Cascina Linterno restyling finito: "Un gioiello da fare vivere"

È in ritardo di due anni ma la riqualificazione di Cascina Linterno, un gioiello ai margini del parco delle Cave che risale 1300 e si ritiene sia stata anche la dimora di campagna del Petrarca, sta arrivando finalmente al traguardo. Ieri il sindaco Beppe Sala si è recato a Baggio per un sopralluogo, accompagnato dal consigliere comunale del Pd Rosario Pantaleo che ha sempre seguito da vicino il recupero e la salvaguardia dell'edificio. «Ho voluto rendermi conto personalmente delle necessità e delle opportunità che offre questo spazio, per poter lavorare concretamente alle sue prospettive future» ha scritto Sala su Facebook dopo la visita. E lì si è confrontato «con chi si prende cura di questo angolo di Milano, facendolo vivere e mantenendone la storia, l'identità, l'impronta culturale e agricola», ossia con gli Amici della Cascina Linterno, l'associazione che è nata nel 1995 con l'intento di difendere la cascina storica, mantenere l'attività agricola, diffondere usi e costumi rurali. E a raccogliere l'input sono state giunte di diverso colore, l'obiettivo di rilanciare Cascina Linterno è partito sotto l'ex sindaco Moratti ed è proseguito con Pisapia e ora con Sala che a breve, quando i lavori di restauro e consolidamento degli spazi saranno terminati, dovrà decidere se lanciare un bando di gestione o che finalità dare allo spazio storico. Gli Amici della Cascina saranno certamente gli inquilini a cui il Comune darà più ascolto per decidere le mosse. I costi del progetto di recupero sono stati coperti con un milione dagli oneri di urbanizzazione del Piano di intervento Calchi-Taeggi, altri 500mila euro sono stati versati da Fondazione Cariplo.