Manovra, sindacati sul piede di guerra. È scontro Camusso-Padoan

La leader della Cgil accusa il governo: "La legge di Bilancio mantiene lo status quo". Ma Padoan s'infuria: "Ma quale manovra ha visto?"

La manovra licenziata ieri scontenta la sinistra. E i sindacati sono già pronti a scendere in piazza per opporsi. Francesca Re David ha già detto che la Fiom manifesterà contro il governo. Susanna Camusso, invece, prende tempo ma senza farsi alcun problema a dire che lo "sciopero generale è un'opzione" presente sul tavolo. "Quando non si rispettano i patti presi bisogna agire con la giusta decisione", minaccia accusando la legge di Bilancio di "mantenere le disuguaglianze e difendere le rendite". "Mi chiedo quale legge di bilancio abbia visto - ribatte il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan - perché non corrisponde a questa descrizione".

Ieri, durante la conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri, il premier Paolo Gentloni si è vantato di aver non aver approvato "una legge lacrime e sangue". La Camusso, però, non la pensa così. Anzi gli rinfaccia il malcontento dei lavoratori che avranno un aumento dell'età pensionabile. "Credo che sia una questione di punti di vista - tuona la leader della Cgil - questa legge di Bilancio non ci convince, non c'è prospettiva di cambiamento, per esempio vediamo la politica sulla decontribuzione sui giovani". A suo dire, la manovra punta solo a sterilizzare l'aumento dell'Iva, mentre manca qualsiasi "ragionamento sugli investimenti pubblici o sulla sanità". "La spesa sanitaria andava aumentata perché abbiamo un depauperamento generale e la popolazione invecchia", spiega ai microfoni di Radio Capital. "Si possono scegliere alcune cose: si possono difendere le attività produttive e agire su patrimoni o finanza, ma è una scelta politica. È una manovra che mantiene lo status quo".

Anche per quanto riguarda il capitolo della previdenza la leader della Cgil non si dice soddisfatta. Anzi. In primis, smonta il refrein per cui dal 2019 si andrà in pensione a 67 anni. "Intanto - spiega - i famosi 141 miliardi non sono stati documentati, ho visto conti un po' strani. L'automatismo - continua - scatta dal primo gennaio 2019 e non ha effetti sui conti pubblici del 2018. Chi racconta che non si poteva stoppare questo automatismo per l'aggravio del bilancio dice che è una cosa falsa". In questo modo, secondo la sindacalista, "tanti giovani pensano che è inutile versare i contributi e può cadere un pilastro fondamentale". E ripete: "Non c'erano costi oggi, è sempre una scelta politica".

"Mi chiedo quale legge di bilancio abbia visto, perché non corrisponde a questa descrizione". Intervenendo a Radio Anch'io su Rai Radio1, Padoan non nasconde la propria irritazione per le dichiarazioni della segretaria generale della Cgil. "Abbiamo messo - ribatte - risorse aggiuntive sugli investimenti pubblici, spinto gli investimenti provati. Stiamo dando una scossa alla crescita, stiamo riducendo il rischio che aumentino le imposte indirette, stiamo mettendo risorse sui giovani".

Commenti

Ernestinho

Mar, 17/10/2017 - 10:20

Ma perché, voleva ancora più tasse di quelle esistenti?

Massimo Bernieri

Mar, 17/10/2017 - 10:37

L'unico sciopero generale a oltranza che avrebbe dovuto fare,è quello per la legge Fornero.Mi pare che le rendite continuano ad essere quelle dei dirigenti dei sindacati a tutti i livelli.

diesonne

Mar, 17/10/2017 - 10:41

diesonne la camusso minaccia lo sciopero:contro chi?contro se stessa dal momento che non esiste governo e gli operai ormai con credono al alcun sindacato che non difende gli operai

mutuo

Mar, 17/10/2017 - 10:43

Ancora esiste il Sindacato? Si, sta scaldando i motori spenti da 5 anni per essere pronto dopo le elezioni. Se dovesse vincere il centro destra, gli scioperi riprenderanno alla grande. Quando si dice Sindacati di regime!!!!!!!!!

DRAGONI

Mar, 17/10/2017 - 11:12

RENDITE , PROPRIETA' SONO DA DISTRUGGERE NON DA DIFENDERE. BISOGNEREBBE INFORMARE LA SIG.RA CAMUSSO CHE ANCHE IN ITALIA IL PARTITO COMUNISTA , A DETTA DEL PD, SI è SCIOLTO DOPO LA CADUTA DEL MURO DI BERLINO E IL DISSOLVIMENTO DELL'URSS .

dallebandenere

Mar, 17/10/2017 - 11:23

Quindi ricapitolando:15 mld di cosiddetto(Iddio vi fulmini)"mancato aumento IVA" (a casa mia sono 15 mld di mancati investimenti in un paese allo sfascio e quindi una tassa che si paga al tempo che passa...).Seguono 1500 euro annui agli Statali(a tutti ma proprio a tutti,belli e brutti,grandissimi lavoratori dal primo all'ultimo).Seguono gli immancabili 5 mld per la cosiddetta (Iddio vi fulmini) "accoglienza".E per chi lavora in proprio e produce? Per chi nulla chiede se non di essere lasciato in pace?Al solito:burocrazia,tasse(vedi split payment),trattenute e nuovi adempimenti.Insomma,legnate sulla groppa.

