Francia chiusa per Isis. Ma il vero terrore arriva dagli "hooligan"

Risse tra tifosi russi e inglesi, due in fin di vita. Flop-sicurezza, nessun divieto all'alcol

Il vecchio porto di Marsiglia è una discarica di bottiglie, lattine, cartelloni divelti, panchine e sedie incendiate. Decine di feriti e arresti.

I barbari sono venuti dall'isola della Regina, dalla Russia degli zar e hanno trovato la ciurma marsigliese e parigina ad accoglierli. Notti di fuoco e di tumulti, notti di sangue, di arresti. Notte di terrore e di morte. Non è l'Isis, non sono terroristi, se ne fottono delle religioni, anzi la loro religione è fight for fight. Due squadre in campo, Inghilterra e Russia, due squadracce fuori dallo stadio con rinforzo esterno, il clan dei marsigliesi ha atteso la sfida di football sfidandosi a colpi di bottiglie rotte e pietre e molotov.

Il prefetto di Marsiglia ha spiazzato tutti, la miccia è stata accesa da un manipolo di tifosi dell'Olympique di Marsiglia che è stato provocato da gli ultras del Paris saint Germain. Lungo il quai des Belges la strada era coperta di qualunque tipo di oggetti lanciato dagli hooligans ai quali si erano aggiunti gli inglesi e poi i russi, eccitati dall'improvvisa fratellanza.

La polizia ha reagito con i gas lacrimogeni, feriti e tramortiti i tifosi hanno continuato a far guerriglia, a viso scoperto, in pantaloncini, alcuni anche scalzi, una pinta di birra in mano e la pelle arrossata dalla lotta e dalla sbornia.

Davanti all'Opera hanno rivoltato un cassonetto che raccoglie il vetro e le munizioni sono state scagliate contro i poliziotti, un'onda nera sopra la quale ronzava l'elicottero che filmava e fotografava attori e comparse di un film violento. Un tifoso inglese di 50 anni è finito sotto i colpi della gang russa, preso a calci e a pugni, a colpi di bastone, infartuato è in pericolo di vita. Come un tam tam la notizia è entrata immediatamente in circuito e allora la battaglia si è fatta più bastarda, quasi la vendetta degli inglesi all'inseguimento dei rivali russi. In place Charles de Gaulle nebbia di gas, negozi chiusi, vetrine in frantumi, silenzio ed esplosione di bombe carta la polizia risponde con un cannone ad acqua. Altro ferito a terra, sanguinante, è un russo, giovane, abbandonato dalla gang. Finora dodici arrestati, pochi, nulla nel blob che sta lerciando la città.

Perché mai Marsiglia come sede di questo duello? Perché non una città più calma e «francese» come accadrà a Lens, giovedì prossimo, per Inghilterra-Galles?

Segnalo la provocazione di una giornalista francese, Guillemette Faure, che propone la svolta antihooligans: allo stadio soltanto se nudi, così per evitare controlli, ispezioni e concentramento di truppe in assetto di guerra, nudi alla meta e alla partita, alla faccia del burqa. Non è una questione di abito, qui se le danno come matti, secondo usi e costumi del tifoso inglese che prevede la lotta, la sfida come momento di pride, di orgoglio e di onore, sagra violenta.

Ma perché ieri a Bordeaux i dragoni del Galles non hanno alzato nemmeno un dito contro i signori slovacchi, così come oggi i ragazzi di Belfast, i tifosi dell'Irlanda del Nord, contro i polacchi e sarà così domani con quelli di Dublino contro gli svedesi? Fuori dalla terra inglese sembra regnare la calma, non certo l'ordine, si va al football per il football. L'Uefa condanna, scrive in un comunicato che questa marmaglia non ha diritto di cittadinanza ma oltre le parole c'è il vuoto, c'è la rassegnazione o la repressione. Perché non impedire la vendita di alcolici non soltanto nei bari o ristoranti ma anche nei negozi, supermercati e affini? Perché non cancellare la fan zone dove si raccolgono i gentiluomini come nei peggiori pub di Newcastle?

La Brexit inglese è certa in questo europeo, l'uscita da un'Europa calcisticamente più civile. Giovedì il bis nel derby con il Galles. Si gioca a Lens, la città del carbone, l'ultimo morso francese a Calais prima della Manica.

Un'altra scialuppa lanciata per lo sbarco dei delinquenti.

Commenti

edo1969

Dom, 12/06/2016 - 09:51

99% colpa della polizia francese, ormai in questa Europa molle e "politicamente corretta" si tollera tutto, v. anche quel che fecero a Roma i tifosi olandesi pochi mesi fa. Eppure le ricette sarebbero semplici: li si arresta tutti si riempion di botte e si tengono per qualche mese in una segreta, ogni giorno botte da orbi e pane e acqua. Poi espulsione e se gli viene la sciagurata idea di ripresentarsi in Francia anche solo per turismo li si impicca.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 12/06/2016 - 10:15

La polizia, dovrebbe sparare su queste speci d`immondizzia dell`umanità!!! La maggioranza di costoro, non son altro che delinquenti, figli di alte cariche dello stato e dell`alta società, cresciuti senza amore, ne rispetto, verso il genere umano,contrari di tutte le leggi, tantomeno verso la natura.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 12/06/2016 - 10:21

La polizia, dovrebbe sparare su queste speci d`immondizzia dell`umanità!!! La maggioranza di costoro, non son altro che delinquenti, figli di alte cariche dello stato e dell`alta società, cresciuti senza amore, ne rispetto, verso il genere umano,contrari di tutte le leggi, tantomeno verso la natura. I veri colpevoli, di tutto ciò sono i GIUDICI e i politicanti da quattro soldi, che hanno creato il buonismo,"""PER I LORO INTERESSI"""!!!

