Egitto, lo sgombero delle piazze è una carneficina: almeno 278 morti

Lo sgombero dei sit-in finisce nel sangue: 278 morti. Attacchi alle chiese. Mohamed El Baradei lascia il suo posto

Lo sgombero dei sit-in organizzati da oltre da un mese dai sostenitori del deposto presidente Mohamed Morsi si è trasformato in una carneficina. Sono 278, secondo la stima più bassa, fornita dal ministero della Salute, i morti nelle proteste che da questa mattina sconvolgono il Cairo, 1400 i feriti.

Dalle quattro di questo pomeriggio, il presidente del governo ad interim, Adly Mansour, ha dichiarato uno stato d'emergenza che durerà per un mese e che darà maggiori poteri alle forze dell'ordine, nel tentativo di venire a capo di una situazione rapidamente degenerata da quando, il tre luglio scorso, l'esercito ha deposto il primo governo eletto democraticamente nella storia del Paese. Quattordici delle ventisette province saranno sottoposte a un coprifuoco dalle sette di sera alle sei del mattino.

Il vice presidente e Nobel per la pace Mohamed El Baradei, che dal 2011 è il volto più conosciuta della rivoluzione, ha rassegnato in serata le sue dimissioni. Nella sua lettera al presidente ha sottolineato che c'erano altre opzioni, diverse dalla violenza, per porre fine alla crisi politica. Con lui si sarebbero dimesse altre otto persone.

Otto dirigenti dei Fratelli Musulmani - secondo fonti ufficiali - sono stati arrestati in serata. Tra di loro ci sarebbero Mohamed Beltagi, segretario generale di Giustizia e Libertà, la cui figlia è morta nel pomeriggio a Rabaa. Poi i dirigenti Essasm El Erian e Safwat Hegazy e il portavoce Ahmed Aref. Il governo non ha confermato i nomi, ha però detto che diversi esponenti del partito sono stati arrestati e sono sotto interrogatorio.

Le vittime

Tra le persone che hanno perso la vita ci sono sia civili che uomini della polizia. Secondo le autorità 43 le vittime in divisa. Sono poi 61 le persone morte a Rabaa, in 21 sono rimasti senza vita nel più piccolo presidio di Nadah. Secondo la Fratellanza Musulmana il numero totale delle vittime sarebbe notevolmente superiore a quello dichiarato dalle autorità, fino a duemila morti.

Tra le vittime degli scontri di oggi anche due giornalisti. Intorno alle tre, Sky News ha ufficializzato una notizia che aveva iniziato a circolare, confermando la morte del suo cameraman Mick Deane. Morta anche Habiba Ahmed Abd Elaziz, reporter 26enne di Xpress, pubblicazione sorella di Gulf News.

Deane si trovava al Cairo con il team che sta seguendo l'evolversi della situazione per Sky, la giornalista araba invece aveva preso alcuni di giorni di ferie per tornare nel Paese d'origine. Secondo i famigliari è rimasta uccisa da un colpo di arma da fuoco a Rabaa.

A Rabaa è rimasta uccisa anche Asmaa Beltagi, figlia sedicenne di Mohamed Beltagi, leader di Giustizia e libertà, partito espressione della Fratellanza Musulmana. Il campo, il più grande dei due creati dai sostenitori di Morsi, è stato sgomberato soltanto intorno alle sette di sera.

Le televisioni di Stato egiziane hanno sottolineato durante la giornata che molti tra i Fratelli Musulmani erano armati. 540 i manifestanti "facinorosi" arrestati.

Scontri in tutto il Paese

Gli scontri non hanno interessato soltanto il Cairo. Nella provincia di Fayoum, a sud della Capitale, secondo il ministero della Salute, i morti sarebbero almeno 35. Cinque le vittime nella provincia di Suez, una quarantina i feriti.

Sotto attacco almeno tre chiese copte, che sarebbero state date alla fiamme. In serata, il ministro dell'Interno ha confermato attacchi sette edifici religiosi. A fuoco anche l'edificio del ministero delle Finanze. Fallito un tentativo d'attacco alla biblioteca d'Alessandria. Un gruppo di criminali - secondo un reporter della France Press - è stato bloccato in tempo dagli uomini della sicurezza.

