Tra restyling e prossimi arrivi il Salotto è «chiuso per ferie»

C'è fermento in Galleria. Dal mega punto vendita di Tim che promette locali totalmente rinnovati al rientro dalle vacanze (e intanto quattro o cinque serrande rimangono abbassate) all'infilata di «next opening» - davanti alle future vetrine del ristorante di Carlo Cracco, Chanel, della mega boutique di Massimo Dutti e di MontBlanc - i turisti che passeggiano quest'estate nel Salotto hanno quella netta sensazione di chiuso epr ferie in uno dei luoghi simbolo di Milano. Si aggiunge l'appena rinnovato «Camparino» che evita la gara del Comunee salva l'insegna per i prossimi dodici anni, ma probabilmente si gode anche l'ultima serrata di un mese intero ad agosto. All'ingresso campeggio l'avviso alla «gentile clientela che il caffè resterà chiuso per ferie d lunedì 31 luglio a giovedì 31 agosto compresi, buone vacanze a tutti». Col rinnovo automatico del contratto il Comune ha chiesto l'impegno ad aprire sette giorni su sette, per tutto l'anno.

Secondo i rumors il ristorante Cracco dbutterà a settembre. E forse non è un caso che il super chef si sia offerto di cucinare per la cena di beneficenza promossa da Comune e Confcommercio il prossimo 13 settembre in Galleria. Sarà imbandita una lunghissima tavolata, con novecento invitati che dovranno versare un conto da 500 euro a coperto alla Caritas. «Prossima apertura autunno 2017» è l'appuntamento sulle prossime vetrine di Massimo Dutti, sarà una boutique di circa mille metri quadrati suddivisi su sei piani (3,1 milioni di euro l'anno il costo dell'affitto) e il marchio allestirà anche uno spazio-mostre sulla storia del tessuto.

ChiCa

Commenti

Difendiamoci

Lun, 07/08/2017 - 10:54

In Comune dovrebbero prendere in considerazione di estendere la Galleria Vittorio Emanuele, cioè estendere la copertura e la pavimentazione (con lo stile originale in entrambi i casi) anche in via Grossi e via Berchet. In particolare si potrebbe estendere la copertura della galleria per tutta via Grossi fino a piazza Cordusio, così da aprire un "secondo fronte" della Galleria dopo piazza Duomo, così da soddisfare “lo spazio vitale” dello shopping milanese e delle multinazionali. Ci sarebbe solo da spostare da via Grossi a via Protaso i binari dei tram. Sarebbe un progetto fantastico, verrebbe fuori una Super Galleria.