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 12/06/2016 - 10:35

L'ennesima dimostrazione che i terroristi non sono "combattenti" ma semplici vigliacchi che sfruttano le ENORMI CARENZE delle sicurezze nazionali dei paesi occidentali. Se non si riesce a tenere a bada quattro teppistelli,tanto vale dare la possibilità di difendersi al POPOLO!!!P.s.: gli hooligans hanno fatto i furbi in GB fino a quando Madame Thatcher non si è rotta i zebedei(grandi come noci di cocco) e li ha "cucinati a dovere" da allora negli stadi di Albione è solo festa ed i teppisti sono...agnellini!!

Ritratto di trebisonda

trebisonda

Dom, 12/06/2016 - 10:46

Ma chi conosce Marsiglia sa bene che è una città pericolosa,già una ventina di anni fa,di sera era difficile stare tranquilli,passeggiare per le strade prospicienti il porto e godersi questa bellissima città,da allora le cose sono cambiate e naturalmente in peggio.E'una citta meticcia e questi sono i risultati.

amledi

Dom, 12/06/2016 - 10:51

Il fanatismo sportivo è stato creato dall’èlite al potere per distrarre le persone dalla sistematica cancellazione che viene attuata dagli stessi nei confronti dei nostri diritti e della nostra libertà. I potenti, cioè, utilizzano queste tecniche di distrazione di massa per focalizzare l’attenzione dei popoli altrove e intanto compiono il loro "saccheggio". E’ ovvio che non è lo sport in quanto tale ad essere il problema, ma il modo in cui viene manipolato da questa gente senza scrupoli, il cui solo obiettivo vitale è il potere, il controllo e la ricchezza. Il fanatico dello sport non si rende conto di essere uno schiavo, che invece di battersi per difendere i diritti civili conquistati in anni e anni di lotte, rivolge tutto il suo livore, la sua rabbia, la sua violenza contro avversario sportivo del momento.

Tarantasio.1111

Dom, 12/06/2016 - 10:56

Ecco dove ci ha portato la democrazia di sinistra europea e...sarà sempre peggio..."lasciateli fare, quel che conta sono le nostre mani sui governi..."

beowulfagate

Dom, 12/06/2016 - 10:59

Complimenti a quei cialtroni di Hollande e Valls per la gestione dell'ordine pubblico.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 12/06/2016 - 11:09

@amledi:concordo!!

edo1969

Dom, 12/06/2016 - 11:19

Azo ma come fai a dire che sono figli di alte cariche dello stato? Ma che stupidaggini vai raccontando, se vogliamo discutere del problema hooligan va bene ma se ognuno spara qui la sua sciocchezza non andiamo da nessuna parte

GMfederal

Dom, 12/06/2016 - 11:21

gli white short socks hanno avuto la giusta punizione dal popolo russo che non ha esitato a sprangarne uno quando attaccato vigliaccamente da questi miseri ubriaconi di sua maestà..

edo1969

Dom, 12/06/2016 - 11:23

bandog ben detto, come si può combattere i terroristi se siamo così molli anche solo verso questi teppistelli da due soldi. Ci vogliono i metodi degli anni 30 in Germania. Ma se poi andiamo a votare e siamo tutti moderatini di centro-centrosinistra o di centro-centrodestra non lamentiamoci i colpevoli siamo noi

edo1969

Dom, 12/06/2016 - 11:24

trebisonda i problemi di Marsiglia e dell'integrazione fallita sono noti ma sei sicuro che in questo caso non c'entrino un po' anche i teppisti inglesi e russi?

edo1969

Dom, 12/06/2016 - 11:26

E infine un bel saluto a tutti i f.essi che ancora guardano le partite, di sti quattro dopati miliardari viziati e coi risultati decisi a tavolino da dirigenti corrotti tipo blatter e platini

Reziario

Dom, 12/06/2016 - 11:33

@Trebisonda 12/6/16 10:46: ma sei sicura di non confonderti con Milano? (sono sarcastico ;-))

ziobeppe1951

Dom, 12/06/2016 - 11:52

Troppa democrazia porta all'anarchia, ben venga l'uomo forte

Ritratto di frank.

frank.

Dom, 12/06/2016 - 12:07

Trebisonda, lei è un genio! Il delirio di ieri non è colpa degli Hoolingas inglesi o russi (notoriamente gentleman con la bombetta e il doppiopetto), ma del fatto che Marsiglia sia una città meticcia...Grandissimo!! Neanche Salvini con 5 capirinhe in corpo arriverebbe a tanto.

Ritratto di il navigante

il navigante

Dom, 12/06/2016 - 13:02

Una penosa conferma, questo sono solo dei barbari.