Bermuda vietati, il sindaco non cena

Del Ghingaro allontanato dal ristorante: il dress code prevede i pantaloni lunghi

Roma «Il miglior modo per ottenere l'osservanza di un divieto - spiega il filosofo inglese John Priestley - è quello di permettere le cose proibite».

Insomma se il ristorante del Club nautico di Viareggio non avesse previsto nel suo regolamento una norma che obbliga i soci all'uso dei pantaloni lunghi dopo le 19, sicuramente nessuno si sarebbe mai presentato in bermuda. Come ha fatto invece due giorni fa nientemeno che il primo cittadino della cittadina toscana, conosciuta per i suoi cantieri navali e per il celebre Carnevale. A rendere nota la disavventura è stato il diretto interessato. Giorgio Del Ghingaro, alla guida di Viareggio da poco più di due anni con una coalizione di liste civiche, ha raccontato l'accaduto sul suo profilo Facebook, piccato per i piani saltati di una serata tra amici.

Del Ghingaro si è presentato con moglie e una coppia di amici al ristorante. Il caldo di questi giorni e il fatto che si trattava, appunto, di una cena privata l'ha indotto a vestirsi in maniera sportiva, scegliendo i comodi e leggeri pantaloni al ginocchio. Il cameriere, molto imbarazzato, ha dovuto ricordare al primo cittadino le regole del club. A nulla sono valse le sue giustificazioni. «Non sapevo commenta Del Ghingaro che esistessero regole così ferree d'agosto in un locale sul porto, ma giustamente l'ignoranza non è ammessa e non posso che prendere atto che in quel posto ci si deve andare con i pantaloni lunghi, anche se continuo a chiedermi come una persona può saperlo se nessuno glielo dice o lo scrive all'ingresso». «C'è un regolamento - replica Muzio Scacciati, consigliere della segreteria del club - come riportano due cartelli, uno in bacheca appena si entra e uno dove sono le scale che portano ai piani superiori». «L'altra sera - aggiunge poi Scacciati - non ero presente altrimenti avrei potuto cercare di chiarire subito la cosa».

Al cameriere è stata infatti segnalata la presenza del sindaco con i bermuda da alcuni soci seduti a un altro tavolo, che forse non lo hanno riconosciuto. La disavventura però ha almeno avuto un lieto fine. Sempre sullo stesso post pubblicato su Facebook il primo cittadino ha tenuto a far sapere che alla fine ha ripiegato per un altro ristorante della città dove lui e i suoi amici hanno mangiato molto bene. «Senza censure sui vestiti - spiega - anche se con la brutta sensazione di avere subito una violenza». L'episodio è riuscito nell'intento di rendere ancor più infuocato l'ambiente viareggino che si è subito diviso in due fazioni. Quella che considera Del Ghingaro «vittima» di una sorta di discriminazione (dove l'aggravante è nell'averlo prima fatto sedere per poi invitarlo a uscire), e quella di chi invece sostiene che il sindaco ha creato una tempesta in un bicchier d'acqua. «Un sindaco serio - si legge in uno dei commenti - si sarebbe alzato da tavola scusandosi, avrebbe ringraziato il cameriere per aver comunque fatto il proprio dovere e se ne sarebbe andato».

La disavventura del sindaco riapre l'eterno dibattito sull'abbigliamento estivo: regole ridicole o buon gusto?

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 10/08/2017 - 09:17

QUESTO è PROIBITO QUELLI CHE SCOPANO PER LA STRADA NO.

nerinaneri

Gio, 10/08/2017 - 09:38

...anche quelli che girano a torso nudo...un po di decenza, non siamo mica in spiaggia...se sono anziani, peggio...

