La giunta non ricorda Pannella Scatta l'intitolazione «fai da te»

Mozione votata 2 anni fa. I radicali annunciano il blitz

Due mesi (e oltre) di iniziative per ricordare Marco Pannella, a due anni dalla scomparsa avvenuta il 19 maggio del 2016. Dibattiti, visite nelle carceri con amministratori locali d vari partiti e la richiesta di intitolare vie giardini o parchi al leader radicale in varie città lombarde. Un appello che culminerà il 20 maggio con l'intitolazione (simbolica) dei Giardini Pannella in piazza Aquileia a Milano, dove la giunta è inadempiente. I militanti, anticipa l'associazione per l'Iniziativa Radicale Myriam Cazzavillan, «eseguiranno il volere del consiglio comunale che l'ha chiesta il 28 settembre 2016». Sono passati quasi due anni infatti dall'approvazione di una mozione bipartisan in consiglio comunale. «I militanti radicali - continua l'associazione - opereranno in sostituzione della giunta comunale che preferisce aspettare dieci anni per intitolare quel luogo a Pannella ma in tempi molto più brevi ha dedicato la palazzina Liberty a Dario Fo e una scuola a Umberto Eco». Ha annunciato la sua presenza Raffaele Sollecito, condannato in primo grado a 25 anni per l'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher e poi assolto in appello (sarà presente anche alla visita al carcere di Opera). A Mantova è iniziata la mobilitazione per chiedere la intitolazione dei giardini che verranno realizzati accanto all'antico cimitero ebraico, a Como è già stata inviata al presidente del Consiglio Comunale una lettera per dedicargli la via che porta al carcere cittadino. Tutto il programma sarà anticipato da un aperitivo giovedì alle 19.30 a «La Ringhiera» in Ripa di porta Ticinese 5 inserito nella campagna per «reclutare» 3mila iscritti che consentirebbero l'esistenza del partito e un nuovo congresso.