Dal seggiolone alla culla, ora si noleggia tutto

BabyGuest è forse una delle realtà che possono essere apprezzate dai genitori. Soprattutto quando si è alle prime armi, perché fornisce un servizio di noleggio per tutte le attrezzature per l'infanzia con la «certezza di ricevere l'ordine nel giorno e nell'ora stabiliti» recita la presentazione. I bagagli per le vacanze degli italiani potrebbero alleggerirsi molto se il servizio diventasse ancora più conosciuto e apprezzato di oggi: con una rete di 35 mamme ambassador in tutta Europa, e presto a Dubai, per ora ha una media di «30-40 richieste al mese» spiegano dalla società. Ma i margini di crescita ci sono ancora anche perché la struttura è ridotta all'osso, a Milano sono tre gli impiegati dell'azienda che per il futuro punta a una forma di franchising. E' una piattaforma su scala internazionale e che pare avere ancora prezzi concorrenziali: «Pensi che a Roma fanno pagare anche 40 euro al giorno per il seggiolone della macchina, noi un decimo» spiega la responsabile di BabyGuest. Punta inoltre a diventare un servizio aggiuntivo per tutte le strutture ricettive o alle agenzie di viaggio per cui i propri servizi possono diventare un valore aggiunto. Adesso spetta solo alle coppie con figli far diventare quest'azienda un colosso mondiale o un servizio premium solo per alcuni.

Mbon