Da più parti sono arrivate risposte alle violenze di oggi. Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-Moon, ha ricordato che non sono "la risposta alla crisi egiziana". Ahmed al Tayeb, imam di al-Azhar, la principale istituzione dell'Islam sunnita, che a luglio aveva appoggiato l'esercito, ha condannato lo spargimento di sangue, chiarendo che "non era al corrente della decisione di mettere fine ai sit-in". Ha anche invitato nuovamente tutte le parti al dialogo, come fa da giorni.

@ACortellari

Commenti

lino961

Mer, 14/08/2013 - 17:36

Ma la cosa più ridicola è Erdogan che in una nota all'attuale governo egiziano si è detto preoccupato per l'uso della forza contro i civili,ma ci rendiamo conto che razza di gente sconcertante,proprio lui che fino a ieri bastonava a più non posso i suoi cittadini va a fare la morale agli altri,ma!

gardadue

Mer, 14/08/2013 - 17:37

Al pensiero che la cricca lobbistica affaristica bancaria e massone europea ha regalato un nobel da un milione di euro a mister Obama vengono i brividi e pure il vomito (bastardi tinti di rosso)

Ritratto di maurocnd

maurocnd

Mer, 14/08/2013 - 17:54

Ma cosa diavolo c'entrano le 'almeno tre chiese copte' incendiate con le loro lotte per il potere? Questi si accoppano l'un l'altro tra fratelli in nome dello stesso Dio ed ogni occasione è buona per buttare una bomba o sgozzare qualcuno. Sinceramente che si accoppino l'un l'altro non me ne importa nulla, mi preoccupa l'esercito islamico che ci sta invadendo per sfuggire alla guerra.

Ritratto di spectrum

spectrum

Mer, 14/08/2013 - 17:55

in certi paesi i partiti delegittimati non sono moderati come il pdl. Ecco cosa succede, quando una parte del popolo dice che un governo "votato e legittimato" non ha governato bene. Li non si scherza.

micdipi

Mer, 14/08/2013 - 18:02

Le popolazioni arabe non conoscono e non vogliono praticare la democrazia e la libertà. E' un grosso problema per noi occidentali.

Ritratto di spectrum

spectrum

Mer, 14/08/2013 - 18:15

Anche se il 51% ha votato un governo e il 49% non e' daccordo con il suo operato e scende in piazza violento, come e' successo da noi con berlusconi insomma, siccome quel governo e' votato dal paese andrebbe rispettato, e non forzato a dimettersi. Cosi invece vince il piu forte, guerra violenza. Impariamo da quello che vediamo e impariamo a rispettare _civilmente_ il governo votato dal popolo, senza fare i grilli violenti e animali.

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 14/08/2013 - 18:16

L' ESTATE ARABA?

Maura S.

Mer, 14/08/2013 - 18:31

Piuttosto l'italia dovrebbe chiudere i porti del mediterraneo, se i fratelli mussulmani arrivano nelle nostre citta fra qualche anno avremo lo stesso problema. Se la sboldrini no se ne sta zitta allora rimandiamola a fare compagnia alla aston.

petra

Mer, 14/08/2013 - 18:36

Non riesco a guardare quella mano insanguinata mostrata con orgoglio. Lo stesso che faceva quel mostro sanguinario a Londra. Altro che fratelli. Io non mi riconosco proprio in questa gente.

Ritratto di Antimo56

Antimo56

Mer, 14/08/2013 - 18:44

Questo succede quando si lascia procreare al’infinito una razza come quella araba. 80 milioni di fanatici assiepati lungo le sponde di un fiume.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 14/08/2013 - 18:45

Spectrum, le elezioni in medioriente sono la BUFFONATA imposta dai folli occidentali. Laggiù la FORMA DEMOCRATICA impone sempre la sostanza dittatoriale dell'islamismo e della Sharjja. Ma agli occidentali di Bruxelles interessa LA FORMA. E chi se ne frega se l'Egitto diventa una dittatura teocratica.

machete883

Mer, 14/08/2013 - 18:46

abbattine uno ..... ne educhi 100..!!

