Ecco perché la Regina e il Principe Filippo non dormono insieme

La Regina Elisabetta II e il Principe Filippo di Edimburgo hanno camere collegate ma dormono insieme: ecco la ragione della consuetudine

È noto da sempre che la Regina Elisabetta II e il Principe Filippo di Edimburgo dormano in camere separate.

Il loro è stato un matrimonio di grande successo - anche se talvolta qualche nube l'ha oscurarlo - ma la coppia si avvia a festeggiare l’anniversario numero 72 il prossimo novembre. Ora viene svelato uno dei grandi misteri della routine notturna dei reali.

Come riporta l’Express, al loro Royal Wedding nel 1947, Elisabetta e Filippo si trasferirono a Clarence House. Qui, al posto di una lussuosa suite padronale, furono realizzate due camere da letto separate ma comunicanti. Ma non si pensi che tra i due sia mancata l’intimità - tanto che la Regina e il marito hanno avuto quattro figli: Carlo, destinato a essere Re, Anna, Andrea e Edoardo.

Lady Pamela Hicks, cugina di Filippo, raccontò in passato la ragione di quella che può sembrare un’usanza bizzarra, le camere collegate: pare si tratti di una consuetudine dell’aristocrazia britannica. È dovuta al fatto che uno dei due coniugi potrebbe disturbare l’altro, russando o muovendosi. Tuttavia, in questa consuetudine c’è anche il fatto che, quando gli sposi si sentono a proprio agio, possono scegliere di condividere la propria stanza.

Tra le routine seguite da Elisabetta e Filippo c’è anche la decisione di non mostrare affetto in pubblico. Non si tratta di una vera e propria regola: tutti i membri adulti della Royal Family, a partire dalla sovrana, possono stabilire la propria condotta di comportamento pubblico, quindi si tratta di una discrezione, abbracciata peraltro da altri membri della famiglia come il Principe William e Kate Middleton, che non sono inclini alle effusioni in pubblico né al tenersi per mano.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?