Il balletto sulle pensioni

Morando lancia l'innalzamento dell'età pensionabile. Restano i nodi da sciogliere su Ape e perequazioni

Dopo l'estate, arriverà un autunno caldo sul fronte delle pensioni. Il sistema della previdenza sociale è un tema molto delicato per il governo e di fatto è una partita dura con diversi giocatori in campo, da Poletti ai sindacati, dall'Inps alle associazioni che difendono i diritti dei pensionati.

Età pensionabile

La prima grana che il governo dovrà affrontare riguarda l'innlazamento sull'età pensionabile. Di fatto nel 2019 l'uscita dovrebbe arrivare a 67 anni e non più a 66 anni e 7 mesi. Le proposte per uno stop all'innalzamento di questo limite sono state bocciate sia dalla Ragioneria di Stato che dalla stessa Inps. Boeri su questo punto è stato molto chiaro: "È pericolosissimo toccare il meccanismo che adegua l'età di pensionamento all'aspettativa di vita, perché può avere sia effetti in avanti che all'indietro", ricordando che guardando avanti ci sarebbe un "aggravio di spesa" che "noi stimiamo in 141 miliardi di euro". E su questo punto ha chiuso il dibattito il viceministro dell'Economia Enrico Morando che ha bocciato l’idea di utilizzare le risorse aggiuntive liberate dalla crescita del Pil per bloccare l’età per il pensionamento. "Sulla previdenza abbiamo varato un intervento molto significativo l’anno scorso", ha ricordato in un’intervista a Repubblica, "sarebbe un errore scegliere ora come priorità la previdenza rispetto all’occupazione giovanile: purtroppo le risorse per tutto non ci sono". L’idea di Morando è di concentrarsi "su pochi e qualificanti obiettivi con un intervento strutturale a favore dell’occupazione dei giovani, un maggiore finanziamento del reddito di inclusione attiva, lo strumento universale a favore delle famiglie che vivono in poverrà assoluta, e per far crescere gli investimenti pubblici".

Ape volontaria

Ma un altro fronte caldissimo sulle pensioni è quello dell'Ape volontaria. Di fatto, come anticipato da ilGiornale, a settembre dovrebbe essere attivo il decreto con un ritardo mostre di circa 6 mesi. Ma il successo dell'operazione per il momento resta un'incognita. E qui di fatto in governo dovrà fare i conti con le indicazioni del Consiglio di Stato che potrebbero indicare una retroattività del decreto che per chi aveva fatto domanda a maggio. In più il governo dovrà far fronte a tutti i conteziosi nati per i rispingimenti delle domande.

Il nodo della perequazione

Ma a preoccupare il governo c'è un altro aspetto che riguarda invece la perequazione degli assegni pensionistici. Il prossimo 24 ottobre, come ha ricordato il Sole 24 Ore, verranno discusse le questioni di costituzionalità delle regole sulla perequazione messe a punto dal governo Renzi con il decreto legge 65/2015 in risposta alla bocciatura delle norme precedenti. Una risposta quella del governo Renzi giunta dopo la sentenza della Consulta 70/2015. Il verdetto di ottobre di fatto potrebbe innescare nuova spesa previdenziale per le casse dello Stato. E questo per il governo è il fronte più pericoloso. Di fatto dopo la riforma Fornero venne bloccato parzialemte l'adeguamento all'inflazione per gli assegni pensionistici già in pagamento. E tra il 2012 e il 2013 vennero adeguati solo le pensioni fino a tre volte il minimo tenendo fuori quelle superiori. La Consulta ha dichiarato illegittimo il provvedimento. Conto salatissimo: 24 miliardi. E così il governo Renzi con un nuovo decreto ha introdotto per il 2012-2013 un adeguamento al 100% per gli assegni fino a 3 volte il minimo; del 40% tra 3 e 4 volte; del 20% tra 4 e 5; del 10% tra 5 e 6; nullo per importi oltre sei volte il minimo, come ricorda ilSole. Ma chi è rimasto fuori ha immediatamente fatto ricorso e sono state poste questioni di legittimità costituzionale anche per il 2014-2018. Adesso il 24 ottobre scatta l'ora X e il governo potrebbe nuovamente trovarsi davanti ad un conto salato da pagare in tempi rapidi a milioni di pensionati.

Commenti

gneo58

Gio, 17/08/2017 - 14:23

A QUESTO PUNTO MI SEMBRA DI CAPIRE CHE CHI HA LAVORATO IN NERO ED EVASO TUTTA LA VITA HA FATTO PIU' CHE BENE.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 17/08/2017 - 14:28

Solo 67 anni?? Almeno 78 anni se no come faranno le risorse a pagarvi le pensioni per i pochi mesi che avrete da vivere??

