Bertolucci choc: "Maria Schneider non era consenziente"

Si era accordato solo con Marlon Brando all'insaputa dell'attrice, ora il web si ribella alle dichiarazioni dei retroscena del film

L'intervista al regista Bernando Bertolucci risale al 2003 eppure è tornata al centro dell'attenzione nelle ultime ore su Twitter scatenando la rabbia degli utenti.

Bertolucci, infatti, aveva raccontato 3 anni fa durante un incontro alla Cinémathèque française di Parigi i retroscena della tanto dicussa scena di sesso del film "Ultimo tango a Parigi".

Paul, il protagonista interpretato da Marlon Brando, faceva sesso con Jeanne (Maria Schneider) utilizzando del burro come lubrificante. Nell'intervista il regista spiega come questa scelta fosse stata pensata e condivisa insieme all'attore all'insaputa della Schneider, allora diciannovenne.

Nel 2011, prima di morire, l'attrice ha raccontato di essersi sentita violentata da quella scena definendola un piccolo stupro: "Ancora oggi porto con me le sofferenze di qualche scena. Bertolucci non è mai stato un amico, nei miei momenti di crisi non è mai corso in mio aiuto”.

Bertolucci, dal canto suo, nell'intervista incriminata spiega le sue ragioni: “La scena col burro fu un’idea che avemmo io e Marlon la mattina prima di girare. A Maria non dicemmo che avevamo deciso di utilizzare il burro come lubrificante. Non mi pento di averlo fatto, ma mi sento colpevole per questo. Io non volevo che Maria recitasse la rabbia e l’umiliazione, volevo che sentisse la rabbia e l’umiliazione. E per questo mi ha odiato per tutta la vita”.

Commenti

Cheyenne

Dom, 04/12/2016 - 17:40

ho sepre considerato bertolucci un depravato e pessimo regista. Il film era orrendo e recitato da cani. Hanno fatto bene a bruciarlo , ma non per pornografia per la stupidità immensa

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Dom, 04/12/2016 - 19:18

Se qualcuno gli ha rotto il mandolino,non potrà pagare con il carcere.Sono entrambi deceduti.

istituto

Dom, 04/12/2016 - 19:39

È un regista di SINISTRA e quindi a LORO (al contrario)TUTTO è CONSENTITO.La SINISTRA chiama ARTE le PORCATE.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Lun, 05/12/2016 - 00:07

Ultimo tango a Parigi? Una ca77ata meggalattica !!! Bortolucci come regista é un tamarro. Ma siccome é di sinistra lo stupro va bene. Se lo avesse fatto Tinto Brass......

Ritratto di Runasimi

Anonimo (non verificato)

manfredog

Lun, 05/12/2016 - 01:28

I registi non saranno mai amici degli attori, al massimo potranno essere amanti; in questo caso il regista è stato addirittura nemico dell'attrice e addirittura ha dichiarato di non essere pentito. Nel mondo dello spettacolo accade anche di peggio, però questo regista potrà anche essere stato 'grande' in alcune cose nel suo mestiere, ma sarà sempre un piccolo uomo. mg.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 05/12/2016 - 23:48

I registi militanti di sinistra sono "impegnati" a divulgare la "morale" comunista. Fanno stuprare una ragazza di diciannove anni e poi scendono in piazza a fare cortei contro lo stupro fascista. Ancora una volta chi vota per questi "moralisti" deve avere almeno due spanne di pelo sullo stomaco. Ma soprattutto deve aver fatto dell'ipocrisia il proprio ideale di vita. Vivere da sepolcri imbiancati.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 06/12/2016 - 00:00

Da uomo non riesco ad immaginare la profonda amarezza di una donna che ha dovuto subire la violazione del proprio corpo. Lo stupro della Schneider reso ancor più grave per essere stato programmato da un regista senza morale che voleva rendere "vera" la scena. Cosa dire di questo miserabile Bertolucci osannato dai comunisti?