Nadia Vouch

Mer, 14/08/2013 - 18:56

Un uomo egiziano saluta, forse per l'ultima volta, una moglie, un figlio che probabilmente non vedrà mai nascere, un fratello giovane. Dice loro di andare, che ciò che era possibile è stato pagato a degli aguzzini per la traversata. Forse, arriveranno in Italia. Al loro posto, chiunque ha dei cari, cosa farebbe? Fuori, ormai tutto è fuoco e battaglia. Nei ricordi c'è solo un pensiero di distruzione e speranza annientata, magari accatastata da anni, forse da quando si è nati. Per un breve istante molti hanno avuto l'illusione di una speranza. Quando all'essere umano viene tolto tutto, chissà perché, infrante mille speranze, ci si aggrappa ancora e sempre ad altra speranza. In mezzo, c'è solo il mare, a volte clemente più degli umani, durante la bella stagione. E ci sono soggetti con i quali, per forza, devi trattare. La trattativa riguarda la speranza di far sopravvivere almeno uno, forse due persone di una famiglia composta chissà da quanti. Non importa. I vecchi possono restare. Partono, a bordo di carrette del mare. Adesso, l'Italia, signora Boldrini, signora Kyenge, Governo italiano, cosa intendete fare?

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 14/08/2013 - 19:02

Non c'è che dire, davvero entusiasmante la "primavera araba" a cui potevano plaudire soltanto i mentecatti comunisti!

Ilgenerale

Mer, 14/08/2013 - 19:07

Da quando il premio nobel per la pace Baracca Burattino Obama e' entrato alla Casa Bianca il mondo si è acceso come un falò , guerre ovunque! Alla faccia della pace!

federico61

Mer, 14/08/2013 - 19:14

Dopo la primavera arrivano estate, autunno e inverno! Dove sono gli scienziati che appoggiavano la rivoluzione? Non c'è' nulla da fare: si tratta di popoli che vanno educati alla civiltà e non basta una demagogica accoglienza per risolvere i problemi ma qualche centinaio di anni di attese ed educazione. In loco!

idleproc

Mer, 14/08/2013 - 19:17

Gli Italiani non devono più permettere che la banda di criminali euroglobali che ha generato queste condizioni in nord Africa e medio-oriente determinino la politica estera, sociale ed economica del popolo italiano. Sono gli stessi che hanno generato le condizioni finanziarie di questa crisi e che stanno espropriano i popoli. Questi ci stanno portando verso un'altra guerra globale spacciandola per democratica. Indipendenza Nazionale. Subito. Dobbiamo volere la Nostra Repubblica Italiana. Subito. Indipendenza per tutti i popoli.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 14/08/2013 - 19:33

Nadia Vouch, ha dimenticato la conclusione."La trattativa riguarda la speranza di far sopravvivere almeno uno, forse due persone di una famiglia composta chissà da quanti. PER FAR RIVIVERE LA UMMA E L'ISLAM A CASA D'ALTRI" Per perseguitare ETERNAMENTE il Dār al-ḥarb. Ma lo sa che il mome più diffuso nel Regno Unito è Mohammad? Meno pietismi, prego, che si meritano tutto ciò che sta capitando loro.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Mer, 14/08/2013 - 19:49

...Qualcuno, forse anche l'Italia, prima o poi, quando inizierà l'invasione dei profughi egiziani, rimpiangerà Mubarak! Per governare quei popoli, ci vuole il pugno di ferro, anche nel loro interesse.

Ritratto di serjoe

serjoe

Mer, 14/08/2013 - 19:54

Di questo passo cominceranno a scarseggiare le vergini in paradiso.

Nadia Vouch

Mer, 14/08/2013 - 20:14

Per #Mario Galaverna. Storicamente, durante gli esodi di massa, tra coloro che si sono spostati c'erano persone come dice Lei, aggressive, persino verso i propri connazionali, ed altre, che si trovavano in mezzo loro malgrado per il solo fatto di essere nate in un certo luogo. Non credo stia a me o a Lei decidere chi salvare. Pietismo? Va bene. Allora, mostriamo i denti l'uno verso l'altro. Sicuramente l'Italia diverrà sempre migliore. Nel caos non si distinguerà più nulla. Il Governo deve assolutamente intervenire, perché questa "invasione" sta mettendo a repentaglio non solo la convivenza tra italiani e stranieri, ma tra gli stessi italiani.