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Mar, 17/10/2017 - 11:23

è quindi. che cià sta notizia. sciopero è cosè? le notizzie che ci piaciono sono il calcio, il grande fratelo vipps e fabio fazzio. il resto non cene importa! dopotutto siamo e restiamo italioti.

dallebandenere

Mar, 17/10/2017 - 11:33

"A suo dire, la manovra punta solo a sterilizzare l'aumento dell'IVA...".Insomma, quest'accolita di parassiti avrebbe visto di buon occhio anche un ritocchino all'IVA. Dal 22% attuale,che è già un'indecenza,al 25,5% (il vero obiettivo finale),con rincari dai carburanti ai prodotti sui banchi dei supermercati(rincari a catena che si sommerebbero lungo le filiere e che adrebbero ben oltre qualche punto percentuale).Queste autentiche sanguisughe sociali,che si definiscono sindacalisti,non hanno più niente a che vedere con il mondo del lavoro.Di più, non hanno più niente a che vedere con il mondo reale.

Ritratto di onollov35

onollov35

Mar, 17/10/2017 - 11:36

Mandatela a lavorare con lo stipendio da lavoratore.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mar, 17/10/2017 - 11:43

La Camusso, quando parla di "patrimoni", si riferisce ai risparmi di una vita. Da buona comunista sogna i famigerati ESPROPRI PROLETARI coi quali, eventualmente, aumentare ancora di più il suo già grasso stipendio!!!

ilpassatore

Mar, 17/10/2017 - 11:46

Se la manovra era a titolo governo Berlusconi, era gia' in piazza a fare casino.Vedremo che fara' se nascera'un governo di destra.

agosvac

Mar, 17/10/2017 - 11:47

A proposito di rendite, ma la signora Camusso non vive agiamente sulle rendite costituite dai versamenti degli iscritti, poveracci, alla cgil???

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mar, 17/10/2017 - 12:14

Sì soprattutto le sue e di tutti i suoi compagni di merenda.

vaigfrido

Mar, 17/10/2017 - 12:31

Che la Camusso e tutti i sindacati comincino a fare autocritica per aver difeso posizioni di privilegio (pubblico impiego , alitalia ...) invece di darsi da fare per facilitare le condizioni per creare più lavoro

Cheyenne

Mar, 17/10/2017 - 12:57

la canuzzo è un personaggio ridicolo da '800

Ivstitia

Mar, 17/10/2017 - 13:24

Parla una persona che NON ha mai lavorato in vita sua. Quando si trattava di fare uno sciopero totale per contarstare la legge Monti/Fornero, ha taciuto, e tutti i decerebrati degli iscritti ai sindacati , sono stati zitti, solo chi non usa la propria testa si iscrive ad un sindacato comunista.

Mr Blonde

Mar, 17/10/2017 - 14:10

MAH...si è contro a prescindere. Di quale rendite parla? Forse la sua e di tanti "distaccati"...

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mar, 17/10/2017 - 14:19

Che la signora sia scontenta è un dato oggettivo. D'altra parte vale per lei la stessa definizione che Berlusconi diede della Merkel...

VittorioMar

Mar, 17/10/2017 - 16:13

..SONO TUTTI D'ACCORDO PER FARE UN PO' DI... CHIASSO !!..NON POTEVANO ESIMERSI !!

oracolodidelfo

Mar, 17/10/2017 - 17:03

Kompagna Kamussoskaja, lo sciopero generale è un'opzione sul tavolo? Perchè non hai scioperato contro la legge Fornero? Perchè non hai scioperato contro il Jobs act?? Perchè non ti risenti sul fatto che il Jobs act si applica solo ai dipendenti privati e non a quelli pubblici? Perchè non ti opponi questa discriminazione? Perchè non scioperi contro le pensioni d'oro? Kompagna Kamussoskaja idee a sinistra e portafoglio a destra!

Riflessioni_de

Mar, 17/10/2017 - 17:48

I sindacati sono stati la rovina dell'Italia e pretendono ancora di influenzare la politica? Con i loro scioperi hanno innescato, gia' negli anni settanta, quel fenomeno di impoverimento industriale in Italia e sia la fuga dei cervelli verso l'estero!