Puigdemont, arriva il mandato. La Spagna vuole l'estradizione

Mandato d'arresto europeo per il presidente catalano. In carcere membri del governo. Puigdemont: "Non sono fuggito, mi candido dall'estero"

La conferma che le autorità spagnole avrebbero chiesto un mandato d'arresto europeo era già arrivata ieri, adesso c'è la conferma. La giudice spagnola Carmel Lamela ha emesso un mandato di cattura nazionale e internazionale per l’ex presidente della Generalitat, Carles Puigdemont, e i quattro ex ministri del governo catalano che ancora si trovano in Belgio. È stata quindi accolta la richiesta della procura nazionale, che accusa Puigdemont e gli ex ministri catalani di ribellione, sedizione, malversazione e disobbedienza. Il mandato di arresto internazionale, oltre Puigdemont, riguarda Antoni Comin, Clara Ponsatì, Meritxell Serret e Lluis Puig. Ora il presidente della Generalitat catalana Carles Puigdemont, in Belgio insieme a quattro consiglieri da che Madrid ha sciolto il governo locale, rischia l'arresto e l'estradizione.

"Sono stato informato dal mio cliente che il mandato è stato emesso contro il presidente e altri quattro ministri che si trovano in Belgio", ha detto alla televisione belga Vrt il legale di Puigdemont, Paul Bekaert, quando già otto dei tredici uomini del governo decaduto sono in prigione, sentiti ieri dalla magistratura in Spagna, che ne ha chiesto l'incarcerazione preventiva per le accuse di ribellione e sedizione.

"Il governo legittimo della Catalogna è incarcerato per le sue idee e per essere stato fedele al mandato approvato dal parlamento catalano", ha scritto su twitter Puigdemont, commentando quanto sta accadendo in questi giorni e accusando Madrid di non rispettare la voglia di "libertà" dei catalani.

"Non sono fuggito, ma è impossibile prepararsi bene a difendersi stando in Spagna", ha detto poi alla tv francofona Rtbf, spiegando di voler rispondere "alla vera giustizia" del Belgio e non ai giudici spagnoli. Poi ha aggiunto di aver intenzione di candidarsi dall'estero alle prossime elezioni catalane.

Commenti

cgf

Ven, 03/11/2017 - 11:46

Le idee? e quelle degl'altri allora? che dire di loro che si ostinano ad essere fedeli ad un referendum illegale che non ha raggiunto il quorum, questa è democrazia? In realtà sperano che qualcuno venga in soccorso, al momento però... Vabbè, prossimamente, quando saranno in carcere, aspettiamoci la farsa dei falsi martiri, intanto la Catalogna sarà sempre più povera, grazie a loro, le società principali hanno traslocato, il turismo è crollato, molti 'indipendentisti' si renderanno conto che forse forse...

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Ven, 03/11/2017 - 11:49

Madrid ha una strana idea della Democrazia ;mi pare tipo URSS . Per l'URSS se un paese ,per esempio Ungheria, cercava una propria autonomia arrivavano i carri-armati da Mosca. Madrid sta usando sistemi sovietici nel 2017 . Bisognerebbe sostenere la Catalogna. Una brutta faccenda che non può finire incarcerando chi cerca indipendenza.

HappyFuture

Ven, 03/11/2017 - 12:10

Ma piuttosto pensate che ambientino questo dei politici, Puigdemont stava per essere Primo Ministro del neo stato indipendente della Catalogna, magari Presidente della Repubblica Catalana... e invece è un CRIMINALE braccato da mandato di cattura. Poveri noi/loro!

Mannik

Ven, 03/11/2017 - 12:12

@alfredido - Quindi secondo lei democrazia è infischiarsene delle leggi vigenti e fare ciò che si vuole? Si chiama anarchia questa.

Celcap

Ven, 03/11/2017 - 12:19

Puigdemont ed i suoi adepti non dovrebbeto nemmeno essere protetti da una nazione amica della Spagna e che fa parte della stessa organizzazione che si chiama Unione Eurioea.