Albius50

Gio, 10/08/2017 - 10:06

Questa è la semplice conclusione il sindaco è il solito arricchito perché in qualsiasi caso quell'ambiente aveva regole che i VECCHI RICCHI conoscevano bene, concludendo io personalmente non metterei piede in certi posti proprio perché non appartengo a nessuna CASTA e mi sento ancora LIBERO in una DEMOCRAZIA ormai morta (uccisa dalle caste).

ambrogione

Gio, 10/08/2017 - 10:25

Il sindaco proletario del PD si e' anche lamentato perché non era vestito come un poveraccio. Bermuda da 250 euro ed un totale di 2000 euro per tutto l'abbigliamento. Mi ricorda tanto il baffino D'Alema. Sono tutte uguali 'ste zecche rosse.

pilandi

Gio, 10/08/2017 - 10:50

@ ambrogione con che fa rima ambrogione?

Ritratto di ateius

ateius

Gio, 10/08/2017 - 10:58

auspico la apertura immediata di un locale ristorante in cui è vietato indossare pantaloni lunghi.. d'estate la sera. sarà una bella battaglia per accaparrarsi clienti. anche perchè dalle mie parti i vestiti eleganti d'agosto li indossano solo gli amorevoli sfigati a cui tocca lavorare anche con 35gradi. mentre i fortunati Vacanzieri. i pantaloni lunghi...li chiudono a chiave per riprendersi a settembre.

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 10/08/2017 - 11:29

Io sono d'accordo, un minimo di decenza e buon senso non guasta. L'accesso ai ristoranti con bermuda, infradito e canotta dovrebbe essere vietato.

ambrogione

Gio, 10/08/2017 - 11:29

@pirlandi lassa perde zecca rossa

Marcello.508

Gio, 10/08/2017 - 11:37

nerinaneri - Ma va? Alla nerina piacciono le .. tartarughe .. ahahahaha ..

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 10/08/2017 - 12:15

AHHH,SINDACO CHE TI SEI VANTATO DI AVERE BERMUDA DA 250,00 EURO..T'HANNO FREGATO..AL NEGOZIO CINESE TE LI BUTTANO DIETRO PER 15,00 EURO!!

lorenzobaria

Gio, 10/08/2017 - 12:45

Vergogna!cosa ci fa un comunista al club nautico con le bermuda da 250 euro?e lo dice pure il cafone!Fosse amico di quel tal baffino,parassita dello stato?

cgf

Gio, 10/08/2017 - 12:59

ma BASTA!! lo so io che in quel ristorante, e non solo quello, a Viareggio non è consentito entrare in braghette corte, non sa il sindaco? eppure io quando [ogni tanto] ci vado a Viareggio m'informo sempre delle novità di circolazione, nuovi divieti, limitatori, etc etc i VV.UU. sono inflessibili, oltre che ...., in quella città. BTW in Versiglia una quindicina di anni fa mia moglie comprò due bermuda al prezzo di uno in spiaggia da un ragazzo abbronzato, i migliori 10 euro spesi nella vita per comprare abbigliamento.

LUCATRAMIL

Gio, 10/08/2017 - 13:42

Ora ci sono quelli che scopano per le strade perchè non c'è piùù il senso del rispetto per le regole e per gli altri. Hanno fatto bene a buttare fuori il Sindaco e se qualche cliente viene in ufficio con short e sandali anche se è Luglio lo butto fuori. Io sto in giacca e cravatta per decoro e rispetto verso i CLienti e loro devono fare altrettanto.

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 10/08/2017 - 14:05

c'è sempre il fastfood

Ritratto di giuliano lodola

giuliano lodola

Gio, 10/08/2017 - 14:06

Ma pensa che problema, il regolamento di questo locale obbliga i pantaloni lunghi e lo fanno rispettare, non devi neppure entrare se lo sai prima e se non lo sai ne prendi atto e la prossima volta agisci di conseguenza, certo che tutto questo frastuono di lamentela sta a far capire che per il sindaco potevano chiudere un occhio, avrebbero potuto sicuramente e nessuno avrebbe obiettato ma se non lo fanno stanno nella ragione, oppure vale la frase " non sa chi sono io "

