Gli hacker cercano di rubare alla Hbo il Trono di spade

Matteo Sacchi

Non più solo banche, agenzie governative e ministeri. Da un po' di tempo tra i bersagli degli hacker sono finiti anche i colossi televisivi. All'elenco di quelli colpiti di recente da cyberattacchi si è aggiunta la Hbo (prima era toccata a Netflix). Sono stati rubati 1,5 terabyte di materiale. In mezzo al materiale il colpo grosso sarebbero i copioni e anche interi episodi ancora inediti della serie Tv Game of Thrones. E poi altre produzioni, seppure meno di punta, tra cui le serie Ballers e Room 104. La minaccia degli hacker è quella di uno spoiler massivo, per dimostrare che non scherzano avrebbero anche già diffuso online una puntata di Room 104 e una di Ballers. Un danno tutt'altro che indifferente per la rete, che sta cercando di correre ai ripari. Del resto Proprio il Trono di Spade era già stato oggetto di hackeraggio: nel 2015 4 episodi della quinta stagione finirono online. «Siamo stati vittima di un cyber incidente», afferma Hbo in una nota, sottolineando di aver avviato indagini sull'accaduto in collaborazione con le autorità. In una comunicazione ai dipendenti, l'amministratore delegato Richard Pleper ha definito l'intrusione «preoccupante», ma assicura che «sforzi imponenti sono in corso per «proteggere i nostri interessi. Come ogni sfida che ci si è presentata, non ho alcun dubbio che supereremo anche questa con successo» aggiunge. L'attacco hacker per altro è preannunciato da una email anonima ad alcuni giornali: «Saluti a tutta l'umanità. Il più grande leak del cyberspazio sta iniziando. Qual è il nome? Si chiama Hbo e Game of Thrones...!!!».