La Turchia pronta ad aprire un'ambasciata a Gerusalemme Est

Per Erdogan Israele è uno "stato terrorista". Raro accordo tra i partiti turchi

Manifestanti legati ai sindacati statali pro-governativi in piazza contro gli Stati Uniti

È un raro segno di unità quello che arriva oggi dal parlamento turco, i cui tre partiti principali hanno pubblicato un dichiarazione congiunta in cui chiedono che Gerusalemme Est sia riconosciuta come capitale "di uno Stato indipendente palestinese, attualmente sotto occupazione e i cui confini furono definiti nel 1967".

Partiti normalmente in aperto conflitto come i kemalisti del Chp e l'Akp, con l'aggiunta del Mhp, ultranazionalista e stampella del partito di Erdogan, hanno ribadito quanto emerso dall'incontro a Istanbul dell'Organizzazione della cooperazione islamica, riunitasi dopo la scelta dell'America di Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. Escluso solo l'Hdp filo-turco, i cui leader e molti membri sono a oggi in carcere.

"Siamo seriamente determinati", ha detto il ministro degli Esteri, Mevlut Cavusoglu, parlando della possibilità di aprire un'ambasciata a Gerusalemme Est se il mondo riconoscerà uno Stato palestinese. E a chiederlo in parlamento sono stati anche gli uomini dell'opposizione.

Un'unità d'intenti sulla questione palestinese che spiega come in Turchia non sia un tema delicato soltanto per il presidente Erdogan, che fin da subito si era scagliato contro Israele e Trump, seguito a ruota da un'ampia fetta della stampa locale, non nuova ad attacchi a Israele, ma neppure a un non troppo velato anti-semitismo.

"Israele è uno Stato terrorista"

"La Palestina è una vittima innocente. Quanto a Israele, è uno Stato terrorista, sì, terrorista!", ha tuonato pochi giorni fa il presidente turco dalla città anatolica di Sivas, parlando ai militanti del suo partito e producendosi in un discorso che ha trovato orecchie ben aperte non solo in Turchia, ma in un'ampia parte del mondo islamico.

Parole come quelle di Bulent Yildirim, leader di un'importante ong islamica attiva a livello internazionale, che solo ieri diceva: "A dire la verità dovremmo ringraziare Trump. Per anni non siamo stati in grado di spiegare al mondo islamico perché chiamassimo l'America 'Grande Satana' e loro lo hanno reso chiaro con una decisione".

"Non lasceremo Gerusalemme nelle mani di uno Stato che uccide i bambini", ha detto Erdogan a Sivas, mostrando le immagini di un quattordicenne bendato e circondato da militari israeliani, dopo che già molte città turche, da Akara a Istanbul (foto), avevano visto migliaia di persone scendere in piazza dopo la preghiera centrale del venerdì, la più importante della settimana per i musulmani.

"Non sono abituato a farmi fare la morale da chi bombarda i villaggi curdi in Turchia, mette i giornalisti in carcere e aiuta gli attacchi contro innocenti a Gaza e in altri luoghi", ha risposto a Erdogan il premier israeliano Netanyahu. Ma contro la decisione americana si sono schierati anche Mosca e il presidente francese Macron, che ha visto nei giorni scorsi tanto Bibi quanto il suo omologo turco, a cui ha chiesto di "contribuire alla pacificazione" per "evitare ripercussioni negative sulla regione".

Israele e la Turchia

Per anni un alleato, in rapporti con Ankara fin dagli anni Cinquanta, lo Stato ebraico era entrato in rotta di collisione con Ankara nel 2010, dopo l'episodio della flottiglia per Gaza, ma i rapporti tra i due Stati sono poi migliorati di recente, con una normalizzazione.

Negli ultimi giorni, dopo la decisione americana su Gerusalemme, Erdogan aveva già minacciato di rompere con Israele. Parole roboanti, ma per ora solo parole.

