Povia: "Canto Immìgrazia per amore delle mie figlie"

“Gli immigrati di domani saranno i nuovi italiani. Ma se dici queste cose sei soltanto un incivile”. Il controverso singolo di Giuseppe Povia, “Immigrazia”, tocca temi scomodi e fa discutere

“L’immigrazione è una follia voluta da chi vuole che tu vada via, l’immigrato mentre tu stai sulla sedia piano piano si insedia… con l’aiuto del governo si prende il nostro posto e si prende pure il Padreterno… Gli immigrati di domani saranno i nuovi italiani. Ma se dici queste cose sei soltanto un incivile”.

È stato sicuramente troppo ottimista Giuseppe Povia nell’ipotizzare quali etichette gli avrebbe affibbiato la critica. Ed infatti il controverso singolo “Immìgrazia” ha sollevato un polverone tale che sembra d’esser tornati indietro di quasi un decennio. Quando, nel 2009, dal palco dell’Ariston stupì la platea sanremese con la storia di un ex omosessuale tornato ad amare le donne. Un gay “rieducato” per la comunità Lgbt che, all’epoca, agitò lo spettro delle cosiddette “teorie riparative dell’omosessualità”. Oggi, invece, a sobbalzare sulla sedia è l’assessore dem all’accoglienza del comune di Acquaformosa (Cosenza) e delegato per l’immigrazione della Regione Calabria, Giovanni Manoccio, a cui non sono andate giù le strofe del nuovo brano con cui il cantautore milanese dice la sua sull’immigrazione.

Indegno”, “incivile” e “razzista”: l’assessore all’accoglienza ha stroncato il suo ultimo brano...
Per forza, è assessore all’accoglienza. A questo proposito azzardo un paio di ipotesi: o Manoccio con l’accoglienza ci guadagna tantissimi soldi, oppure accoglie chiunque a gratis perché è un santo. Come mai in un momento in cui la disoccupazione giovanile in Calabria sfiora il 60% lui si preoccupa degli extracomunitari e non dei suoi cittadini?

Ci spiega qual è il vero significato di “Immigrazìa”?
Con “Immigrazìa” mi riferisco all’immigrazione di persone che prendono il nostro posto accettando stipendi bassi e condizioni di vita pessime, sostituendo nel tempo il popolo italiano. E non solo. Racconto anche un’altra immigrazione, quella dei capitali e delle fabbriche italiane che spariscono all’estero, così come la nostra cultura che si sta via via diluendo. È l’Italia e l’italianità che stanno emigrando altrove, mi segue?

Quindi a chi si rivolge il brano e chi c’è nel mirino delle sue strofe?
Mi rivolgo innanzitutto ai governi (piro)tecnici dal 2011 in poi. E poi ai rappresentanti non eletti che stanno a Bruxelles e in Europa. L’Unione Europea è una bella parola, ha una bel suono ma comprime e deprime stipendi, persone e ricchezze guadagnate in decenni o che ci sono state lasciate dai nostri nonni e bisnonni.

C’è un fatto o un avvenimento di cronaca, in particolare, al quale si è ispirato per scrivere il pezzo?
Sì, quella cosa che è sotto gli occhi di tutti: la realtà.

Sin dai tempi di “Luca era gay” la sua musica ha attirato critiche feroci e censure...
Mah, in molti casi credo di esser stato frainteso per colpa dei media e del loro potere di distorcere la realtà facendo apparire vero ciò che non lo è. Però quando mi esibisco mi rendo conto che le opinioni della gente sono molto meno allineate al mainstream di quel che si potrebbe pensare. La maggioranza delle persone mi vuole bene, anche se le minoranze che comandano il mondo da sempre possono pilotare idee e informazioni.

Così facendo si è però precluso una bella fetta di pubblico, oltre che agibilità e spazi. La sua scelta non è una scelta di marketing, a cosa pensa quando fa musica?
Alle mie bimbe. Quando scrivo, se penso a loro, so che non posso sbagliare e che grandi prenderanno tanti spunti dal loro papà. Spero di lasciare loro una traccia perfettamente onesta, almeno con la musica, perchè nella vita non sono proprio perfetto. Non voglio che crescano in un mondo culturalmente anestetizzato. Mi fa paura tutto questo.

