La Bit accende la voglia di viaggiare

Padiglioni affollati di pubblico e visitatori professionali a fieramilanocity per la giornata di apertura della Borsa internazionale del Turismo. Il sottosegretario Dorina Bianchi visita lo stand della Marche e invita a fare vacanze nelle regioni colpite dal sisma. Il presidente della Lombardia Maroni lancia l'anno della cultura

In fila prima delle 9,30, orario di apertura della Bit 2017, la Borsa internazionale del Turismo in corso fino a martedì 4 aprile nei padiglioni di fieramilanocity e al centro congressi MiCo. Una “prima” della manifestazione di rappresentanza del turismo italiano, tornata nella location cittadina, che è andata al di là delle aspettative: ingressi senza soluzione di continuità, padiglioni e aree sempre affollate, stand che hanno richiamato l’attenzione continua di pubblico e visitatori professionali.

La Bit accende la voglia di viaggiare e di fare un’esperienza e una scoperta diretta di destinazioni e pacchetti vacanza anche nell’era di Internet e del web. Segnale di un trend in crescita, considerando che nel 2016 il numero dei viaggi con pernottamenti degli italiani è cresciuto per la prima volta dopo 7 anni del 13,7% rispetto al 2015. L’Italia è di gran lunga la prima destinazione - rileva l’Istat - con l’82% dei viaggi, sceglie invece mete all’estero il 17,2% degli italiani. Anche i turisti stranieri l’anno scorso sono aumentati, l’1% sul 2015 - spiega uno studio di Confturismo Confcommercio - ma i soggiorni in media sono di pochi giorni (e qui si pone il tema della promozione della destinazione Italia sui mercati esteri, ancora insufficiente e poco incisiva). Dal 2001 al 2016 la crescita è stata continua sia come arrivi (+55%) che come presenze (+35%) ma la media della permanenza è scesa da 4,1 giorni del 2001 a 3,6 giorni nel 2016, come è scesa la spesa: era 661 euro nel 2016 contro i 1.034 nel 2001, il 36% in meno, anche se nel confronto 2015-2016 la permanenza media è in lieve risalita e solo due ore in più valgono 600 milioni di entrate aggiuntive.

Dati che confermano l’importanza per l’incoming Italia di una manifestazione come la Bit dal punto di vista del business e della promozione. Business che espositori, buyer e visitatori professionali italiani e stranieri hanno avviato subito, negli stand come alla Longue per gli incontri d’affari diretti che erano programmati già prima della manifestazione grazie al sistema di matching predisposto da Fiera Milano.
Ruolo della manifestazione, sottolineato dalla presenza al taglio del nastro del sottosegretario al ministero dei Beni e delle attività culturali e del Turismo Dorina Bianchi, del presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni con l’assessore allo Sviluppo economico Mauro Parolini, del sindaco di Milano Giuseppe Sala con l’assessore Roberta Guaineri, accompagnati dal presidente di Fondazione Fiera Milano Giovanni Gorno Tempini e dal presidente di Fiera Milano Roberto Rettani.

"L’Italia è un Paese tutto da vivere e scoprire – ha detto Dorina Bianchi -, per questo con il nuovo Piano strategico del Turismo che presentiamo qui alla Bit, puntiamo a far andare i visitatori oltre le città d’arte per scoprire le località minori e i piccoli borghi. Anche il Sud ha grandi potenzialità inespresse da sviluppare e per questo occorre investire sulle infrastrutture, come l’Alta Velocità”. La Bianchi ha anche visitato lo stand delle Marche. Il sottosegretario ha ricordato come in Umbria, nelle Marche e in Abruzzo il turismo fosse in ascesa prima del sisma e farlo ripartire è fondamentale per la ripresa: “Con le Regioni stiamo lavorando a stretto contatto, per il piano nazionale del turismo. Abbiamo riunioni periodiche e siamo molto soddisfatti. Il governo è impegnato a valorizzare, con le grandi città d'arte, le realtà più piccole: questo sarà l'anno dei borghi perché è li il vero cuore delle tradizioni e del vivere italiano. Anche questa Bit del resto vuole portare il messaggio di un turismo non solo da vedere ma anche da vivere. Siamo il Paese che tutti vogliono visitare, che ha il più grande numero di siti Unesco al mondo, quindi un'offerta di beni storici e culturali di rilievo a livello internazionale".

"Milano si candida ad essere la capitale d'Europa per tante cose importanti, come l'Agenzia del Farmaco e il turismo. E' un place to bè e un 'place to visit - ha poi sottolineato Roberto Maroni -. La Lombardia è ricca di posti bellissimi da visitare: luoghi di natura, cultura e arte. Purtroppo non tutti i lombardi conoscono queste bellezze. L'impegno della Regione, attraverso l'assessorato guidato da Mauro Parolini, è importante. Con il 29 maggio, festa della Lombardia, chiudiamo l'anno del turismo e iniziamo quello della cultura: sarà un passaggio di testimone fra due eccellenze lombarde". E Mauro Parolini ha spiegato: "La prima cosa che stiamo facendo da tre anni è ripartire con la politica turistica della Regione Lombardia: questo significa creare opportunità per fare sistema perché abbiamo grandi risorse, alcuni brand molto conosciuti come Milano, il lago di Garda e il lago di Como, ma abbiamo anche enormi potenzialità ancora da esprimere: città d'arte, il cicloturismo, per il quale abbiamo predisposto un importante progetto, laghi e montagna".