M.Romero

Ven, 03/11/2017 - 12:19

@alfredido2 E' vero in una democrazia non si dovrebbe incarcerare chi ha idee diverse dalle tue, ma si DEVE incarcerare chi va contro la legge e la costituzione. Continuo a far notare che nella tanto vituperata ITALIA si è riusciti a fare due referendum (Lombardia e Veneto) perfettamente legali, anche se poco utili IMHO. Forse averebbero potuto farlo anche i catalani se non avessero voluto buttare tutto in caciara.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Ven, 03/11/2017 - 12:24

Caro Sig.Mannik,ragionando come lei aveva ragione Stalin ; secondo le leggi URSS ,scritte ed approvate a Mosca ,l'Ungheria era parte dell'URSS.Vietata quindi ogni forma di ribellione. Io ricordo quei giorni di rivolta a Budapest ,con Napolitano ,allora nel PCI, che sosteneva l'URSS mentre noi studenti eravamo in piazza a sostenere l'Ungheria.Punti di vista

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 03/11/2017 - 13:10

alfredido2 - Lei ha una strana concezione della realta`, della geografia politica, della politica, della geografia e della democrazia. Paragonare URSS-Ungheria a Spagna-Catalogna e` davvero surreale. L'Ungheria era, ed e`, un Paese sovrano, quindi l'ingerenza e l'invasione sono illegali e da condannare, la Catalogna e` una provincia sottoposta alla Costituzione e alle leggi della Spagna, il suo referendum era illegale e quindi da condannare. Ne' ci sono stati carri armati, morti o violenze gratuite, come sarebbe probabilmente successo nella maggiorparte dei Paesi della terra. E poi il risultato stesso, con quasi il 60% di astenuti, la dice lunga sulla vera volonta` della maggioranza dei Catalani (nonche' sulla sua idea della "Democrazia"). Faccia un bagno di realta` caro mio, e rifletta sulla dedizione alla causa del Coniglio alla Catalana Puigdemont, che appena se la vede brutta, se la squaglia...

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Ven, 03/11/2017 - 13:21

Alfredido2, la legalita' non e' un punto di vista. "Siamo schiavi delle leggi per poter essere liberi" by Cicerone.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 03/11/2017 - 13:51

un po di rispetto per alfredinino2 che sembra robertino del film di troisi "ricomincio da tre"

il corsaro nero

Ven, 03/11/2017 - 14:03

@pravda99: non ci crederai, ma per una volta sono d'accordo con te! Ottima analisi!

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Ven, 03/11/2017 - 14:14

Pravda 99 : il 60 % di astenuti con seggi presidiati mi è sembrato un gran risultato.Se Lei avesse qualche parente in Barcellona forse le sembrerebbe meno surreale il confronto da me proposto. Certo senza carri armati perchè,fortunatamente,la Spagna di oggi non ha l'arroganza dell'URSS di allora. Koerentia bello ricordare Cicerone su questo punto siamo d'accordo.Le Leggi dovrebbero però tenere conto delle aspirazioni ed esigenze dei popoli. Ricordo che in ossequio a Leggi dello Stato migliaia di giovani Italiani sono andati a morire in Russia,e potremmo trovare centinaia di disastri accaduti per ossequiare le Leggi.Non ci sono situazioni assolute ,certo ci vogliono le Leggi e la Catalogna vorrebbe avere una sua propria legge .Si può discutere ma non negare a priori.

il corsaro nero

Ven, 03/11/2017 - 14:45

@alfredido2: io ho molti amici a Barcellona e mi hanno detto che la maggioranza dei catalani è contro l'indipendenza. Quando poi hanno visto che molte imprese stanno per andarsene dalla Catalogna, come anche le Banche, si stanno veramente preoccupando! La Catalogna ha violato la Costituzione Spagnola, dunque tutto quello che si è sviluppato dal referendum in poi è assolutamente illegale, che lei ci creda o no!

Klotz1960

Ven, 03/11/2017 - 15:00

A) Il catalano non e' una lingua ma un dialetto spagnolo, ed e'infatti infinitamente piu' vicino allo spagnolo di quanto almeno 6/7 dialetti italiani sono all'italiano. Se il catalano e' una lingua, allora sono lingue anche i dialetti sardo, siciliano, pugliese, marchigiano, milanese, veneto e piemontese, etc etc. Non facciamo ridere i polli, per favore. B) La galera e' quello che spetta a Puigdemont, irresponsabile narcisista che ha gestito la questione in modo eversivo ed a colpi di vuote argomentazioni e perfidi codicilli da avvocato civilista. Le elezioni del 21 dicembre chiariranno che i catalani indipendentisti non arrivano al 40%.

