"Tecnovisionarie", premiare dieci donne che trasformano il futuro

L’associazione Women&Technologies ha assegnato il riconoscimento internazionale attribuito a chi, nell’attività attività professionale, ha testimoniato di possedere visione privilegiando impatto sociale, trasparenza nei comportamenti ed etica

Quasi un anno di lavoro, centinaia di candidature vagliate dalla giuria presieduta da Diana Bracco e Gianna Martinengo per assegnare la tela Anità della XII edizione del Premio Internazionale Tecnovisionarie®, dedicato a "Being Digital" - Creatività, Innovazione, Tecnologia nel corso della cerimonia che si è tenuta al Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. In primo piano donne imprenditrici, professioniste, manager e brillanti talenti visionari legate da un unico filo: la voglia di “cambiare e trasformare il futuro” per contribuire a costruire la società di oggi e domani. Una società fondata sull’ingegno e il riconoscimento del talento, la vocazione all’etica, alla trasparenza e all’inclusione, perché solo uniti si può indurre quel cambiamento necessario alla crescita del Paese, in un momento in cui velocità, innovazione e tecnologia sono imperanti nella scena competitiva.
Ecco le premiate:

Vania e Jessica Alessi, founders of Secretary.it per la categoria Digital Communities
Laura Biancalani, general director, Andrea Bocelli Foundation per la categoria Sostenibilità culturale ed etica
Maria Chiara Carrozza, professor of Biorobotics, area Leader of Neuro-Robotics – The Biorobotics Institute, Scuola Superiore Sant’Anna per la Categoria Robotica
Elisa Di Lorenzo, co-founder & Ceo, Untold Games per la categoria Videogames
Doris Messina, open banking director, Gruppo Banca Sella per la categoria Fintech
Paola Corna Pellegrini, ceo Allianz Partners per la categoria Digital Customer Experience
Arianna Fontana, president of Confartigianato Milano per la Categoria Impresa 4.0
Sarah Varetto, director of Sky TG24 per la categoria Media

Due i premi speciali: per la categoria Europa a Mariya Gabriel, Digital economy and society, Commissioner, Europea Commission; per la Categoria Pubblica amministrazione a Roberta Cocco, assessore alla Trasformazione digitale e Servizi civici, Comune di Milano.

Promuovere la condivisione e lo scambio di esperienze e competenze negli ambiti della tecnologia, innovazione sociale, sostenibilità, inclusione capitale umano, life science, arte, cultura, creatività, gender gap e diversity, è l’obiettivo che guida Women&Technologies – Associazione Donne e Tecnologie. Un network di professionalità e di persone permeato dai principi dell’innovazione in tutte le sue componenti e il Premio Tecnovisionarie® ne rappresenta il momento di celebrazione e di ispirazione.

“Le nostre Tecnovisionarie® rappresentano un importante serbatoio di talenti femminili di cui il nostro Paese dispone – afferma Gianna Martinengo, ideatrice di Women&Technologies –. Ma soprattutto, il loro merito, la capacità e la determinazione sono state riconosciute, valorizzate e premiate con la carriera, il successo e i traguardi raggiunti. Il Premio Le Tecnovisionare® vuole essere un tributo alla loro intraprendenza e un incoraggiamento per i giovani a guardare positivamente al futuro”.
Il Premio internazionale è promosso da Women&Tech – Associazione Donne e Tecnologie, fondata da Gianna Martinengo per valorizzare il talento femminile nella tecnologia, nell’innovazione e nella ricerca scientifica, per promuovere progetti e azioni finalizzati alla lotta agli stereotipi e alla discriminazione di genere e per contribuire all'orientamento dei giovani ai mestieri del futuro e verso modelli imprenditoriali sostenibili (www.womentech.eu).