Ecco il piano di Berlusconi per portare il No alla vittoria

Referendum, il Cav farà campagna in tv e radio Parisi in Sicilia con Miccichè, le critiche di Brunetta

Roma Un No di rigore. Il centrodestra unito si appresta a tirare il penalty del 4 dicembre. E non può sbagliare: deve fare goal e mandare a casa Renzi. La metafora calcistica calza a pennello ed è per questo che a breve il tridente Berlusconi-Salvini-Meloni si ritroverà per un faccia a faccia che vuole essere risolutivo. L'incontro è previsto in settimana anche se non c'è ancora una data precisa. Nonostante la lettura interessata di chi sostiene che il Cavaliere utilizzi il pretesto della salute per non metterci la faccia nella battaglia referendaria, Berlusconi è chiaro: «Siamo per il No in maniera netta. Più avanti convincerò io gli indecisi». E lo farà rilasciando interviste in tv e alla radio. Ed è quello che vogliono sentirsi dire gli alleati storici di Lega e Fratelli d'Italia. Sarà così e già Forza Italia lavora pancia a terra per non sbagliare il calcio di rigore. Il 22 ottobre, dal teatro di piazza San Babila a Milano, partirà la maratona del No, annunciata da Mariastella Gelmini, con tanto di Fiat 500 a scorrazzare per l'Italia col marchio del partito accanto a tutte le manifestazioni contro il ddl Boschi. A due passi dal Duomo, sabato prossimo, sfileranno tutti i big del partito a conferma che la posizione dell'ex premier è chiarissima.

Non solo: Renato Schifani, coordinatore dei comitati per il No, non si sta risparmiando e a breve darà la caccia anche ai voti degli italiani all'estero. Visto che i sondaggi parlano di un testa a testa, infatti, sarà determinante conquistarne il voto. E c'è già il nome del possibile responsabile: l'ex senatore del Pdl eletto dagli italiani all'estero, Raffaele Fantetti.

Bordate contro la riforma costituzionale Boschi-Renzi arrivano anche da Stefano Parisi che da oggi, a Enna, lancia la sua Megawatt in giro per l'Italia. L'antipasto s'è avuto ieri, dove Mister Chili era ospite della kermesse Energie per la Sicilia, organizzata da Gianfranco Miccichè: uno dei forzisti che ha aperto le braccia a Mister Chili, a differenza di altri esponenti della classe dirigente azzurra. Al termine dell'evento Berlusconi ha sentito entrambi al telefono. Miccichè ha quasi implorato l'ex manager: «Prendi in mano tu la bandiera di Forza Italia, non andar da solo». Tema rovente, questo.

E Parisi è tornato sulle polemiche dopo le stoccate ai parlamentari forzisti: «Dicono che il leader è Berlusconi? È così, io sto dando un contributo importante di rinnovamento perché abbiamo perso negli anni 10 milioni di voti». Parisi sarà il successore di Berlusconi? Lui stesso si scansa: «Berlusconi portava i voti perché riusciva e riesce a capire i bisogni delle persone. Ma ora dobbiamo creare una squadra». E ancora: «Oggi si litiga per le mie dichiarazioni? Fa niente, almeno si discute». Brunetta non è convinto affatto: «Parisi chiarisca il suo ruolo. Vuol dare un contributo o sfasciare tutto?». L'aria resta tesa.

Commenti

kami

Sab, 15/10/2016 - 08:57

Sono quelli come Parisi che rendono l'Italia ingovernabile, non la Costituzione. Gente ambigua, pronta all'inciucio, e a spaccare il centro-destra. Serve posizione netta, inequivocabile, di pochi movimenti, max 2-3, non frammentazione. I moderati sono il male del paese, da sempre. per quanto riguarda la campagna del NO di SB, per reagire a quella violenta del SI messa in piedi da Renzi ci vuole ben altro che Fiat 500 in giro per il Belpaese. Serve occupare Mediaset come Renzi fa con la Rai, serve essere presenti sempre con gente aggressiva e preparata, non pappemolle.

Martinico

Sab, 15/10/2016 - 09:12

Premetto la mia apoliticità. Egregio Sig Silvio Berlusconi, se occorre qualcuno che spinga il popolo a firmare per il NO, vedendo i fatti di questo ultimo lustro, ebbene saremo un popolo schifosamente masochista che le piace vedere morire i propri figli e le speranze. Comunque grazie per la buona volontà.

lilli58

Sab, 15/10/2016 - 09:56

il Cavaliere deve farsi da parte e lasciare il testimone ad un volto nuovo!

