Autunno caldo: 90 scioperi in un mese

Da oggi fino alla fine di ottobre sono in programnma ben 90 agitazioni sindacali. Da nord a sud, dal livello comunale a quello nazionale, i lavoratori si preparano a una stagione di scioperi

Basterebbero i numeri a sancire l'autunno che sta per partire come un autunno caldo. Da oggi fino alla fine di ottobre sono in programnma ben 90 agitazioni sindacali. Da nord a sud, dal livello comunale a quello nazionale, i lavoratori si preparano a una stagione di scioperi. L'assemblea sindacale dei lavoratori del Colosseo che ha infiammato ieri lo scontro tra Governo e sindacati era solo la punta dell'iceberg. La Cgil ha minacciato l'esecutivo di programmare un grande sciopero per ottobre, che andrebbe a sommarsi a quelli già proclamati.

Di 90 agitazioni programmate, 13 sono a livello nazionale mentre 12 coinvolgeranno solo le regioni. I settori sono più o meno sempre gli stessi. Dalla Polizia locale alle Poste. Come spesso accade anche il settore dei trasporti verrà colpito. Sia a livello locale che nazionale. Da Trenitalia che incrocia le braccia l'8 ottobre in Piemonte a Trenord che fermerà i lavori il primo ottobre in Lombardia. Si segnala anche il secondo stop per Nuovo Trasporto Viaggiatori, l'Italo di Montezemolo e Dalla Valle si fermerà il 25 settembre in tutta Italia.

Tra sgli stop eccellenti anche quello della Rai, che si fermerà solo nella regione Calabria. Stop anche per il personale dipendente del Tribunale di Roma che da fine settembre a fine ottobre si rifiuterà di fare gli straoridari richiesti dal Ministero della Giustizia. Nel pieno dell'emergenza migranti, che potrebbe presto abbattersi anche in Italia, si fermerà il Cara di Mineo, al centro di recenti polemiche. Il 24 settmbre il personale incorcierà le braccia contro l'azienda Nuovo Consorzio Cara Mineo per chiedere il pagamento degli stipendi arretrati, come già successo nell'aprile di quest'anno.

Commenti

seccatissimo

Sab, 19/09/2015 - 20:00

Bruciateli tutti, a fuoco lento, i sindacalisti! Sono, insieme a quelli della casta, la rovina d'Italia!

clamajo

Sab, 19/09/2015 - 20:02

Indietro popolo...

pasinels

Sab, 19/09/2015 - 20:20

comunque è sempre la testa bacata degli italioti ! I sindacati marci avrebbero voglia di dichiarare sciopero se nessuno, dico nessuno, vi aderisse. Ma fargliela capire agli italiani...vedono solo diritti ma pochissimi doveri.

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 19/09/2015 - 20:26

I SINDACATI SONO SEMPRE STATI LA ROVINA DELL'ITALIA. I TURISTI E GLI INVESTITORI STRANIERI SCAPPANO PERCHE' QUI COMANDANO UN GRUPPO DI IGNORANTI CHE BLOCCANO TUTTO CON SCIOPERI E CLAUSOLE.

Ritratto di TARAPACA

TARAPACA

Sab, 19/09/2015 - 20:36

Compro e leggo "Il Giornale" dal 1974.Visto che tentando abilmente di mimetizzarsi il mio quotidiano è diventato il giornale di Renzi e della gang di euroburocrati banchieri che sta affamando i popoli del nostro continente da oggi dico basta. Basta a chi vuole fare il lavaggio del cervello ai lettori fingendo goffamente di fare opposizione. Siete peggiori di Famiglia Cristiana e della Repubblica. e lo dimostrate attaccando i sindacati che in Italia hanno sempre fatto parte della casta ma che in questa occasione hanno sicuramente ragione. Chi non si allinea e non accetta le imposizioni che arrivano dai mafiosi di Bruxelles va deriso e demonizzato e questo giornale ormai ha aderito a questo gioco al massacro del cittadino pensante.

moshe

Sab, 19/09/2015 - 20:42

CGIL, il mostro costruito dalla sinistra, sinistra che ora ha paura della sua creatura !!!