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 10/12/2017 - 16:13

Russia e Cina ovviamente contrarie alla folle decisione americana. Decisione che non stupisce essendo gli USA gli schiavi dei sionisti... quanto al ridicolo Trump... il genere israeliano lo manovra per conto del primo ministro sionista

alox

Dom, 10/12/2017 - 16:19

Erdogan va', una volta per tutte, allontanato dall'Occidente e dalla NATO: si sta' confermano leader estremo del Mondo Arabo!

alox

Dom, 10/12/2017 - 16:23

Trump, con la sua incapacita' riesce perfino a dar voce a Dittatori come Erdogan e Putin...oltre ad isolarsi dagli storici alleati Europei!

alberto_his

Dom, 10/12/2017 - 16:55

Sono d'accordo con Edogan; da qui a vederlo fare qualcosa ce ne passa

CesareGiulio

Dom, 10/12/2017 - 16:59

non é israele che lancia..per primo i razzi sulle citta ...e non sono israeliani coloro che accoltellano per strada. se rispondendo al fuoco palestinese rimangono uccisi dei bambini di certo non è voluto. se la piantassero i palestinesi una buona volta e vedranno che non morira piu nessuno.

VittorioMar

Dom, 10/12/2017 - 17:05

..AVESSIMO NOI CRISTIANI E "CATTOLICI" EUROPEI UN "ORTODOSSO PUTIN" A DIFENDERE LA NOSTRA CRISTIANITA' E CATTOLICITA'!!..INVECE DI UN PASTORE ERRANTE CHE PREFERISCE I LUPI AL SUO GREGGE !!

opinione-critica

Dom, 10/12/2017 - 17:16

La canaglia Erdogan da buon islamico ha eliminato tutti i laici dalla Turchia. Da buon islamico si è fatto pagare le tangenti dalla UE per fermare i flussi migratori, cosa che non fa. Da buon islamico è infiltrato nell'alleanza atlantica. Da buon islamico dice che le malefatte dei suoi amici terroristi sono di Israele. Far scoppiare le bombe atomiche presenti in Turchia risolverebbe il problema, l'Europa sarà toccata dalle radiazioni, meglio morire per le radiaziono atomiche che avere un falso alleato come Erdogan turco e islamico

giovanni PERINCIOLO

Dom, 10/12/2017 - 17:50

Invece il criminale erdogan assassina sia bambini che donne e uomini, basta che siano curdi. Dopo il massacro degli armeni ieri la Turchia sta procedendo oggi a risolvere il problema Curdo ed ha pure la faccia tosta di definire Israele come stato terrorista!

mutuo

Dom, 10/12/2017 - 17:57

X Ausonio sei un nostalgico dei Forni? Sicuramente odi l'America perchè ha sconfitto il Nazismo ed il Fascismo, Rassegnati, bisogna saper perdere

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 10/12/2017 - 19:24

In quanto terrorista e che uccide la gente, Erdogan è uno degli ultimi che dovrebbe parlare. Anzi, dovrebbe essere processato per i crimini commessi contro il suo popolo. Ma state ad ascoltare questo dittatore terrorista? Se si, fate il contrario, che sarà sicuramente giusto.

Antenna54

Dom, 10/12/2017 - 20:41

Proprio Erdogan parla, avesse il pudore di stare zitto almeno.

sergio_mig

Dom, 10/12/2017 - 21:32

Parla il dittatore sanguinario che elimina i suoi oppositori e gasa i curdi; a confronto Trump ė un cherubino.

TONI-GARATTI

Dom, 10/12/2017 - 21:45

Ma con che faccia? Ma avete mai letto che hanno fatto agli Armeni? Al confronto i nazisti erano dilettanti!!

Yossi0

Dom, 10/12/2017 - 21:51

Certo è che ci vuole una faccia di bronzo ! Che gli israeliani uccidono i bambini risulta solo a lui .... Il soggetto in quanto a uccisione di bambini curdi è un esperto

Controcampo

Dom, 10/12/2017 - 23:41

@Ausonio: perchè folle? Gerusalemme è città ebraica da oltre 3 mila anni. L'occupazione dei musulmani del 7° secolo d.C. e la costruzione della grande moschea sul Monte Sacro di Gerusalemme non giustifica l'appartenenza della città a uno stato islamico. Volete o no, Gerusalemme è ancora oggi città ebraica. Chiaramente, però, non doveva essere Trump a decidere questa proclamazione ma un accordo comune fra i stati interessati alla questione regionale del vicino e medio oriente. Erdogan è un ottomano convinto e dittatore di razza. Il suo istinto di organizzare proteste anti ebraiche e anti americane fa parte della sua facoltà politico/religiosa.

STEOXXX

Gio, 14/12/2017 - 18:20

Speriamo che alle parole per una volta seguano i fatti..ai criminali ebrei brucerebbe assai !!!

opinione-critica

Gio, 14/12/2017 - 19:44

Erdogan cerca la guerra. Se guerra deve essere speriamo che sia breve e che muoia in fretta.