Atlantico

Sab, 15/10/2016 - 10:05

Non c'è problema tra Parisi e Brunetta: ci pensa San Silvio a mettere tutto a posto !

Ritratto di ..abdullàllà.

..abdullàllà.

Sab, 15/10/2016 - 10:10

NO ad una SCHIFORMA costituzionale figlia del patto del nazareno pdpdl che i FARSISTI hanno appoggiato e votato ripetutamente in parlamento

MOSTARDELLIS

Sab, 15/10/2016 - 10:13

Caro Brunetta, sicuramente Parisi non è una cima, tuttavia ha ragione quando dice che avete perso 10 milioni di voti e non certo per opera dello spirito santo. Quindi se volete riguadagnare qualcosa cercate di stare insieme e combinare qualcosa di buono, tenuto conto che con questo Governo di incapaci non sarà poi cosi difficile. E per pro ima cosa cercate di vincere il referendum. Grazie.

Ritratto di dido

dido

Sab, 15/10/2016 - 10:46

Avete perso milioni di voti, e tra questi il mio, per non essere stati coerenti con coloro che vi hanno votato. andare con i comunisti, appoggiando governi nati dalle vostre ceneri, e' stato un errore fatale. vi siete svegliati troppo tardi!

VittorioMar

Sab, 15/10/2016 - 10:49

...non me ne "FR....IMPORTA NIENTE DELL'UNO o DELL'ALTRO ,,il mio "NO" ha motivazioni POLITICHE "INATTACCABILI;INTANGIBILI ;INOSSIDABILI!!!

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Sab, 15/10/2016 - 11:18

Con un piano strategico di questa portata noi che siamo per il SIIIIIIIIII cominciamo a tremare. Chi propone a Renzi di farsi da parte se vincesse il NO , io proporrei che la stessa cosa fosse fatta anche se vincesse il SI. Vorrei essere più chiaro se vincesse il SI non sarà Renzi a doversi dimettere ma tutti quelli che tifano NO.

Ritratto di italiota

italiota

Sab, 15/10/2016 - 11:22

votiamo NO anche senza che ce lo dica Berlusconi. grazie

Popi46

Sab, 15/10/2016 - 11:27

Purtroppo FI paga il fio del l'eterna regola per cui il figlio di un grande padre non riuscirà mai ad eguagliarlo (in tutti i campi, dalla letteratura al teatro,dalla pittura all'architettura,dalla politica al giornalismo, ecc. Vedi ad es. Vittorio De Sica e Christian, il padre grande attore e regista, il figlio venditore TV di scatolette), B è stato un grande,per cui animo in pace che prima o poi spunterà un altro con il suo carisma! Popi46

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 15/10/2016 - 11:30

Se tutti quelli che "spingono a votare NO" vogliono un risulato certo dovrebbero assicurare gli Italiani che in caso il PIL o l'economia faccia peggio di come va adesso, dopo un anno, si dimetteranno tutti lasciando DEFINITIVAMENTE la politica.

ispettore

Sab, 15/10/2016 - 11:34

Certo che c'è ne vuole della "fantasia" a mettere Schifani coordinatore dei comitati per il NO:sarebbe come mettere Dracula coordinatore dell'Avis!!!

elpaso21

Sab, 15/10/2016 - 11:41

Un piano fatto da Berlusoni è sicuramente infallibile.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 15/10/2016 - 12:30

Forza Italia più Lega più Fratelli d'Italia più il mio voto fanno meno del venti per cento. E neanche tutti sicuri. La politica ormai c'entra poco. Occorre domandarsi cosa vogliono i bananas italiani. E la risposta è agghiacciante se solo guardiamo cosa accade a Roma. una volta caput mundi ed oggi ridotta alla stregua di Mogadiscio.

conviene

Sab, 15/10/2016 - 13:44

un piano epocale , stratosferico

fisis

Sab, 15/10/2016 - 14:26

No no no dieci cento mille volte no, per mandare a casa questo pagliaccio distruttore dell'Italia, nemico degli italiani, servo dei poteri forti.