maxaureli

Mer, 14/08/2013 - 20:27

spectrum (e altri) - non hai seguito l'Egitto da vicino, la colpa non e' tua ma della disinformazione e propaganda dei mass media occidentali. Le elezioni democratiche del 2011 non sono la causa del colpo di stato da parte dei militari avvenuto lo scorso mese. Il popolo egiziano partecipo' ad un referendum popolare nel Dicembre 2012 chiedendo ai cittadini se erano favorevoli alla nuova Costituzione in favore per una Repubblica Islamica includendo la Sharia. Gran parte dei mass media occidentali riportarono i risulati del referendum del tutto sballati. Associate Press: 64% di egiziani in favore di un Egitto Islamico. Il Giornale: 77% degli egiziani ha scelto per la Sharia. Il Corriere della Sera: Egitto, approvata la nuova Costituzione Vittoria di Morsi e dei Fratelli Musulmani. NYT Vittoria Islamica in Egitto, FT etc... etc... - - Questi sono in realta' i risultati del referendum del 12/2012: su 58 milioni di avente diritto alle urne, 7,5 milioni ha votato NO per la nuova Costituzione, 10,5 Milioni hanno votato SI per la nuova Costituzione, 43 Milioni del popolo egiziano non si presento' alle urne. Soltanto 1/5 (poco piu' di un quinto) ha partecipato al referendum. In un regime "Democratico" un risultato simile e' considerato NULLO. Non solo, gli oppositori di Morsi hanno presentato 22 milioni di firme per l'annullamento del referendum. Morsi non ha ascoltato l'opposizione e i militari sono intervenuti. ... Tutto qua'. :-)

Maura S.

Mer, 14/08/2013 - 20:36

X spectrum = ma lei dove vive. Prima di parlare si accerti di cosa succede in un paese dove la liberta' di pensiero e' negata. Morsi, con il benestare di certi paesi, stava mettendo il paese nelle mani dei fanatici. Tanto a voi tutti che ve ne frega.

maxaureli

Mer, 14/08/2013 - 20:37

spectrum (e altri) - non hai seguito l'Egitto da vicino, la colpa non e' tua ma della disinformazione e propaganda dei mass media occidentali. Le elezioni democratiche del 2011 non sono la causa del colpo di stato da parte dei militari avvenuto lo scorso mese. Il popolo egiziano partecipo' ad un referendum popolare nel Dicembre 2012 chiedendo ai cittadini se erano favorevoli alla nuova Costituzione in favore per una Repubblica Islamica includendo la Sharia. Gran parte dei mass media occidentali riportarono i risulati del referendum del tutto sballati. Associate Press: 64% di egiziani in favore di un Egitto Islamico. Il Giornale: 77% degli egiziani ha scelto per la Sharia. Il Corriere della Sera: Egitto, approvata la nuova Costituzione Vittoria di Morsi e dei Fratelli Musulmani. NYT Vittoria Islamica in Egitto, FT etc... etc... - - Questi sono in realta' i risultati del referendum del 12/2012: su 58 milioni di avente diritto alle urne, 7,5 milioni ha votato NO per la nuova Costituzione, 10,5 Milioni hanno votato SI per la nuova Costituzione, 43 Milioni del popolo egiziano non si presento' alle urne. Soltanto 1/5 (poco piu' di un quinto) ha partecipato al referendum. In un regime "Democratico" un risultato simile e' considerato NULLO. Non solo, gli oppositori di Morsi hanno presentato 22 milioni di firme per l'annullamento del referendum. Morsi non ha ascoltato l'opposizione e i militari sono intervenuti. ... Tutto qua'. :-)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 14/08/2013 - 23:40

L'islamismo fa la guerra in tutto mondo. Che si tratti di Al Qaida, di sunniti contro sciiti, di fratelli mussulmani contro i laici egiziani, tutti quanti questi lettori del Corano stanno facendo dei massacri orrendi in ogni parte del globo. SAREBBERO QUESTI I "FRATELLI" DI CUI PARLA IL NOSTRO PAPA?

