Scandalo Hollande-Gayet: Closer annuncia nuove foto

Il settimanale Closer, le cui vendite in edicola sono schizzate in alto, annuncia nuovi scoop. Hollande, il cui indice di popolarità resta stabile, non è ancvora andato a trovare la Trierweiler

Il magazine francese Closer, che ha svelato le scappatelle del presidente François Hollande con l'attrice Julie Gayet, ci ha preso gusto. E annuncia che domani andrà in edicola con una nuova edizione speciale sulla vicenda, con "nuove informazioni e nuove foto esclusive". Ovviamente il giornale cerca di massimizzare le vendite, sfruttando al meglio questo "scoop". Per ora le cose vanno benissimo: il settimanale è andato a ruba e si sono dovute stampare 150mila copie in più del previsto, per un totale di vendite - secondo le prime stime - raddoppiato rispetto al solito: dalle 330mila alle 550mila copie. Per un volume d’affari aumentato di circa 300mila euro. Closer ha acquistato le foto a 30mila Euro secondo le informazioni diffuse da "Le Point". Le foto di Mazarine e di suo padre, François Mitterand, pubblicate da Paris Match nel 1994 e realizzate dallo stesso fotografo, erano costate all’epoca 350mila franchi, pari a 54mila Euro. "Questo tipo di scatti non è per forza redditizio", spiega un fotografo. "Perchè non ci sono molti acquirenti sul mercato". Nel caso di Hollande però è diverso: pare che Closer abbia commissionato direttamente le fotografie al paparazzo, chiedendogli di trovare le prove sulla voce che correva da mesi (per qualcuno da almeno un anno) a Parigi.

Intanto la stampa francese sostiene che Hollande non sarebbe ancora andato a trovare Valerie Trierweiler dopo il ricovero in ospedale. Lo riferisce radio Europe 1 citando l’entourage della compagna del presidente secondo cui questa circostanza avrebbe aumentato il suo malessere. Valerie soffre di una "fatica nervosa estrema", e dovrebbe restare ricoverata all’ospedale della Pitiè Salpetrière a Parigi ancora per qualche giorno. A sostenerla ci sono i suoi amici più cari, molti dei quali giornalisti, con cui si è a volte interrogata su chi potrebbe aver avuto interesse a far uscire allo scoperto la relazione di Hollande con l’attrice. I sospetti si concentrano sul ministro dell'Interno, il rampante Manuel Valls. Ma qualcuno parla anche delle grandi amicizie che Nicolas Sarkozy conserverebbe nei servizi segreti. Dall’Eliseo, al momento, non giungono conferme né smentite sulle mancate visite di Hollande alla première dame. Si cerca di mantenere il più stretto riserbo.

Nel dibattuto che si è innescato in Francia interviene anche l'ex moglie di Sarkozy, Cècilia Attias, che per cinque mesi è stata première dame. Parlando con Rtl preferisce non entrare nel merito della vicenda Hollande-Gayet, se non per difendere il presidente (e la Trierweiler) rispetto all’invasione della privacy: "Auspico che si possa lasciare alla gente la sua vita privata". E conclude: "Ci sono gravi problemi nel paese, bisognerebbe parlare molto meno di tutto questo".

Resta stabile l'impopolarità di Hollande

La bufera mediatica per gli scatti di Closer non causa tracolli nel "gradimento" dei francesi - peraltro già molto basso - nei confronti del presidente. Come rivela l'ultimo sondaggio realizzato da YouGov (per Itele e Huffington Post), solo il 17 per cento dà un giudizio positivo sulla sua azione. Il 3% "molto favorevole", il 14% "piuttosto favorevole". Al contrario il 28% ha risposto "piuttosto sfavorevole" e il 46% "molto sfavorevole". Un uomo ha rovesciato un mucchio di letame davanti alla sede dell’Assemblea nazionale, a Parigi. Sul camioncino, con cui è passato all’azione, era attaccato un telone con la scritta: "Fuori Hollande e tutta la classe politica". L’uomo è stato fermato questa mattina intorno alle 11.