potaffo

Sab, 15/10/2016 - 14:26

Berlusconi vi fa fare questi articoli e dichiara di essere per il no, ma i fatti sono tutt'altro. Di fatto Mediaset è una sede staccata della Rai, ormai non distinguo più Tgcom25 da RaiTg24! Parisi è il classico "moderato" ambiguo che dichiara una cosa ma "per senso di responsabilità" è pronto a fare l'opposto. Questa ambiguità di Berlusconi pagherà, la gente si è rotta le scatole di essere presa in giro da questi personaggi.

bundos

Sab, 15/10/2016 - 15:31

occorre sempre e insistentemente ogni secondo di campagna elettorale dire fino alla nausea che il voto NO vale DOPPIO. : boccia la riforma della etrusca Boschi e manda a casa il bullo Renzi.

peppino51

Sab, 15/10/2016 - 15:39

Berlusconi, metti gente affidabile nel partito, non come hai fatto con Alfano, e fai in modo che non litighino, manda qualcuno in Calabria, qui sembra non esistere FI.

hectorre

Sab, 15/10/2016 - 16:37

convienestaiserena....c'è solo un motivo per votare NO....sfrattiamo il tuo premier farlocco....non servono altre motivazioni

hectorre

Sab, 15/10/2016 - 16:42

marino birocco...sei un genio!!!!.....questo era un banalissimo referendum, il premier farlocco lo ha voluto personalizzare, facendo lo spavaldo..."se vince il no mi dimetto"....poi, visti i sondaggi, ha cambiato idea(non gli capita mai!!!)...non essendo nemmeno stato eletto, una bocciatura alle sue riforme sarebbe una bocciatura all'esecutivo....io non tifo per il no, vado semplicemente a votare....le bandierine le sventoli tu e quelli come te

brunicione

Sab, 15/10/2016 - 16:58

Signor Silvio, dopo aver detto SI, fin dall'inizio, ed averlo successivamente confermato, ora Lei combatte per il NO, non le sembra di essere un pochino incoerente ?????

baio57

Sab, 15/10/2016 - 17:02

@ dido - Ok ,tradito dal Cdx ......andare con i comunisti...ecc. ecc. Ma alla fine della fiera voti "sì" o "no" ? Così ,tanto per capire.

Anonimo (non verificato)

conviene

Sab, 15/10/2016 - 17:16

Big. Berluscini dopo aver scritto con Renzi queste riforme averle esaltate ,fatte approvare al Senato per 2 volte da F.I.,ora dice no, urlando a squarciagola per un pericolo mortale per la democrazia . Non le sembra di essere quantomeno incoerente? O Mattarella ha la colpa di aver avuto un fratello ucciso dalla mafia? Perché è stata l'elezione di Mattarella a Presidente della Repubblica, che le ha fatto fare la giravolta. Ex cavaliere lo dica agli italiani il vero motivo senza giri di parole. Sia diretto per una volta.

conviene

Sab, 15/10/2016 - 18:01

un piano epocale lo pubblicare. il vero commento lo censurate infami

cicero08

Sab, 15/10/2016 - 18:14

scoprirsi razzista ante litteram...

mcm3

Dom, 16/10/2016 - 07:13

Il delirio di chi sa di non avere chance

Giorgio1952

Dom, 16/10/2016 - 08:45

Metafora calcistica calzante a pennello, FI è però come il Milan non vince da anni, le motivazioni del No sono fortissime non si parla del merito della riforma, si dice “non può sbagliare: deve fare goal e mandare a casa Renzi”! Dopo lo scooter del Dibba scendono in campo i “ricchi”, a bordo delle 500 ma se gli alfieri sono la Gelmini, Schifani, Fantetti chi? Eletto dagli italiani all’estero, sarà come l’illustre predecessore Antonio Razzi! Anche Parisi “spara bordate” contro la riforma con il suo Megawatt, supportato da Energie per la Sicilia di Miccichè, che già fece emergere il sud con il partito Grande Sud, fondato il 05/09/2011 e sepolto il 23/11/2013! Parisi “Dicono che il leader è Berlusconi? È così, io sto dando un contributo importante di rinnovamento perché abbiamo perso negli anni 10 milioni di voti”. Brunetta non è convinto affatto: «Parisi chiarisca il suo ruolo. Vuol dare un contributo o sfasciare tutto?».