Mai Milano aveva umiliato così il sangue dei vinti

A Milano si può fare tutto. Ma proprio tutto. Perfino un festival per celebrare le virtù della cannabis, scoprendo che tutto finisce in una gran fumata collettiva con la benedizione del sindaco Sala che ne approfitta per confessare che anche lui una canna se l'è fatta. Oppure in nome dell'antifascismo militante si può mettere a ferro e fuoco la città il giorno dell'inaugurazione dell'Expo, sicuri della comprensione dei magistrati. Si possono occupare stabili privati o comunali chiamandoli centri sociali e commerciare di tutto esentasse per usarli poi come basi per le spedizioni punitive.

Una sola cosa non si può fare, ricordare al cimitero il sangue dei vinti. I morti della Repubblica sociale italiana, ma anche attori come Luisa Ferida e Osvaldo Valenti, eroi della Prima Guerra mondiale come Carlo Borsani e di tanti massacrati senza colpa nella mattanza che seguì il 25 aprile. Le storie dei padri, dei nonni o degli zii. Ognuno ne ha qualcuna in famiglia. Anzi, per la verità il sindaco Sala e il prefetto Luciana Lamorgese hanno ammesso di non poter vietare una visita al cimitero. E allora hanno dettato le regole. A Musocco si può andare, ma solo in piccoli gruppi. Non tutti insieme, per carità, che magari qualcuno si spaventa. Niente bandiere. Proibite. Perfino quella italiana che è vietato mettere, così come ogni anno, sulle 921 lapidi. Fuorilegge il Tricolore, figurarsi labari, gagliardetti e insegne (magari nere). Forse da Comune e prefettura l'auspicio è che i militi della Repubblica vengano ricordati con le bandiere rosse e la falce e martello. Impossibile, perché quelle saranno tutte sulle tombe dei partigiani. Quelle sì degne di onore come se negli anni terribili della guerra civile l'Italia non avesse diviso i suoi figli in due campi ugualmente degni di rispetto. E la messa? Anche quella «a piccoli gruppi»? Qualcuno il Vangelo, qualcuno l'omelia, altri il Padrenostro. Le mani? Bene in tasca. A chi solleva il braccio è promesso il carcere. Se la mano è aperta, perché col pugno chiuso nessun problema.

Mai, sindaco Sala, nemmeno con i sindaci rossi o con l'ultrarosso Giuliano Pisapia Milano aveva negato la cerimonia al Campo X. Nemmeno nel dopoguerra, quando forse qualche timore del Fascismo poteva esserci. Voleva l'applauso di Anpi, comunisti e centri sociali? L'ha ottenuto. Perdendo forse la stima di tanti milanesi per bene. Che vecchiume. La storia andrebbe studiata. Senza farne, per interesse di bottega, una grottesca caricatura.

Commenti

manfredog

Dom, 23/04/2017 - 13:18

Paura, soprattutto paura che vengano fuori tutte le loro MENZOGNE. mg.

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 23/04/2017 - 13:42

---non la fate lunga --il sindaco ha concesso il diritto di commemorare ---concesso è una parola grossa perchè è tutto stabilito per legge --sala si deve solo adeguare---però anche vedere i due minus in foto mi fa dire che per i tipi così "commemorare " è una parola grossa---swag ganja

Gianni11

Dom, 23/04/2017 - 13:55

La guerra dei comunisti contro l'Italia non e' finita nel '45. L'invasione del nostro territorio oggi, benvenuta dalla sinistra, e' parte della stessa guerra per distruggere l'Italia e il popolo italiano. La sinistra, malata dallo loro ideologia falsa, nichilista e distruttiva, e' guidata dall'odio contro la civilta', la bellezza e il normale e l'odio contro chi non e' deviato come loro. Per riprendere l'Italia, la sinistra va spazzata via. Poi forse alcuni si potranno curare in centri di rieducazione creati apposta.

uberalles

Dom, 23/04/2017 - 14:06

Sala...(s)paruta!!

uberalles

Dom, 23/04/2017 - 14:11

Quanti secoli ancora dobbiamo continuare a mantenere in vita l'anpi? Direi che, per la medesima ragione, dovremmo continuare ad onorare, anche "materialmente" i RAGAZZI DEL '99: hanno donata la loro esistenza alla Patria senza pretendere niente in cambio, a differenza dei cosiddetti partigiani che hanno ucciso a sangue freddo ed hanno usurpato il potere politico. A questo punto, vista la esiguità dei superstiti, non mi pare che ci siano differenze accettabili fra i due sodalizi.

vottorio

Dom, 23/04/2017 - 14:44

i morti sono tutti uguali in forza della "legge della livella" egregiamente descritta da Antonio De Curtis (Totò).