“Povia è un artista coraggioso”. Ed invece che effetto le ha fatto l’endorsement di Matteo Salvini?
Matteo è un ragazzo coraggioso con pregi e difetti come tutti. Ha però le sue idee e le porta avanti con grande determinazione. Con buona pace di qualche democratico che ogni giorno gli augura la morte, le cose che dice sono condivise da molti ed il suo partito sta salendo nei consensi, quindi vuol dire che intercetta il pensiero di tantissimi anche al Sud.

Per chi volesse sostenere il suo progetto, come fare per acquistare il singolo o venire a vedere un suo live?
Le date sono sul mio profilo Facebook o sul sito povia.net mentre il disco si può ordinare scrivendo a giuseppepovia@vodafone.it

Commenti
Ritratto di adl

adl

Mer, 02/08/2017 - 18:04

Comprensibilissimo e condivisibile timore quello espresso da Povia. Il problema però a mio avviso non è l'immigrazione sic et sempliciter, ma l'IMMIGRAZIONE FORZATA GESTITA DAGLI ANTIITALIANI D'ITALIA CONTRO GLI ITALIANI come Povia e tanti altri di buon senso compreso me.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 02/08/2017 - 18:09

---altro marchettone gratis---

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mer, 02/08/2017 - 18:38

Povia ha ragione al 100 % , lui cosi come altri artisti , Nicola Comparato o Ivan Cardia sono la voce del popolo e del suo disagio. Artisti che sono boicottati e con vanno in tv oppure sulle radio nazionali . L'unica radio che li trasmette è Radio Padania sul digitale terrestre 740 oppure su radio DAB o streaming. Si perché anche se il Corriere della Sera ha scritto che Radio Padania non c'è più, la Radio della Lega Nord è viva e vegeta.

Ritratto di Vogelspinnen-ChrisLXXIX

Vogelspinnen-Ch...

Mer, 02/08/2017 - 18:42

Onore a Povia.

routier

Mer, 02/08/2017 - 18:51

Le "dotte" esternazioni dell'assessore Giovanni Manoccio mi hanno convinto ad acquistare la canzone "Immigrazìa" di Giuseppe Povia e di pubblicizzarla presso parenti, amici e conoscenti. AD MAIORA!

ziobeppe1951

Mer, 02/08/2017 - 18:57

elpirla di Montevecchia...quando penso al marchettone gratis...mi viene sempre in mente l'idolo dei pir.la belo figo

linea56

Mer, 02/08/2017 - 18:57

Grande POVIA uno dei pochi a non leccare gli inferiori i rossi naccheri. GIUSEPPE

esulenellamiaPatria

Mer, 02/08/2017 - 19:19

Per "elkid".Un'altra occasione persa per risparmiarci,almeno oggi,una delle sue perle di saggezza.Saluti.

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 02/08/2017 - 19:40

----la differenza tra essere "qualunquista" ed essere di destra è una differenza sottile---povia non è di destra--è solo un qualunquista--scommetto che è pure antivax---che povia sia un grillino a sua insaputa?--boh!---ai posteri--

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 02/08/2017 - 19:59

Grande Povia, in un paese COMUNISTA ci vuol coraggio a fare l'artista non allineato agli cslazini di regime...

Ritratto di ateius

ateius

Mer, 02/08/2017 - 21:11

le cose che dice e che canta possono essere condivisibili.. ma lasci stare le sue bimbe, le dica per se stesso senza strumentalizzare chi non centra. gli adulti di domani sapranno badare a loro stessi.. e avranno certo un cervello più adeguato ai tempi che ci aspettano. se Povia ha paura del presente e del futuro ce ne parli e ce ne canti.. e poi finisca lì.

piazzapulita52

Mer, 02/08/2017 - 21:26

Grandissimo Giuseppe! Un grande artista ed un grande uomo! Continua la tua battaglia che è anche la mia e quella della stragrande maggioranza degli italiani! Probabilmente i TRADITORI DELLA PATRIA non sono capaci neppure a procreare! Questa è una battaglia da vincere a tutti i costi; dobbiamo vincerla per salvare la nostra Patria e per il futuro dei nostri figli! Un grandissimo abbraccio Giuseppe e, mi raccomando, sempre in trincea......fino alla vittoria!!!!

Anonimo (non verificato)

MOSTARDELLIS

Mer, 02/08/2017 - 22:12

Forse con la canzone riescono a capire qualcosa pure i giovani sinistri.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 02/08/2017 - 23:15

@Elkid - quale è invece la differenza tra un estremista come te e un pxxxa? Nessuna, ci hai pure il nome simile. Ma ogni giorno devi dire puttanate e prenderti parole da tutti? Ma sei un masochista?