Nonlisopporto

Sab, 19/09/2015 - 21:09

contro Renzi forza Cgil

rokko

Sab, 19/09/2015 - 21:12

Ah allora anche Renzi, se non combinerà nulla (come tra l'altro è quasi certo) potrà utilizzare la solita scusa "non mi hanno fatto governare"

neta942

Sab, 19/09/2015 - 21:14

mi riferisco allo sciopero di ieri al colosseo, di cui sembra la sovrintendenza ne fosse a conoscenza. Voglio pero' spezzare una lancia in favore dei sindacati, pure essendo più che contrario a questi tipi di scioperi, Se come sembra essere vero, da quanto si legge, la motivazione dello scipperò e il mancato pagamento di straordinari ormai da mesi . Lo scipperò e' più che giusto e quello che i sindacati dovrebbero fare, spiegare agli incredulo turisti , le vere ragioni. " IN SCIOPERO PERCHE NON PAGATI DA MESI GLI STRAORDINARI. Così che la brutta figura la fanno le istituzioni, che magari si svegliano.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Sab, 19/09/2015 - 21:22

Ci manca solo Fellini per documentare il Circo Italia... Mamma mia che roba! Sembra vivere in un incubo.

Nonmimandanessuno

Sab, 19/09/2015 - 21:58

Dopo il primo autunno caldo i sindacalisti tutti sistemati in politica e i lavoratori alla fame.

Linucs

Sab, 19/09/2015 - 22:39

Purtroppo i comunisti non hanno ancora capito un cxxxo e ci tocca sorbire i loro curiosi esperimenti sociali.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Sab, 19/09/2015 - 22:45

LA SCCOPERTA DELL'ACQUA CALDA...

unz

Sab, 19/09/2015 - 22:49

nella legge da fare sullo sciopero va distinta la posizione dei lavorarori pubblici che non rischiano il posto da quelli privati.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 19/09/2015 - 23:47

È in atto la manovra di rafforzamento della credibilità dei sindacati. Hanno cominciato col fare scioperi mascherati vigliaccamente da assemblee sindacali. (Pompei e Colosseo) VIENE DA CHIEDERSI SE LE MASSE DI LAVORATORI CHE PARTECIPANO A QUESTE FARSE HANNO ANCORA LA FACOLTÀ DI INTENDERE E VOLERE. O preferiscano comportarsi come dei poveri burattini nelle mani di gente senza scrupoli CHE BADA SOLO A MANTENERE IL POTERE E GLI STIPENDI CHE NE DERIVANO.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Dom, 20/09/2015 - 06:38

Certo, sentire che il Colosseo non apre ai turisti per lo sciopero dei dipendenti fa impressione, così come tante altre situazioni di SCIOPERO SELVAGGIO indette dalle Sigle sindacali- soprattutto CGIL di Landini e Camusso-......eppure solo il Sindacato dei Lavoratori rimane l' unica voce forte di dissenso e contrasto all' OMOLOGAZIONE strisciante al PENSIERO UNICO che vuole anche dell' Italia un Paese neocon!

i-taglianibravagente

Dom, 20/09/2015 - 07:44

90 agitazioni...PROGRAMMATE. ah che bello vedere che non facciamo le cose a caso...bravi, bravi. Sono cose che vanno fatte con criterio, vanno pensate e programmate per tempo.......come le FERIE. E poi penso che tutta questa agitazione, poverini,...questa pubblica amministrazione "Inquieta", guarirà istantaneamente, come per magia, il giorno in cui finalmente potranno essere LICENZIATI (come in tutti i paesi civili che FUNZIONANO). Fino ad allora (mai), lasciamo che gli scioperi, cosi come la mafia la pizza e il mandolino continuino ad essere il nostro unicum in giro per il mondo.

maleo

Dom, 20/09/2015 - 09:29

Unz,tranquillo.Sono tutti dipendenti statali o parastatali che non rischiano nulla.Con la scusa degli adeguamenti contrattuali,fanno i belli con il cuxxxo degli altri.Poi invece alle migliaia di partite IVA grandissima parte lavoratori autonomi anche giovani,non viene garantito nulla.Non un giorno di malattia,niente ferie o tredicesime.In Italia ci sono le caste.Quelli intoccoabili protetti da ogni forma sindacale e i paria che lavorano e son cavoli loro.

linoalo1

Dom, 20/09/2015 - 09:30

E tutto ciò cosa vuol dire??Mette semplicemente in evidenza uno dei fattori che hanno Rovinato l'Italia e che,purtroppo,la stanno ancora rovinando!!

VittorioMar

Dom, 20/09/2015 - 09:47

...alcuni di questi scioperi sono artificiosi,ma altri, le vere proteste è perché non ricevono risposte adeguate....

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 20/09/2015 - 23:05

# giuseppe zanandrea 06:38 Ma di quale omologazione va cianciando? Quella che ha fatto diventare padroni del Colosseo quattro scalzacani manovrati dalla virago rossa? Di quali lotte di lavoratori va cianciando? QUELLE CHE FINORA HANNO ARRICCHITO TUTTI I PARASSITI CHE IN NOME DEL COMUNISMO SONO DIVENTATI RICCHI SFONDATI? CAPI SINDACALI COMPRESI.