Una-mattina-mi-...

Dom, 23/04/2017 - 14:45

SONO TUTTI TERRORIZZATI CHE EMERGA LA VERITA'

btg.barbarigo

Dom, 23/04/2017 - 14:54

Anche quest' anno ci sarà a Nettuno al Campo della memoria la commemorazione dei combattenti della RSI btg.Barbarigo della X MAS,Comandante M.O. Valerio Borghese,del reg.Folgore btg.Folgore,Nembo e Azzurro,Comandante M.O. Mario Rizzatti (Caduti a Castel di Decima per la difesa di Roma)e della I Legione d'assalto Tagliamento.

Aleramo

Dom, 23/04/2017 - 15:53

Non sono mai stato un fanatico della RSI, ma quelli che per essa combatterono e morirono devono essere ricordati come Italiani valorosi. D'altra parte sappiamo tutti che la guerra civile italiana è in atto dal 1919, non si è mai spenta e non è ancora finita.

glucatnt73

Dom, 23/04/2017 - 15:57

@elkid: io ti commemoro ogni volta che tiro l'acqua del water!

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 23/04/2017 - 15:57

caro ELKID, il solo fatto di proibire l' esposizione del TRICOLORE è la cosa più negativa e vergognosa di questo non-governo fatto di ladri mafiosi certamente tuoi amici swag ganja a te logo amigos

Tipperary

Dom, 23/04/2017 - 15:57

Dopo 72 anni ancora la solita pantomima dei nostalgici della guerra civile? Gli tiri via la bandiera rossa dell'anpi e non gli resta piu' niente. In massa ai cimiteri alla faccia dei milionari. Basta essere popolo bue.

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 23/04/2017 - 15:59

Commemorare e' un conto, fare apologia di reato con un gruppo di tristi figuri poco acculturati è un altra cosa ... --- io ci passavo di tanto in tanto al campo X ma a parte di questi giorni in vista del 25 aprile di camerati giovani non ne trovavo molti, forse avevano cose più importanti da fare ....

Lissa

Dom, 23/04/2017 - 16:08

Patetici, patetici, magari assomigliassero un unghia a questi veri EROI Italiani, i cialtroni e traditori sono ed erano i famigerati partigiani.

gbuzziferraris

Dom, 23/04/2017 - 16:14

Vergogna al Sindaco Sala e anche al Prefetto. La festa del 25 Aprile e' una vergogna antistorica. Nessun Paese festeggia una vittoria di una parte in una guerra Civile: In USA non si festeggia la fine della guerra civile, in Francia non si festeggia la fine del Etat Francais (la Francia di Vichy). Solo da noi si festeggia questo 25 Aprile.

pasquinomaicontento

Dom, 23/04/2017 - 17:06

Se parla ancora de Nembo,Folgore,X MAS da 'na parte, e dall'artra de Partigiani, de gente morta senza sapè un perchè, solo perchè se trovava ner giorno sbaiato ner posto sbajato.La sera der 23/3/1944 dormivo a casa de mi' cugino Angelucci Giovanni in vicolo Moroni in Trestevere, ce fu 'na retata, ne presero 4,ne 'sti 4 c'era poro Giovanni,io e 'n'artri due riuscimmo a scappà da un tetto all'artro e s'aritrovammo su lungotevere dalla parte de Ponte Sisto.Li vedemmo (pe' l'urtima vorta)mentre li trasportavano chissà 'ndove, er giorno appresso sapemmo tutto.Facevamo parte der Gruppo Romano de Bandiera Rossa.Finita la guera er gruppo nostro venne inglobato, fatto sparì dai gargarozzoni der partito comunista. Seguitammo a rompe i maroni ai tedeschi...leggete bene ai tedeschi ma poi de che stamo a parlà, annate sur "Tatabase Partigiani di Roma" N. 236 e 6774...quanti nun ce stanno più.