“Questa è la prima edizione di un nuovo corso, dove sperimentiamo soluzioni per rispondere ai cambiamenti che il settore sta vivendo in questi anni - ha aggiunto il presidente di Fiera Milano Roberto Rettani -. Sappiamo che molti operatori stanno già valutando la partecipazione nel 2018: per questo siamo grati alle istituzioni italiane e internazionali che continuano a darci fiducia e ai grandi player dell’industria del turismo che sono già rientrati. Siamo certi che la qualità dei contenuti, l’investimento sui buyer e l’efficacia del matching, che confermano Bit come più importante momento di incontro mirato tra domanda e offerta turistica in Italia, convinceranno anche le altre realtà a sposare il nostro progetto”.

Tra gli aspetti della nuova formula di Bit più apprezzti da espositori e visitatori professionali, il palinsesto dei convegni con un panel specialistico di alto livello e contenuti di qualità: oltre 90 gli appuntamenti messi in campo dalla Travel Alliance con GiVi, editore di Guida Viaggi e About Hotel, ai quali si affiancano altri eventi e focus selezionati direttamente da Bit. Successo anche per gli speedy meeting: incontri mirati di 20 minuti in cui gli espositori hanno l’opportunità di incontrare anche i top blogger oltre ai buyer, che sono più di 1.500 con un tasso di ricambio di oltre il 60%. Rilevante anche la presenza dei media, con oltre 2.000 giornalisti italiani ed esteri accreditati.

Ecco alcuni dei principali eventi previsti lunedì 3 aprile


Vacanze hi-tech con la mixed reality di MSC Crociere (ore 10 - MiCo, Suite 1)
La prossima frontiera delle vacanze in stile hi-tech? La mixed reality: funzioni smart che, tramite un’app, si “sovrappongono” alla realtà fisica per offrire al viaggiatore un’esperienza ancora più completa. Una delle più innovative realizzazioni in questo campo è MSC for Me, il programma di innovazione digitale di MSC Crociere che offrirà agli ospiti delle navi oltre 130 funzioni smart, tra le quali, un’app per aiutare gli ospiti a personalizzare la propria vacanza in qualsiasi momento, dalla prenotazione di escursioni e ristoranti prima dell’imbarco, alla prenotazione durante una pausa relax sul ponte piscine. La mixed reality debutterà a bordo di MSC Meraviglia, la prima delle 11 unità in costruzione, che entrerà in servizio a giugno e che sarà dotata di 16.000 punti di connettività, 700 punti di accesso digitali, 358 schermi informativi e interattivi e 2.244 cabine dotate di tecnologia RFID/NFC.

Alla scoperta del mercato Lgtb del terzo millennio (ore 10 - MiCo, Sala Amber 2)
Nel mondo una persona su dieci si dichiara appartenente alla comunità Lgbt. Persone che viaggiano più volte l’anno, sono dei trendsetter globali, spendono più degli altri e non si nascondono più. Scelgono chi li sceglie: catene alberghiere che si promuovano nel loro mercato in modo specifico, compagnie aeree che fanno campagne in cui possano identificarsi. Il tema sicurezza tanto caro al turista moderno, per queste persone lo è ancora di più. Sentirsi accolti fa la differenza. Se lo sono, diffondono questo messaggio attraverso tutti gli strumenti che l’era digitale mette loro a disposizione, ma anche se non lo sono.
La recente apertura dell’Italia alle unioni civili in un mondo in cui si può viaggiare solo in determinati Paesi, vede il nostro territorio incluso tra le destinazioni accoglienti lanciando una prospettiva nuova al turismo di settore. Ne discutono, a partire da dati di mercato presentati in esclusiva, Alessio Virgili ceo Gruppo Sonders and Beach; Rosanna Savoldelli, marketing manager Lanfranchi Editore; Silvia Desideri vice presidente global sales Emea Accor Hotels; Marianna Di Salle docente a Met Bocconi; Igor Suran, executive director di Parks Diversity

Presentazione del Piano strategico del Turismo (ore 11 - MiCo, Sala Brown 2)
Innovare, specializzare e integrare l’offerta nazionale per accrescere la competitività e l'attrattività del sistema turistico italiano. Sviluppare un marketing efficace e innovativo. Realizzare una governance efficiente e partecipata. Sono solo alcuni dei punti chiave del nuovo Piano strategico del Turismo, lo strumento messo in campo da governo, enti territoriali e operatori per sviluppare le potenzialità ancora inespresse delle “vacanze italiane”. Se ne parla durante la presentazione ufficiale: nel corso della tavola rotonda verranno illustrate e discusse le priorità 2017. Partecipano: Francesco Palumbo, direttore generale Dg Turismo Mibact; Francesco Tapinasssi dirigente del servizio II Direzione generale turismo Mibact; Gianfranco Battisti, Federturismo Confindustria; Luca Patanè, Confturismo; Gianni Rebecchi, presidente di Assoviaggi Confesercenti Nazionale.

Informazioni: www.bitfieramilano.it