Beppe Vessicchio, niente Sanremo: scatta la petizione

Beppe Vessicchio non sarà al Festival di Sanremo: il pubblico reclama a gran voce la sua presenza, attraverso Twitter e una petizione

Beppe Vessicchio e Festival di Sanremo rappresentano un binomio inscindibile. Ne sono certi i telespettatori, che dal Web chiedono a gran voce che quest'edizione del Festival della Canzone Italiana ospiti il maestro che tante volte ha diretto l'orchestra all'Ariston.

Vessicchio ha infatti dichiarato all'Ansa che non sarà a Sanremo. "Quest'anno non dirigo - ha spiegato - È un caso: ero stato prenotato da un paio di cantanti che alla fine non sono stati invitati da Carlo Conti". Il maestro concertatore ha trovato il modo di scherzare: dice che ha voluto evitare l'effetto-presepe per via della presenza di Maria De Filippi. Ma ha anche detto no a un ruolo da opinionista: "Io sono un animale mitologico: metà uomo, metà orchestra".

Vessicchio sarà comunque al festival, perché l'ha promesso ad alcuni amici musicisti, e per promuovere il suo libro in uscita il 2 febbraio, dal titolo "La musica fa crescere i pomodori" (Rizzoli). Ma a molti questa presenza non basta e quindi su Change.org è nata la petizione. "Dopo aver appreso la notizia che il maestro Beppe Vessicchio non dirigerà l'orchestra per nessuna canzone in gara, chiediamo a Carlo Conti di invitarlo in una delle 5 serate come ospite in onore della musica che lui ha sempre amato. Beppe senza di te Sanremo non è lo stesso", si legge sul sito, ma i sostenitori sono al momento meno di 50.

Su Twitter le cose vanno un po' diversamente: i tweet degli utenti si moltiplicano. "Il Festival di Sanremo senza Beppe Vessicchio, è come la pizza senza mozzarella", scrivono dal duo comico iPantellas. E mentre qualcuno annovera quest'assenza tra i tre segni dell'apocalisse, altri invocano una Women March di supporto. O si lanciano in paragoni ironici.