fifaus

Dom, 23/04/2017 - 17:06

elkid: prova a farti un giro ad Altare (Savona) al cimitero delle Croci Bianche e fatti spiegare perché esiste. Forse ti servirà a capire che cos'è la pietas

Tarantasio

Dom, 23/04/2017 - 17:10

ognuno commemori chi crede e come crede... l'autorità dello stato non si estende fino all'altro mondo

giosafat

Dom, 23/04/2017 - 17:36

Sindaco e prefetto da operetta, degni solo di disprezzo. E lasciate in pace elkid, tanto continuerà a non capire niente.

Giorgio Rubiu

Dom, 23/04/2017 - 17:40

Ma l'ANPI chi la mantiene e a cosa serve? I partigiani "veri", anche quelli dell'ultima ora (diciottenni nell'Aprile del 1945, ad essere generosi) oggi, se ancora vivi, hanno 90 anni. Quanti ne sono rimasti per poter giustificare l'esistenza dell'ANPI dove appare tristemente evidente che a sfilare e a sventolare bandiere sono giovani nati decenni dopo quel 25 Aprile che celebrano? Questi giovani sarebbero disposti a sfilare accanto ai veterani delle truppe della coalizione Anglo-Americana che furono (soldati e mezzi pur senza voler disconoscere il contributo partigiano) i veri liberatori che posero fine alla guerra?

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 23/04/2017 - 17:46

Non tutti i partigiani erano delinquenti, ma tutti i delinquenti erano partigiani...

Giorgio5819

Dom, 23/04/2017 - 18:05

Nulla di nuovo sotto il sole, da un comunista non ci si aspetta altro che falsità, codardia, lerciume intellettuale.

Ritratto di mina2612

mina2612

Dom, 23/04/2017 - 18:22

Arriverà mai il giorno in cui non ci dovremo vergognare di essere italiani?

Ritratto di falso96

Anonimo (non verificato)

@ollel63

Dom, 23/04/2017 - 18:31

la m...a sinistra italica sempre in vista a mostrar colore e odore tipico dello scempio volgare di cui i sinistri son capaci..

Anonimo (non verificato)

semelor

Dom, 23/04/2017 - 19:04

I MORTI SONO TUTTI UGUALI.........LE PERSONE NO!!!

giovanni PERINCIOLO

Dom, 23/04/2017 - 19:06

E'una vergogna immonda per Milano, sono morti combattendo dalla parte sbagliata ma sono morti per l'Italia. Possono dire altrettanto i loro persecutori per non parlare dei loro esecutori?? No! loro combattevano per la URSS, non certo per l'Italia!

27Adriano

Dom, 23/04/2017 - 19:06

Certo che il coraggioso sindaco komunista sala ha dimostrato tutto il suo eroismo vietando una commemorazione al cimitero...da parte, forse, di qualche decina o centinaia di pacifici simpatizzanti....Ma davanti ai devastatori e terroristi dei kollettivi e centri sociali....I milanesi dovrebbero dedicare al sindaco, giunta e anpdi una targa allo st@@@zo (sinistro).

semelor

Dom, 23/04/2017 - 19:10

El più.....fatti una canna! Ti faccio alcuni nomi di morti innocenti per colpa di partigliani vigliacchi......Giuseppina Cherso, Norma Cossetto, strage di Codevigo, strage di Oderzo, i 7 fratelli Govoni, FOSSE ARDEATINE, ecc. ecc. eppure io credo tu sia un troll perché a scrivere certe stupidaggini c'è ne vuole.......

bruco52

Dom, 23/04/2017 - 19:11

la feccia del mondo, rappresentata dalla sinistra, ha creato il 25 Aprile, come giornata fatta per dividere i buoni dai cattivi...i buoni sono i zozzoni in camicia rossa, i cattivi tutti coloro che non condividono le loro idee...questo disgraziato paese è ostaggio dei comunisti da settantadue anni, che ora governano come sempre hanno sognato, per mezzo di un colpo di stato, senza il consenso degli Italiani...