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Gio, 17/08/2017 - 14:33

gneo58, certo, pero' le "tasse" oltre che la quota pensione coprono le spese della collettività, hanno fatto benissimo a vivere a sbaffo sulle nostre spalle, certo. di pusillanimi è pieno il mondo.

unosolo

Gio, 17/08/2017 - 15:17

i sinistrati hanno solo pensato a loro e i loro compagni ? si ! hanno sistemato figli , fratelli , parenti vicini e lontani e i loro genitori , per fare questo hanno barattato le pensioni d'oro e i vitalizi . hanno condannato solo coloro che lavorando giorno e notte hanno reso ricca la Nazione e di fatto hanno reso ricchi i politici sia nazionali che regionali e comunali . ladri ? come chiamarli visto le leggi che hanno condannato solo quei lavoratori ? la cosa strana che la magistratura o chi deve tutelare i diritti dei cittadini non è intervenuta a difesa e mettere subito in atto la perequazione , come fidarsi delle cariche istituzionali che non difendono i pensionati veri?

unosolo

Gio, 17/08/2017 - 15:22

se non viene applicata la perequazione sarà un incentivo a evadere i versamenti INPS cioè saranno molti che lavoreranno in nero e i soldi li investiranno in altri modi con la consapevolezza che un domani ci sarà uno stipendio minimo garantito o l'assegno sociale , questo è un danno enorme alla INPS , sveglia e date il giusto a chi lavora senza evadere versamenti altro che solidarietà , se lavori avrai diritto alla pensione ma se non lavori rovini un sistema che funzionava benissimo.

flip

Gio, 17/08/2017 - 15:30

riprendiamoci l' inps. fuori dalle palle i governi.I SOLDI VERSATI SONO I NOSTRI e sono il nostro futuro e non per i "vitalizi"

DRAGONI

Gio, 17/08/2017 - 15:31

E MASTROPASQUA CHE COSA DICE?

jaguar

Gio, 17/08/2017 - 15:32

Poi si chiedono perché in Italia abbonda il lavoro nero e l'evasione fiscale.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 17/08/2017 - 15:50

facciamo un salto indietro:la fornero? di che governo? ah si quello dei "tecnici"...voluto da chi?? come è arrivato al potere? bè s e la memoria è un optional...con un golpe di stato voluto da un comunista dalle pensioni d'oro!!!!

titina

Gio, 17/08/2017 - 16:07

Separate l'enorme costo dell'assistenza dall'INPS!!!!!!

acam

Gio, 17/08/2017 - 16:07

per essere seri e realisti l'età pensionabile è diventata la metà di quella lavorativa come si fa a mantener tali numeri se i giovani non lavorano? io alla mia età debbo ancora darmi da fare perché essendo stato da giovane in Italia ho perso praticamente 12 anni di contribuzioni, quelli che ho lavorato in Germania valgono molto poco i tedeschi sono tirchi forse più dell'INPS mi salvo solo per la Svizzera che per venti anni mi da bei soldini, comunque volevo dire lavorare fino a 70 anni sarebbe gratificante se venisse riconosciuta agli anziani uno stato privilegiato nella scelta del lavoro che non dovrebbe essere stressante o pericoloso e compatibile all'età. gli anziani avrebbero molti meno problemi dovuti alla senilità.

Ernestinho

Gio, 17/08/2017 - 16:24

Io so soltanto che una Sentenza della Consulta è stata applicata in modo ridicolo e personalissimo da Renzi e che le pensioni sono bloccate da anni mentre i prezzi di beni e servizi aumentano sempre. Tutto il resto .... è noia!

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 17/08/2017 - 16:26

Il problema NON è l'eta in cui si va in pensione, il problema è a che eta si inizia a lavorare e pagare i contributi. Ai miei tempi si iniziava a 14 anni, poi dopo poco l'eta minima minima fu portata a 16. Da un decennio a questa parte, l'eta minima si è alzata DA SOLA a piu di 20 anni perche TUTTI STUDIANO, quindi il sistema dovrebbe essere calcolato in modo diverso, dall'eta che inizi+ 40 anni,poi vai in pensione. AMEN.Buenos dìas dal Nicaragua.

PEPPINO255

Gio, 17/08/2017 - 16:29

La legge Fornero, votata da TUTTI i partiti, ha spostato l'età pensionabile di sette anni. Questi sette anni avrebbero consentito di recuperare contribuzione senza pagare pensioni... Ma i truffaldini di governo, Renzi ed il suo mandante, in testa a tutti, per avere un consenso elettorale, hanno sperperato le risorse INPS bonificando i contributi alle aziende che avessero assunto col jobs Act a tempo indeterminato (quale ?).... I governi Berlusconi-Bossi e precedenti non hanno versato i contributi per i dipendenti statali per cui l'INPDAP presentava un buco di 37,5 miliardi di euro, che sono stati posti a carico dell'INPS... E' chiaro che l'INPS ha delle difficoltà... I LADRI di governo dovrebbero rifinanziare l'istituto anziché pensare a spartirsi gli appalti con aziende mafiose.

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Gio, 17/08/2017 - 16:38

hernando45, io farei una legge che ci obbliga a stare in pensione da 0 a 45 anni e poi a lavorare fino a schiattare. se davvero si vive fino a 85 ecco che saltano fuori i 40 anni di contributi. uber alles!