Origo50

Gio, 03/08/2017 - 01:08

Elkid, hai dimenticato l'epiteto più importante di tutti, Povia è un negazionista...

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 03/08/2017 - 09:53

@elkid , Povia di certo non passa a Radio 24 dei tuoi amici di confindustria oppure su Radio Deejay o ancora Radio 105 e guarda caso neanche su radio Popolare . Come mai non commenti su i soldi che i compagni hano rubato per anni a Sesto San Giovanni , vedi scandalo sub affitto dell'ANPI ?

Ritratto di Turzo

Turzo

Gio, 03/08/2017 - 09:59

Grande Povia!!!!

Rossana Rossi

Gio, 03/08/2017 - 11:07

W POVIA, boicottato dai sinistr.onzi perchè non è allineato e sottomesso al loro pensiero che ha rovinato l'Italia . Fa benissimo a dire ciò che pensa anche se il regime lo censura in tutti i modi.

Ritratto di giordano

giordano

Gio, 03/08/2017 - 11:17

bravo

Libertà75

Gio, 03/08/2017 - 11:50

Signori, come poteve vedere anche da questo blog, il sig. Povia ha ragione da vendere! A sinistra c'è una scarsa capacità di tolleranza democratica verso chi non la pensa come loro. Prendete il nostro elkid (businessman dell'accoglienza come da lui dichiarato), costui è sempre pronto ad osannare "bello figo" che fa i soldi cantando canzoncine per gente come lui. Poi appena arriva uno come Povia, subito starnazza come una vecchia oca. Ora da soli potete capire chi è dalla parte della ragione e chi è dalla parte del torto.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 03/08/2017 - 11:58

----Maximilien1791--l'articolo parla di povia e commento povia---se non passa dalle radio evidentemente le sue canzoni fanno schifo---secondo te le radio commerciali che vivono di ascolto non passano una canzone per via delle idee politiche del cantante?--ma fammi il piacere!---se la canzone piace diventa tormentone anche se la canta il musso redivivo-e maggiori ascolti uguale maggiori introiti pubblicitari---se domani la maggioranza degli italiani sostiene che è bello ed utile pagare le tasse per ottenere più servizi--stai pur certo che povia fa una canzone "elegia" sulle tasse--le banderuole qualunquiste sono così--swag

Libertà75

Gio, 03/08/2017 - 16:22

@elkid, naaaaaaaa, tutti i produttori pagano per trasmettere tormentoni dei propri cantanti... Quando l'ipotetico tormentone diventa tale, allora finiscono le sovvenzioni e da quel momento si pagano tutte le relative royalty. Ma non sono pochi i cantanti che preferiscono farsi un business con youtube piuttosto che la via classica delle radio. In ogni caso, neppure questo sapevi... Ci sarà un giorno in cui tu vivrai informato?

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 03/08/2017 - 17:32

----Libertà75----ti perdi sempre il punto nodale dei discorsi--e cioè che le radio che trasmettono musica se ne fregano delle idee politiche dell'artista-punto -e per cercare di mettermi in difficoltà--si nota la fatica immane che fai ogni volta che intervieni nei miei riguardi mettendo sottosopra google e sottoponendoti ad una attenta filologia dei miei scritti--se non mi facessi ridere direi che sfiori il patetico che--swag ganja

Libertà75

Ven, 04/08/2017 - 10:58

@elkid, va bene, sfioro il patetico, come credi tu (ma non mi interessa il giudizio di chi fuma ganja). Intanto ti ho dimostrato per l'ennesima volta che parli di ciò che non conosci (come praticamente sempre). Alle radio non interessano le idee politiche (ad alcune, non tutte, poiché anche tu che fai business sull'accoglienza non inviteresti mai nel tuo comune un'artista come Povia o sbaglio?). In ogni caso, molti produttori pagano le radio per creare "il tormentone". Questa canzone di Povia è terribile (dal punto di vista musicale), non diventerà mai un successo, ma solo perché non è bella.

Libertà75

Ven, 04/08/2017 - 10:59

@elkid, non è che io mi perda i punti nodali, è che nella vita bisogna avere rigore logico e non parlare tanto "mi devono capire". Ti ripeto anche stavolta di prepararti culturalmente se vuoi affrontare discussioni con gli adulti (e non con gli amici del centro sociale).