Le negano un parto cesareo e la mamma perde il bambino

Una storia bruttissima quella raccontata da una giovane mamma di appena 25 anni che si era recata in ospdela perché non sentiva più muoversi la bimba dentro la pancia

Si dovrà indagare per capire di chi siano le responsabilità che hanno portato alla morte di una bambina nella pancia della mamma 25enne che si era recata in ospedale per richiedere un parto cesareo

"Non sappiamo di chi sia la colpa ma sappiamo solo che siamo entrati in ospedale con una bimba sana e ne siamo usciti con una bara", queste le parole della mamma che sono comparse sul Daily Mail che ha riportato la notizia. La donna, una 25enne, si era recata in ospedale dopo che aveva smesso di sentire muoversi la piccola che trasportava nella pancia. Dopo essere arrivata in ospedale aveva chiesto ai medici del pronto soccorso di effettuare un parto cesareo, visto che era seriamente preoccupata delle condizioni di saluto della piccola. La risposta dei sanitari è stata però negativa e la donna è stata rimandata a casa. Devan Cadwallade, il nome della mamma, è stata rimandata senza neanche essere visitata. Nessuno in ospedale si è premurato di controllare che mamma e figlia stessero bene.

Trascorsi alcuni giorni, non sentendo ancora muoversi la bambina, la ragazza torna in ospedale e chiede di essere visitata. A questo punto, vista la decisione con cui formula la richiesta le viene accordata una visita. Si scopre che la bambina non ha battito cardiaco, è dunque morta in grembo alla mamma. Devan ha denunciato l'ospedale per far chiarezza, secondo la stessa il rifiuto attraverso cui l'ospedale non ha effettuato il cesareo sarebbe alla base della morte in grembo della bambina.

Commenti

Gibulca

Lun, 10/09/2018 - 20:20

A parte gli orrendi errori di di battitura, non vi hanno insegnato che negli articoli bisogna spiegare dove si è svolto un fatto? Immagino che anche voi seguiate i corsi per crediti giornalistici