamentare è coinvolto nell’indagine sugli incarichi da parte dell’Azienda sanitaria. "Lo ha fatto per il bene comune e con grande generosità", ha commentato Alfano convinto del fatto che "il tempo gli darà ragione". Intanto, Ncd subisce una clamorosa sconfitta a livello di immagine.

Commenti
Ritratto di ..beautifulDay.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Lun, 03/03/2014 - 20:33

Pci pd dc psi...mafia.

tormalinaner

Lun, 03/03/2014 - 20:35

Ritratto quanto detto su Gentile, si è dimostrato persona corretta e mi scuso se ne ho dubitato nei miei post precedenti. Ad una persona che si dimostra un uomo va dato onore e rispetto.

chicolatino

Lun, 03/03/2014 - 20:44

Alfano Alfano..non riesci a fare la sentinella del tuo esercito di leccapiedi e pretendi di essere la sentinella antitasse? certo che la telefonata e' angosciante, ma dimostra il sottobosco in cui si nutre la politica, soprattutto in certe regioni..

Ritratto di pravda99

pravda99

Lun, 03/03/2014 - 21:10

Mi rendo conto che non riusciate a capire perche' mai si sia dimesso...Pensare che c'e' gente che rifiuta per motivi molto piu' gravi...

coccolino

Lun, 03/03/2014 - 21:14

MA IL MINISTRO LANZETTA NON SI DIMETTE, VERO ????????????

scipione

Lun, 03/03/2014 - 21:17

Si e' dimesso ? Era ora. Penso alle minacce e alle str....e del TRADITORE,del " non conta nulla " Cicchitto e TRADITORI CANTANDO utili idioti presi a pesci in faccia e " mosca " da Renzi.HAHAHAHAHAHAHA

Ritratto di navigatore

navigatore

Lun, 03/03/2014 - 21:24

Mi dimetto...torno a RUBARE nella mia regione dove sono protetto dallapolitica mafiosa...

Ritratto di navigatore

Anonimo (non verificato)

cicciosenzaluce

Lun, 03/03/2014 - 21:59

Soldato,questa faccia poco rassicurante ( e di queste facce FI è piena)fino a pochi mesi fa non stava nel PDL ? E chi l'aveva scelto? E chi ha scelto Cosentino,Razzi,Scilipoti e altri simpatici personaggi ? Ecco è meglio che stai zitto !

alfredewinston

Lun, 03/03/2014 - 22:00

A PARTE I COMMENTI SULLA PERSONA, CHE A SENTIRE , SONO PESSIMI, SOMMATO AL FATTO CHE APPARTIENE AD ALFANO E CHE SOPRATTUTTO IL GOVERNO ANCORA DEVE NASCERE ED è GIà MORTO, LA CONCLUSIONE è? BEPPE SERRIAMO I RANGHI.

cicciosenzaluce

Lun, 03/03/2014 - 22:29

coccolino,mi sembra che la lanzetta stia dall'altra parte,evidentemente tu preferisce la parte peggiore,o no ?

cicciosenzaluce

Lun, 03/03/2014 - 22:42

abraxasso,ti pare la faccia di un malcapitato quella ? Lo lasceresti solo in casa tua ? Ti da fiducia uno così ? Allora ho capito il vostro elettorato.

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Lun, 03/03/2014 - 23:01

il pd vi manderà a casa tutti......fessi

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 03/03/2014 - 23:49

Non si tratta di dimissioni onorevoli. Ha tentato di rimanere a galla imitando la faccia di bronzo di Fini. Ha voluto fare la verginella coperta dal fango dei soliti cattivoni ma alla fine non è riuscito a reggere la sceneggiata. IN QUELLA TELEFONATA ALL'EDITORE DELL'ORA DELLA CALABRIA C'ERA MOLTO METODO DI INTIMIDAZIONE MAFIOSO.

Ritratto di MelPas

MelPas

Mar, 04/03/2014 - 00:04

A MACOMER, Sardegna FORZA ITALIA SECONDO PARTITO, Trionfa l'astensionismo, ai punti passa Pigliaru PD che distruggerà la Sardegna come fece il padrone di Tiscali Renato Soru. Il tradimento di Mauro Pili e di Unidos anche locali, consegnano la Sardegna alla sinistra. Stravince Pietro Pittalis Forza Italia con oltre 7000 voti (7573) il più votato in Sardegna e mio pulillo. lantagonistamacomer.it di Mel.Pas.

gibuizza

Mar, 04/03/2014 - 01:00

Leggo sul Fatto quotidiano che il "cinghiale" si è dimesso. Qualcuno può spiegarmi perchè il Fatto può soprannominare Gentile "il cinghiale", Berlusconi "il caimano" e se Calderoli soprannomina la Keynge "la scimmia" tutti urlano al razzismo?

vince50_19

Mar, 04/03/2014 - 07:07

Ed ora ho idea che andrà in onda il tanto ventilato ricatto sulla legge elettorale. Vediamo Renzie che fa oggi, se avremo la riprova che manterrà i patti contratti oppure no.

Albeola50

Mar, 04/03/2014 - 07:59

Come al solito;due pesi e due misure.Ci fossero due o tre persone(politici) limpide,cristalline che pensassero veramente ai problemi della gente e del Paese?No,non ci sono,il piu'importante dei loro problemi consiste nel comprare l'Attak,lo sport invece preferito dai:bersaniani,dalemiani,renziani etcc ettc:infangare e poi FAR buttare dalla torre chi si avvicina troppo alla loro marmellata.Si ci vogliono completamente soggiogati alle loro volonta'.Per noi e per il futuro dei nostri figli e nipoti sara'dura.

Danny46

Mar, 04/03/2014 - 08:14

Cicciosenzaluce....ma lei chi si crede di essere.....parassita di un bolscevico fallito.....

berserker2

Mar, 04/03/2014 - 08:50

Non sempre "in nomen omen...."! Ma come si fa a nominare uno così. Già dalla faccia si doveva capire! Ha la faccia cattiva del traffichino maneggione ed arrogante. Tipico di un certo meridionalismo da avanspettacolo. Tipo "'O Guappo e 'O Malommo". Non gli bastava avere piazzato figli, parenti ed amici in calabria, adesso voleva pure la ribalta nazionale. Col "senso delle istituzioni" ha fatto un passo indietro.....io gliene farei fare due invece! Ma più indecoroso del calabrese, che ovviamente pensava all'interesse suo, è chi ce l'ha messo, ovvero Arfano! La sentinella disattenta.

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Mar, 04/03/2014 - 13:07

@ cicciolina senza mutande, io non voto pdl perché c'è troppo centro e troppa poca destra e i partiti che voto io manco ci arrivano al governo, da almeno settant'anni . Piuttosto pensa ai tuoi ds che dal dopoguerra ad oggi fanno linguainbocca col clero per restare dove c'è il grano da fottere alla faccia tua e di tutti i pirla con le mutande a falce e martello e il pigiama con la faccia di ernestino che cagavara..asta la ciulada siempre

Ritratto di MelPas

MelPas

Mar, 04/03/2014 - 18:53

Adesso dovrebbero mandare a casa anche la sottosegretaria alla cultura P.D. sarda,Francesca Barracciu. Vinse le primarie per la presidenza nel P.D. in Sardegna, ma il partito non la candidò perché indagata (mancano 33000 € all'appello) sui fondi pubblici ai partiti. Come premio Renzi l'ha nominata sottosegretaria !!!!! lantagonistamacomer.it di Mel.Pas.

angelomaria

Mer, 28/01/2015 - 16:21

credevano d'essere intoccabili!!!