Il rapper Chris Brown arrestato per aggressione a mano armata

Il cantante statunitense Chris Brown è stato arrestato nella sua casa di Los Angeles, accusato di aggressione con un'arma letale. A renderlo noto una portavoce della polizia della città californiana

La polizia ha arrestato il cantante Chris Brown dopo aver ricevuto una chiamata da una donna che sarebbe stata minacciata con una pistola. L'arresto, con l'accusa di aggressione a mano armata, è stato eseguito dopo una perquisizione a casa di Brown a Tarzana, zona residenziale a nord ovest di Los Angeles.

L'arresto e la perquisizione a casa Brown

L'operazione è scattata dopo la chiamata della donna alle autorità in cui sosteneva che il cantante l'avesse minacciata con una pistola a seguito di una discussione, motivo per cui aveva abbandonato la casa e chiamato la polizia. Brown, che era rinchiuso in casa circondata dagli agenti, ha pubblicato alcuni video sul suo profilo Instagram in cui ribadiva la sua innocenza e criticava l'azione della polizia . "Buona fortuna. Quando otterrete un ordine del tribunale o ciò che è necessario, venite direttamente qui e non vedrete niente, idioti", ha detto il cantante in un estratto dei suoi video.

Negli ultimi anni, Chris Brown ha affrontato diversi problemi con la legge. Nel 2009 è stato condannato per aggressione e per minacce di morte contro la cantante Rihanna, allora sua compagna. In seguito ha violato la libertà vigilata per aver aggredito una persona a Washington nel 2013, un incidente per il quale è stato condannato a un anno di carcere.

Commenti

ziobeppe1951

Mer, 31/08/2016 - 14:49

I rapper non vanno chiamati "cantanti"