Hollande è "abituato" a subire attacchi. Ad affermarlo è stato lo stesso presidente nella prima intervista rilasciata dopo la pubblicazione del servizio su Closer, venerdì pomeriggio scorso, al settimanale Le Point, che l’ha diffusa con qualche giorno di ritardo. Ad una domanda su dove prenda la forza per mostrarsi indifferente rispetto alle critiche, Hollande risponde in questo modo: "Dall’abitudine. Sono stato attaccato fin da subito, non appena sono entrato in politica. Ad un certo punto ci si accorge che è un sistema. E quindi o si cede... oppure si resiste. Io resisto". Le Point ha incontrato Hollande nel pomeriggio di venerdì, le fotografie erano state pubblicate la sera prima. La bufera, dunque, era già iniziata. Il tema non è stato affrontato durante l’incontro, si legge sul magazine, ma Hollande è apparso ai suoi interlocutori "un uomo affaticato, con gli occhi piccoli, che non aveva dormito molto".

Commenti
Ritratto di jobact

jobact

Gio, 16/01/2014 - 15:07

Invece di parlare delle mutande di Hollande, non sarebbe il caso di mettere in rilievo le sue decisioni in materia economica ? Mi pare che siano più importanti, anche come esempio per l' italia, i tagli di 50 miliardi di euro della spesa pubblica francese e l'abbassamento delle tasse per la ripresa economica in Francia. O al solito noi siamo solo interessati alle amanti come col povero Berlusconi?

Libertà75

Gio, 16/01/2014 - 15:55

@jobact, la Francia era oltre il tetto del 3% di disavanzo, ovvio che ha dovuto tagliare 50 miliardi per rientrarvi. Per quel che riguarda la diminuizione delle tasse la sinistra italiana è contraria e Monti-Letta insegnano. Infine quanti hanno guardato ai contratti vantaggiosi che SB firmava con Putin e Ghedaffi e quanti invece alle sue scappatelle? Purtroppo il chiacchiericcio è sempre in primo piano e spesso non interessa che quello. Strano è che un esponente di sinistra si metta a dire che questa cosa è un fatto privato quando invece ci hanno spiegato per decenni che personaggi pubblici di primo piano non hanno confini con la vita privata. Comunque sia dal punto di vista economico, in Italia si tassa tutto senza creare un bacino che sia propulsore e moltiplicatore economico.

ortensia

Gio, 16/01/2014 - 16:36

Questa Julie cosi' pallida mi ricorda un detto contadino:"Dona moffa d'usel mai stoffa" tradotto: la donna smunta non e' mai stanca di fare sesso.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 16/01/2014 - 17:41

Vietato parlare del bunga bunga rosso. Tra un po' la passera sarà appannaggio esclusivo dei compagni.

Dany

Gio, 16/01/2014 - 17:51

mah se ci sono stati tagli nessuno ha avuto benefici .... anzi la TVA é aumentata da 19,6% a 20% e quelle da 8% a 10% .... certo qui non c'é nessun travaglio' ni santoro' e la MAGISTRATURA non é la italica magistratura ... qui circola la battuta : Se in italia ti accusano di aver rubato il Colosseo inizia preoccuparti!!!

lento

Gio, 16/01/2014 - 20:16

Mamma mia e che dongiovanni sto' rospo!!

lento

Gio, 16/01/2014 - 20:19

Ma di che' si innamoravano le donne di quest'uomo?

Ritratto di Roger.de.Valmont

Roger.de.Valmont

Gio, 16/01/2014 - 21:58

Divertente....la Signora il cui nome ricorda da vicino quello di un cane ferocissimo e che non ha avuto problemi ad azzannare la precedente Compagna del Presidente, si comporta adesso come la protagonista di una sceneggiata napoletana nel sapere che il marito ha un'amante: "M'accido......m'accido"....