Ritratto di giorgio51

giorgio51

Gio, 10/08/2017 - 14:37

Invece di discernere su delle stupidaggini pantaloni da 250,0€ o no, qui a Viareggio i problemi sono ben altri e devo dire neanche tanto sciocchezze. Invece di finire sulle cronache dei giornali per un paio di bermuda se si andasse per cose fatte bene per la città sarebbe sicuramente meglio ma sappiamo che la volontà di risolvere vecchi problemi di inquinamento ai vari sindaci di viareggio non interessa. Tanto siamo al primo posto in Italia per casi di tumori e a lui che gliene frega? Le cause si conoscono nessuno lui per primo fa NULLA

AleBo

Gio, 10/08/2017 - 15:04

Al ristorante di Viareggio non entri senza pantaloni lunghi MA nei nostri confini entri senza documenti

ESILIATO

Gio, 10/08/2017 - 16:58

Forse pensava di essere all'isola di Bermuda......

Happy1937

Gio, 10/08/2017 - 17:13

Come erano belli i tempi in cui le autorità rispettavano il loro ruolo abbigliandosi in maniera adeguata. Il Sindaco di Viareggio mi ricorda Prodi e Signora quando, lui Presidente dell'Europa, si presentarono al matrimonio del figlio del Re di Svezia ( o di Norvegia?) in vestitino bleu e impermeabile, attovagliati con Capi di Stato rigorosamente in abito da cerimonia.

Holmert

Gio, 10/08/2017 - 17:38

In piena estate,ricordo che durante il periodo di leva,andavo a mangiare per un periodo, al circolo ufficiali di Verona, sito in Castelvecchio sulle sponde dell'Adige. Faceva un caldo come quello attuale, più o meno. Dovevamo portare oltre ai soliti pantaloni lunghi, camicia a maniche lunghe e cravatta. Se non lo facevi subentrava l'ufficiale di ispezione e ti mollava 5-6 giorni di prigione. Capito sindaco di Rimini? I regolamenti sono regolamenti,o ci si adegua o con i pantaloni corti si va in tanti altri posti. Sempre contro corrente certa gente,che vogliono il mondo come loro lo immaginano .

wrights

Ven, 11/08/2017 - 08:01

Correggerei solo la frase "che forse non lo hanno riconosciuto", con "forse lo hanno riconosciuto". Poi nulla da eccepire, se il regolamento di questo club privato, prevede pantaloni lunghi o mascara viola, giusto che venga allontanato chi non si adegua. La morale della storia, se ho ben capito, è che i Sindaci non sono tenuti a conoscere le regole e mangiano bene ovunque.

umberto nordio

Ven, 11/08/2017 - 08:27

Saltare un pasto non gli può fare che bene. Avrà senz'altro già "mangiato"abbastanza.

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Ven, 11/08/2017 - 10:53

Se in un locale è chiaramente indicato che dopo le 19 è richiesto un certo tipo di abbigliamento, se si vuole cenare in quel locale, si rispettano le regole. Il grosso problema del paese è che sono saltate le convenzioni ed ormai tutti confondono la libertà con la licenza. Quindi è ancora più grave che un sindaco non rispetti le semplici regole della buona educazione.

Holmert

Ven, 11/08/2017 - 11:52

Laddove dico "Capito sindaco di Rimini"? Pardon, leggasi "sindaco di Viareggio".

SGM

Ven, 11/08/2017 - 15:54

Come avrebbe reagito il PADRONE e il suo cameriere se si fosse presentato il PRINCIPE **CARLO*** indossando il **KILT *** la tipica **GONNA*** SCOZZESE ?Hahaha

SGM

Ven, 11/08/2017 - 16:12

Come avrebbe reagito il PADRONE ed il CAMERIERE se si fosse presentato il PRINCIPE CARLO figlio della HRM ELISABETH II indossando il **KILT** ,tipico SCOZZESE, che forse ha dato ORIGINE per comodita TROPICALE le **BERMUDA** .Son sicuro che dopo gl´inchini gli avrebbe offerto per COMICIARE un SCOTCH di 21 anni en un BENVENUTO al LOCALE.