Ritratto di CesareAugusto

CesareAugusto

Mer, 14/08/2013 - 23:50

islamici, inadatti alla democrazia

david477

Gio, 15/08/2013 - 02:55

Grazie America. Grazie Obama. Chi è il vero colpevole delle continue e ripetute guerre nei paesi medio orientali ? Secondo me lo stesso che ora e' colpevole delle migliaia di morti in Egitto... Sempre e solo l'America ! L'America che costruisce ad arte attentati contro la sua stessa popolazione per avere pretesti per fare quello che ha sempre fatto in tutto il mondo con paesi più deboli ma ricchi di risorse. Come mai non e' mai intervenuta "in aiuto " delle popolazioni in Africa ? Chi pensa che la causa di tutti i mail sia la religione mussulmana ( sia ben chiaro, io non lo sono, ne ho amici o parenti mussulmani) dovrebbe iniziare a girare un po' il mondo ( tempo e possibilità permettendo) per rendersi conto cosa significa vivere nei paesi mussulmani. Le estremità e fanatismi religiosi sono sempre esistiti ( la chiesa cristiana non lo è mai stato ? Non lo è tutt'ora anche se in modo in apparenza meno cruento ? ) ma da soli non basterebbero mai per portare morte e attentati in tutti i luoghi del mondo che da ormai più di 10 anni sono in guerra. La religione mussulmana non è la colpa. In tanti paesi mussulmani il rispetto e la sicurezza sono di gran lunga superiori a quelli di paesi cristiani. Purtroppo la macchina bellica americana non si fermerà mai, ne davanti a 300 morti, ne davanti a 3000. Sono solo numeri...troppo piccoli nel contesto... Una preghiera per tutte le vittime

paolonardi

Gio, 15/08/2013 - 06:37

Governare dovrebbe essere coniugato con prevedere. Qualsiasi essere senziente avrebbe dovuto vedere la cosiddetta primavera araba come una destabilizzazione di un equilibrio precario ma che aveva garantito un periodo di calma. Ma quelli che avevano, con una lungimiranza del cavolo, applaudito alla caduta dello Scia si sono ripetuti con i medesimi risultati. E' proprio vero non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.

Ritratto di scappato

scappato

Gio, 15/08/2013 - 07:13

Luigi.Morettini: da voi i comunisti, da noi Obama. Ma non si rendono conto che ormai i musulmani sono "IL" problema in tutto il mondo? Non solo in Medio Oriente, ma Europa, Africa, India e fino al sud est asiatico, Burma, Thailandia e Philippine.

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 15/08/2013 - 08:25

per creare democrazie gli USA si sono presi la responsabilità di cancellare trent' anni di cattiva democrazia creata da Mubarak: oggi dopo oltre un anno ci ritroviamo un egitto democratico (????) in mano ad estremisti religiosi senza che nessuno dei servizi americani riesca a intervenire

Ritratto di Baliano

Baliano

Gio, 15/08/2013 - 08:42

Lungi dal fare l'"aruspico menagramo", ma vi siete accorti, naturalmente, che le "Tre più grandi Civiltà" dell'emisfero Occidentale, sono piombate nel baratro, o stanno per farlo? Guardiamo, appunto, l'"Egitto" e vengono i brividi solo constatarne la decadenza catastrofica e la barbarie. - Guardiamo la "Grecia", stringe il cuore vedere come s'è ridotta, o l'hanno ridotta i "barbari" del Nord. - Guardiamo "Roma", la più grande potenza Occidentale per quasi due millenni ridotta a zerbino di quelle stesse popolazioni "barbariche", complici e corresponsabili "Tribuni, Generali e Pretoriani" di un Potere corrotto e corruttore. - Dio non voglia riservarci la catastrofe completa, per sancire e sigillare i corsi e ricorsi della Storia, Dio davvero non voglia. Mettiamoci, ovviamente, anche del nostro per scongiurarlo, ma sarà davvero un'impresa, visto che i "barbari" si sono da tempo "infiltrati" sui "Colli" della Città Eterna. Le "oche del Campidoglio", stavolta non basteranno. ---- Buon Ferragosto. - Per chi gradisce, Buona Festa dell'Assunta. - Baliano --

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 15/08/2013 - 09:50

Tutto questo perche' un crminale fanatico islamico e' andato al potere con l'aiuto di obama. E poi mi raccontano dei disastri di politica estera di bush, in confronto ad obama sembra un gigante.

Maura S.

Gio, 15/08/2013 - 10:16

Ma che carneficina!!! io non capisco come si parli di quei sventurati fratelli mussulmani e tralasciano di citare i militari e poliziotti che sono stati uccisi da quei fanatici. Piuttosto...... se quegli esaltati arriveranno in europa ci sara' da risolvere un problema insolvibile. In quanto all' ONU, UE e all'America, che se ne stiano zitti, poiche', in parte, ne sono responsabili.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 15/08/2013 - 11:58

E' un piano preciso quello americano: destabilizzare il mediterraneo per distruggere l'Europa tramite l' immigrazione. Gli USA sono comunque finiti. Non potranno mai fermare Russia e Cina.