Marcello.508

Ven, 03/11/2017 - 15:15

Non credo sia questa una decisione fuori dalle regole costituzionali spagnole e dalle leggi che da essa discendono. Il "caro" giornalista dovrebbe prenderne atto e, da buon catalano, affrontare le sue responsabilità in "patria", non sfuggirle. D'altro canto non è uno stupido, sapeva fin da pri8ncipio benissimo che sarebbe finita in questo modo e non può certo pretendere una giustizia di suo gradimento. E' solo un parolaio che avrebbe dovuto stare alla testa del popolo catalano, non mollare la baracca al primo "odor di scaramuccia". Le vere rivoluzioni non sono quelle pacifiche: historia docet. E lui le palle non le ha, anzi mi da l'idea che se la stia facendo ancor più sotto.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Ven, 03/11/2017 - 15:47

alfredido2, vorrei ricordarle che la Catalogna gode di un'ampia autonomia (anche nella TV autonomica pagata da tutti gli spagnoli!)e i catalani non sono un popolo represso ma gente che vive in maniera molto piu' agiata rispetto ad altre regioni della Spagna. Viviamo nel 2017 e certi esempi storici, mi permetta,fanno sorridere. Sarebbe il caso di valorizzare di piu' cio' che si ha e guardarsi meglio intorno ed informarsi per davvero e non attraverso le reti sociali.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Ven, 03/11/2017 - 16:18

Klotz, per rispetto alla verita' le posso confermare che il Catalano e' una lingua. A livello grammaticale e' piu' vicina all'Italiano e al Francese che allo spagnolo. Ho dovuto, e non scelto, studiarla! ed e' con la politica linguistica che la Generalitat ha fatto i primi passi dell'addotrinamento indipendentista ... qui non esiste il bilinguismo nella scuola pubblica (si hanno 3 ore di lingua spagnola a settimana) e la lingua e' diventata una scusa per discriminare nel mondo del lavoro.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Ven, 03/11/2017 - 16:34

Temo che Puigdemont non sia da sottovalutare. Candidato al quarto posto nelle elezioni catalane di due anni fa e’ stato fatto Presidente dal suo predecessore Mas ricattato dai 10 deputati anticapitalisti che altrimenti non avrebbero votato il governo. Doveva essere il burattino di Mas ma alla fine gli e’ scappato di mano. Ora dal Belgio, con l’arresto previsto dei suoi compagni, sta facendo il martire a livello internazionale per attizzare ancora una volta la folla in Catalogna (il suo vero scudo) che si era affievolita dopo la squallida dichiarazione di indipendenza ed una buona reazione del governo centrale. E la giudice LAMELA l’ha capito.

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 03/11/2017 - 16:39

alfredido2 - Le dice: "il 60 % di astenuti con seggi presidiati mi è sembrato un gran risultato". Quindi secondo lei la Catalogna avrebbe guadagnato e sancito l'indipendenza grazie ad un referendum illegale e in piu` falsato, con seggi qua e la`, urne improvvisate, gente che votava piu` volte (documentato con telecamera nascosta), insomma si decide la sorte di una regione e di tutta la sua popolazione grazie ad un "buon risultato"...? Come dire che una squadra perde la finale di coppa ma vince la coppa perche' in fondo ha giocato bene e in piu` l'arbitro avrebbe negato un rigore...Lasci perdere, come hanno gia` fatto su questo forum molti altri con la fregola dell'autodeterminazione dei popoli, che si sono resi conto che non ci sono basi per sostenere la poetica ma illegale minoranza irredentista.

Klotz1960

Ven, 03/11/2017 - 17:57

Koerentia, parlo e scrivo in spagnolo perfettamente e sono anche stato in Catalogna. Che il catalano sia piu' vicino al francese che allo spagnolo e' veramente una idiozia gigantesca. Chiunque parli spagnolo comprende perfettamente il catalano scritto ed orale senza il minimo sforzo. La sfido invece a capire barese, catanese, sardo o bergamasco. Il Catalano e' un dialetto spagnolo.