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Dom, 23/04/2017 - 19:15

Professionisti della falsificazione storica (Anpi), delinquenti con licenza di delinquere (centri sociali), ospiti terroristi. Ma in Italia non esistono autorita' che vietino una volta per tutte questo circo equestre dell'odio? Spero proprio che quei due o tre partigiani onesti che sono ancora vivi se ne stiano fuori e non si facciano usare.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 23/04/2017 - 19:22

"""MALEDETTI""" fascio-catto-comunisti!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 23/04/2017 - 19:30

ecco perchè non voterò mai, mai, mai, mai, mai piu la sinistra! e neppure il M5S che in fondo sono la stessa cosa!!

Lissa

Dom, 23/04/2017 - 19:30

Il 25 APRILE È LA FESTA DEI: TRADITORI, CIALTRONI, LADRI, PARASSITI, CODARDI, E VIGLIACCHI. Festa che solo personaggi come elkid possono festeggiare.

gio777

Dom, 23/04/2017 - 19:41

VIVA L'ITALIA VIVA IL TRICOLORE

claudio faleri

Dom, 23/04/2017 - 19:46

la sinistra ha vinto, appoggiata dal programma dell'ue, preparato da anni, invasione, occupazione islamica e distruzione del tessuto italiano...un sogno nel cassetto, cullato fin dalla fine dell 'ultima guerra...il loro sogno era la russia sovietica, hanno però fatto i buoni parassiti con i soldi dell'italia

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 23/04/2017 - 20:06

-----tranquilli che i libri sul revisionismo storico li ho letti anch'io-----il fatto che durante la guerra civile in italia dal 43 al 45 ci furono carognate e crudeltà inutili ed arbitrarie da parte dei partigiani è un fatto assodato dalla storia---la commemorazione dei morti di qualsiasi colore è sacrosanta--ci mancherebbe--ed infatti il questore ha evidenziato proprio questo punto bacchettando sala---ma vi invito a guardare pure il materiale umano che commemora--ragazzetti di nero vestiti che la storia manco sanno dov'è di casa---per questi non si tratta di commemorazione --ma apologia malcelata o semplice sfilata di macchiette---strane nostalgie per uno spietato dittatore che è stato la causa diretta ed indiretta della morte di centinaia di migliaia di nostri connazionali---hasta siempre comandante

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Dom, 23/04/2017 - 20:22

Ma cosa pretendete se MAjorino si preoccupò appena insediato di rimuovere la targa alla memoria di Luisa Ferida , fucilata sebbene innocente di qualsiasi reato per volere del molto assetato di sangue Sandro Pertini.

Ritratto di venanziolupo

Anonimo (non verificato)

hellas

Dom, 23/04/2017 - 20:27

Elkid, il,tuo commento rivela perfettamente cosa sei: una persona piccola, squallida, grandemente ignorante....

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 23/04/2017 - 20:47

ha ragliato EL PIRLON, uno che non sa dove sta la sinistra e pensa che berlusconi sia il male assoluto.... poverino :)

fert64

Dom, 23/04/2017 - 21:08

NESSUNO SARA' LASCIATO INDIETRO, I NOSTRI ESEMPI SONO NEI NOSTRI CUORI! CI SAREMO..............................................

ziobeppe1951

Dom, 23/04/2017 - 21:27

el pirla...la splendida maria ti fa male..il fu calumet della pace, ti attende....

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 23/04/2017 - 22:12

---mortimermouse---mille volte meglio papy silvio che salvini----guarda te dove si spinge il troll--swag ganja

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Dom, 23/04/2017 - 23:17

Questo accade nell'era di Sala.Votate ancora il Pd.

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Dom, 23/04/2017 - 23:21

glucatnt73 Dom, 23/04/2017 - 15:57 @elkid: io ti commemoro ogni volta che tiro l'acqua del water.. Come fai a commemorarlo se va via subito?