Manux

Gio, 15/08/2013 - 12:08

Il bagno di sangue sara' presto nel nostro paese, considerando le migliaia di clandestini che stiamo facendo entrare e che andiamo a prendere fin quasi alle coste africane. Prepariamoci inoltre ad una ondata senza precedenti (decine di migliaia, forse centinaia) di ulteriori sedicenti "profughi" che arriveranno dall'egitto. Ogni volta si descrive con enfasi che "fuggono dalla guerra"... non fuggono da catastrofi naturali, terremoti alluvioni... fuggono perche' stanno perdendo una guerra e non e' detto che non siano stati proprio i fuggitivi ad iniziarla... cosi' come potrebbero iniziarne una a casa nostra... tra l'altro gia' iniziata con le rivolte nei cie e con il rifiuto di farsi identificare. Quando saranno abbastanza, la rivolta sara' nelle strade e casa per casa. Mi domando chi predica l'accoglienza ad ogni costo pensa al futuro proprio e dei propri figli? Con quale responsabilita' si puo' condurre questa suicida politica dell'invasione, con quello che si vede tutti i giorni che succede in africa? Se succede in africa, cosa puo' impedire che quelle stesse persone, che portano con se quel substrato culturale che porta alle guerre, provochino anche qui da noi quelle stesse guerre dalle quali fuggono? E' da irresponsabili per noi stessi e, soprattutto, per le generazioni future continuare a subire questa invasione.

andrea da grosseto

Gio, 15/08/2013 - 12:37

Anche gli egiziani sono più svegli di noi. Almeno lì non stanno a guardare un colpo di stato senza nemmeno ribellarsi.

CARLOBERGAMO50

Gio, 15/08/2013 - 12:48

A QUESTO PUNTO E' FONDAMENTALE E NECESSARIO CHIUDERE TUTTE LE FRONTRIERE CON EGETTO. VIETARE QUALSIASI VIAGGIO IN EGITTO. SPARARE A VISTA A CHIUNCHE SI AZZARDI A TOCCARE I LIDI ITALIANO CIN LA SCUSA DI RICHIESTA DI ASILO POLITICO. CHIUDERE, DOPO AVER RIPORTATO IN PATRIA TUTTI I NOSTRO CONNAZIONALE, LE AMBASCIATE E I NOSTRI CONSOLATI E FARLI MORIRE DI FAME. ALTRIMENTI TRA POCHI ANNI AVREMO UN BIS DI RIVOLTA MUSULMANO ANCHE IN ITALIA.

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 15/08/2013 - 13:10

Da giustificare , questa strage o no. Vedendo che finisce sempre per prendersela contro i Cristiani potrei dire , fatto bene.

plaunad

Gio, 15/08/2013 - 15:12

E noi continuiamo ad accogliere migliaia di quei criminali. Complimenti. Questo si chiama masochismo

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 15/08/2013 - 16:21

Che non si puo scrivere meglio cosi, altrimenti quanti Cristiani sarebbero morti per via di questi fanatici.Ma da buon commento non si puo dire una propria opinione.Censura.

ABU NAWAS

Gio, 15/08/2013 - 18:36

ARIDATECI GAMAL ABDEL NASSER LUI SEPPE COME FERMARE LA FRATELLANZA MUSULMANA, CHE SIN DAGLI INIZI HA GODUTO DI LAUTI FINANZIAMENTI DAL FANATICO QATAR. IL FONDATORE DELLA FRATELLANZA MUSULMANA E MOLTI CAPORIONI EBBERO LA SFORTUNA DI RESTARE COINVOLTI IN MORTALI INCIDENTI STRADALI!!!!!! DIVERSE DECINE DI MIGLIAIA DELL'AREA MILITARE, VENNE ALBERGATA SENZA LIMITI DI TEMPO NELLO SFARZOSO CARCERE DI TORA, E CHI RIUSCì A SFUGGIRE ALLA CATTURA, ANDO' NEI VICINI PAESI ARABI A CREARE LE "PRIMAVERE ARABE" CHE TANTI PIACCIONO AGLI OCCIDENTALI INGENUI!