Ernestinho

Gio, 17/08/2017 - 16:52

Leggo frequentemente manifesti funebri con cittadini morti intorno ai 70 anni. Altro che aumento della aspettativa di vita!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 17/08/2017 - 17:09

xpeppino255: per la cronaca la LEGA NOrd NON ha votato la legge fornero.tutto ok??

flip

Gio, 17/08/2017 - 17:26

la fornero e monti con quanto sono andati in pensione? dopo quanti anni? 16 anni,6 mesi ed 1 giorno? probabile.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 17/08/2017 - 17:39

Silvia Deaglio, figlia del ministro Elsa Fornero e di Mario Deaglio, economista e giornalista. Perché, di posti fissi, denuncia il web, ne avrebbe due, a 37 anni: professore associato di Genetica medica alla facoltà di Medicina dell'Università di Torino (dove insegnano sia il padre che la madre) e responsabile della ricerca alla Hugef, una fondazione che si occupa di genetica, genomica e proteomica umana. Alcune sue ricerche sono state finanziate dalla Compagnia di Sanpaolo, fondazione che è la prima azionista della banca Intesa Sanpaolo, di cui sua madre era vicepresidente.

moichiodi

Gio, 17/08/2017 - 17:44

Le pensioni! Una ripassatina ci vuole. Ma tra qualche mese tutto a posto. Salvini e i suoi alleati non aboliranno la fornero?

sparviero51

Gio, 17/08/2017 - 18:02

FUORI L 'ASSISTENZA DALL'INPS RIFILATACI DAI CATTOCOMUNISTI NEGLI ANNI ' 70 PER MANTENERE LA COSIDETTA "PACE SOCIALE" E REALIZZARE DI FATTO IL COMPROMESSO STORICO . INOLTRE LO STATO PAGHI I 10 ( DICASI DIECI ) MILIARDI DELL'ACCORPAMENTO DELL'INPDAP ALL ' INPS REALIZZATO IN MODO SUBDOLO E MANIGOLDO IN UNA NOTTE E DI CUI STIAMO PAGANDONE GLI EFFETTI . NON ULTIMO, FUORI DALL'INPS ANCHE QUEL COMUNISTA DI BOERI CHE VUOLE PIEGARE LA MATEMATICA CON SISTEMI SOVIETICI SENZA PRENDERE MINIMAMENTE IN CONSIDERAZIONE I SUCCITATI FENOMENI CHE STANNO PRODUCENDO LO SMANTELLAMENTO DEL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO PENSATO DAI FONDATORI (FASCISTI) PER ASSICURARE UNA VECCHIAIA SERENA AI LAVORATORI !!!

terminverpier

Gio, 17/08/2017 - 18:06

Boeri, non alzare l'età pensionabile di cinque mesi costa 141 miliardi di euro , ma bevi , ti droghi, o sei solo affetto da incipiente demenza senile. Perché non si dice chiaramente che questa voragine finanziaria si è venuta a creare solo ed esclusivament per i sussidi assistenziali che beneficiano i migranti compresi quelli clandestini e irregolari? Ormai abbiamo bisogno di gente come Minniti tutti gli altri a casa ma a pedate nel cxxo e senza tfr... vergognatevi a scrivere queste cose perché la rabbia di chi ha lavorato per anni ed anni sta montando pericolosmente ed alla rivolta di piazza nessuno si salverà di questi inetti, incapaci parassiti

jaguar

Gio, 17/08/2017 - 18:13

Più che un balletto sulle pensioni, sembra si stia preparando una marcia funebre.

bac42

Gio, 17/08/2017 - 18:36

Io sono un "fortunato" che avendo la pensione 4,5 volte il minimo,praticamente sono anni che non vedo aumenti.L'unico sistema per difendermi è pagare in nero,evadere l'iva ogni volta che posso.E,credetemi,non provo vergogna.

flip

Gio, 17/08/2017 - 19:19

sparviero 51. guarda vle lo STATO

flip

Gio, 17/08/2017 - 19:20

SPARVIERO. QUARDA CHE LO stato

flip

Gio, 17/08/2017 - 19:21

sparbiero. guarda che lo stato siamo tutti noi cittadini. non è il governo. perciò siamo noi che paghiamo. COMUNQUE..

Cesare007

Gio, 17/08/2017 - 20:33

Non ci resta che votare la Lega e poi si tornerà alla normalità.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 17/08/2017 - 22:54

Qualcuno ha tirato il sasso e ora sta facendo di tutto per nascondere la mano ... anche a costo di tagliarsi il braccio intero. Ci vediamo alla prossima tornata elettorale.

sibieski

Ven, 18/08/2017 - 00:10

saranno le risorse della boldrini a pagarci la pensione

frank@

Dom, 20/08/2017 - 20:05

Sarebbe opportuno,chiarire che la coercizione non fa parte della libertà democratica ,per cui la mia carriera lavorativa la interromperò nel momento in cui le mie forze verranno a meno e non attraverso imposizioni peraltro unilaterali e prese arbitrariamente senza nessun tipo di consulto con le parti interessate;per capire cosa voglia dire lavorare all'interno delle fabbriche bisognerebbe che chi a ben pensato di togliere i trentacinque anni di lavoro,provasse il logorio dei turni ivi compresi di festività ecc. .Grazie e buone cose a tutti