Ritratto di ermetere

ermetere

Dom, 23/04/2017 - 23:24

Io non mi stupisco. Come si fa a pretendere o sperare in sentimenti benevoli da parte di certi figuri? I comunisti, e vieppiù i partigiani, NON sono esseri umani. NON fanno parte del consesso umano. Pertanto sperare in sentimenti come Pietas, Compassione, Comprensione... è una barzelletta. Ne troverete di più nelle bestie, che prede o predatori che siano, non sbranano i propri simili.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 23/04/2017 - 23:29

E che vi aspettavate che quelle teste de minxxxia vi dessero il permesso? Hanno diritto al permesso, e se non glielo danno se lo prendono, solo blak blok, i centri sociali ed in ciarpame di sinistra che li protegge e li coccola. E con o senza permesso hanno licenza di distruggere tutto quello che trovano sul loro passo, sicuri che resteranno impuniti.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Lun, 24/04/2017 - 07:51

Sala non ha il coraggio di altri e si piega ossequioso ai voleri della maggioranaza che oggi vota a Milano.Nessun rispetto per chi è stato trucidato,per chi ha creduto di dover difendere degli ideali sia pur sbagliati e per I tanti innocenti trucidati per interessi personali . Caro Sindaco è troppo facile seguire l'onda; meglio sarebbe un rispettoso "fraterno" ricordo per tutti quelli caduti nel marasma omicida seguito alla fine della Guerra che ha visto trionfare solo la violenza.

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Lun, 24/04/2017 - 07:57

la solita divisione marxista-comunisto-piddista tra "buoni e cattivi" secondo le opinioni che portano. Ci sarà mai una toga rossa che conceda il diritto di manifestare come fatto per i black bloc?

Mannik

Lun, 24/04/2017 - 08:16

Il capocronista de Il Giornale fa davvero un cattivo uso della sua intelligenza. Nessuno vieta di commemorare i morti, ma onorare con la bandiera chi ha fatto scempio del paese credo sia fuoriluogo. Sarebbe un'operazione di whitewashing. Il discorso vale anche per le frangie impazzite dei partigiani.

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 24/04/2017 - 12:27

@Mannik... quale scempio? Quello di aver portato un Paese ad essere un'eccellenza europea dopo che era stato distrutto dalle guerre e reso indecente da una miseria atavica? Enumerare tutto quello che è stato fatto da Mussolini in meno di vent'anni e pressochè impossibile, ma dal momento che ha tra le mani un pc cerchi "Le Cento Opere del Duce", e se avrà la costanza di leggerle forse le si aprirebbe la mente. Altra cosa è stato il disastroso epilogo con quella scellerata alleanza con Hitler.

Tarantasio

Lun, 24/04/2017 - 12:37

per rispetto i morti andrebbero commemorati insieme, tutti e senza distinzione di camicia... finalmente

Mannik

Lun, 24/04/2017 - 13:06

mina2612 - Prenda in mano un libro di storia serio. È meglio. L'abbiamo visto tutti che eccellenza l'ha fatto diventare. Chiamare "epilogo" la sua alleanza con Hitler che inizia nel 1936 ed è culminata nel patto d'acciaio, è un tentativo per riabilitare il periodo precedente. Ma già in precedenza aveva abbondantemente gettato la sua maschera di benefattore (ricorda l'Etiopia vero?)

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 24/04/2017 - 14:51

Mannik... e lei non si legga solamente i testi scritti dai vincitori che si sa, scrivono quello che vogliono. La loro è una storiografia decurtata in tutta la sua pienezza, dove non si fa cenno ai crimini perpetrati dai partigiani comunisti che per la loro efferatezza e ferocia fanno concorrenza ai nazisti, ma con l'aggravante che le migliaia di omicidi erano indirizzati ai loro fratelli italiani, sia nei confronti dei partigiani non comunisti, o preti, o ragazzine o fascisti, ma tutti compiuti per vendetta, per punizione, per fanatismo politico. Un bagno di sangue che coinvolse tutta l'Italia del nord fino a tutto il 1946 e in tanti casi anche più in là nel tempo, dove le vittime non erano sicuramente tutti criminali di guerra da punire con la morte.