Valentina Dallari si sfoga: "Sì, soffro di disturbi alimentari. A breve entrerò in una struttura"

Dopo i duri attacchi ricevuti in rete per il suo aspetto fisico, Valentina Dallari spiega che sta attraversando un periodo piuttosto delicato: "Devo risolvere alcuni problemi"

Non è sicuramente un momento semplice per Valentina Dallari, per questo l'ex tronista di Uomini e Donne chiede e merita un po' di rispetto.

Tutto il tam tam mediatico sul suo conto è iniziato dopo la pubblicazione da parte di Valentina di alcune foto. Il pubblico, vedendo un fisico molto dimagrito e cambiato rispetto a quando stava a Uomini e Donne, si è allarmato per le sue condizioni di salute. Così gli utenti hanno iniziato a bombardare di messaggi la dj, ma tra i tanti commenti di chi chiedeva - in buona fede - a Valentina Dallari se stava bene, c'era e ci sono anche quelli di chi non ci ha pensato due volte a darle dell'"anoressica di merda" o della "malata del cazzo".

E dopo giorni di silenzio e mezze risposte - già in passato Valentina Dallari era stata accusata di essere anoressica e lei aveva spiegato che si sente bene con il suo fisico - la dj è sbottata su Instagram. In un lungo sfogo la Dallari ha spiegato che ha 24 anni, è una ragazza come tutte e non può sempre essere presa come esempio, "non è giusto che io non possa cadere, chiedo un po' di rispetto in questo momento delicato per me".

Subito dopo questo duro sfogo, negli utenti si sono attivati tutti una serie di campanelli di allarme: Valentina Dallari ha veramente qualcosa che la sta facendo soffrire e le offese sono ora più che mai fuori luogo. Ma neanche il tempo di leggere queste parole così sincere che Valentina Dallari ha rilasciato una lunga intervista a Fanpage, dove ha raccontato cosa le sta succedendo.

Con coraggio Valentina si è aperta, ha ammesso di avere qualche problema e di doversi fare aiutare. "Sono sincera - dice - non so ancora come io mi possa considerare. Sono in terapia psicologica da diverso tempo e mi sto godendo gli ultimi giorni insieme alla mia famiglia prima di entrare in una struttura specializzata dove si prenderanno cura di me. Sì, soffro di disturbi alimentari. E sto cercando di risolverli attraverso una cura che la mia famiglia e il mio fidanzato hanno fortemente sostenuto. Mi vogliono bene e vogliono vedermi felice. Mi prenderò un po’ di tempo per me e proverò a risolvere i miei problemi".

"Che effetto ti fa quando al tuo nome viene abbinata la parola 'anoressia'?, chiede il giornalista. E subito Valentina Dallari risponde: "Non saprei, è sempre una sensazione strana. Con il tempo ho capito che c’è molta ignoranza riguardo questa malattia. Vedo molte persone che credono che sia solo un discorso estetico, e ti additano come 'anoressica di merda' quando in realtà non si sta né rubando una macchina né prendendo in giro le persone. Le persone che soffrono di questo disturbo hanno un disagio totalmente personale e molto profondo, che, alla lunga, va ben oltre il discorso estetico. È un auto punirsi e basta, senza mai coinvolgere gli altri".

Così, con estremo coraggio e con tanta voglia di superare questo momento difficile, Valentina Dallari ha spiegato una volta per tutte cosa le sta succedendo. Ora che ha tolto tutte le maschere pretende e merita un po' di rispetto. Lei e tutte quelle persone che stanno soffrendo.

non è giusto che io debba essere sempre perfetta. Non è giusto che io non possa fare nulla che non sia ordinario perché non rispecchia ciò che vogliono gli altri. Non è giusto che io debba sempre comportarmi bene verso il prossimo mentre gli altri non lo fanno. Non è giusto che io sia un esempio, perché ho solo 24 anni. Non è giusto che io debba sempre adeguarmi a ciò che non mi appartiene. Non è giusto che io venga continuamente giudicata sulla base di stupide voci di corridoio. Non è giusto che le persone a cui voglio bene siano a sua volta giudicate sulla base del nulla più assoluto. Non è giusto che io non possa avere un momento di debolezza. Non è giusto che io non possa essere semplicemente umana. Non è giusto che io non possa avere “sentimenti”. Non è giusto che mi vengano attribuite parole che non ho mai detto o comportamenti che non ho mai avuto. Non è giusto che, se dovessi cadere, io sia giudicata come “mostro” o “schifosa” o come “un cattivo esempio”. Non è giusto che io non possa avere i miei problemi personali. Non è giusto che io non possa essere in un momento difficile. Non è giusto che io non possa sbagliare e non è giusto che tutto questo “non puoi” sia definito come “il prezzo per quello che hai”. Chiedo un po’ di rispetto, soprattutto in questo momento che , purtroppo, è molto delicato. un bacio, v

Un post condiviso da Valentina Dallari (@valentinadallari_) in data:

Commenti

gneo58

Lun, 08/01/2018 - 16:50

MA CHI E' TUTTA QUESTA GENTE CHE SPUNTA DAL NULLA ?