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Ven, 03/11/2017 - 17:59

La longa manus della monarchia spagnola, il patriota e "stabilizzatore" Raioy (e associati vari), sostenuto dalle lobby finanziarie mondiali e dalla europa dei burocrati, vera incarnazione di Ponzio Pilato, ha deciso di boicottare, a suo tempo, col pugno di ferro il referendum in Catalogna e ora ci si gode l'arresto di chi voleva democraticamente far valere il parere del popolo, qualsiasi direzione avesse scelto. Naturalmente per le pulsioni dei giustizialisti "a tutti i costi", è giusto sbattere in galera chi, senza violenza e democraticamente, vuole opporsi ai regimi prepotenti. Il negletto va consegnato ai carnefici. Agli scozzesi era normale che spettava scegliere, ai catalani indipendentisti "giustamente" spettano invece manganelli e carcerazioni, prima di ogni risultato referendario (e anche dopo....).

MOSTARDELLIS

Ven, 03/11/2017 - 18:26

Certo suona un po' strano, se in Europa c'è libertà di circolazione delle persone perché dal Belgio alla Spagna ci vuole l'estradizione? E volete scommettere che il Belgio non la darà? O la dovrebbe dare l'Europa? Che casino.... Alfredito2, riguardati su qualche libro cosa significa democrazia ...qui si parla di una regione della Spagna, non di un altro paese. E ricordati che la maggioranza della Catalogna non vuole essere indipendente.

Ritratto di Nordici o Sudici

Nordici o Sudici

Ven, 03/11/2017 - 18:43

Anche sul mandato d'arresto europeo aveva ragione Bossi.

MASSIMOFIRENZE63

Ven, 03/11/2017 - 18:54

Ma certo.....tutti ti vogliono. In galera si intende.

Ritratto di pravda99

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Ven, 03/11/2017 - 19:03

klotz, che lei lo capisca ben per lei ma lo studi e capira' la differenza grammaticale con lo spagnolo. A prescindere da cio' mi dia per favore una definizione di dialetto/lingua. In Italia sono numerose le lingue anche se definite "dialetti", ad esempio il friulano, napoletano, piemontese ed il veneziano. Quest'ultimo fu pure lingua diplomatica insieme al francese durante la Serenissima ... il Sardo e' l'unico riconosciuto ufficialmente come lingua. Accetterei volentieri la sua sfida e potrei stupirla, ma non so se lei potrebbe fare altrettanto.

Ritratto di menesonoandatovia

menesonoandatovia

Ven, 03/11/2017 - 19:51

Viva il popolo della Catalogna, viva la liberta' !

Ritratto di Nordici o Sudici

Nordici o Sudici

Ven, 03/11/2017 - 20:07

Lo Spagnolo è un dialetto catalano.

GUARDACOMEDONDOLI

Ven, 03/11/2017 - 20:23

CREDEVA DI ESSERE UNO STATISTA E INVECE E' SCAPPATO COME UN VOLGARE LADRO DI POLLI. QUESTA E' LA LEVATURE E IL PESO DI COLUI CHE AVREBBE VOLUTO GOVERNALE LA SECESSIONE DELLA CATALOGNA. UN LADRO UN LADRO UN LADRO UN LADRO SPERO CHE I SUOI CONNAZIONALI LO ABBIANO COMPRESO. NON FATELO DIVENATARE UN MARTIRE. E' SOLTANTO UN LADRO

Ritratto di menesonoandatovia

menesonoandatovia

Ven, 03/11/2017 - 20:35

Cosa si puo' pretendere da un paese che fino a pochi decenni fa era una dittatura, un paese che ha depredato e assassinato il sud america, hanno sempre abusato dei deboli .....Llibertat!

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 03/11/2017 - 21:03

"Puigdemont rischia grosso ... Ora c´é mandato di cattura europeo" ... Chi rischia grosso invece é questa Europa indifferente e senza principi che si inginocchia all´autoritarismo della bassezza, che con la violenza e i sudici mezzi della imposizione della menzogna umilia e sfregia, con quella del popolo di Catalunya, la preziosa voce di Libertá di tutta l´Europa ... É CHE NON SAPETE QUELLO CHE FATE BRUTTI OTTUSI PREPOTENTI IGNORANTI

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 03/11/2017 - 21:10

Chi rischia grosso é questa Europa senza principi ... Poi lamentatevi se finirete servi del "fascismo" islamico o di un altro con una altra maschera ... Senza difesa della Libertá, tutti saremo finiti.

martinsvensk

Ven, 03/11/2017 - 21:12

Koerentia, il catalano non è una lingua, lo è stata fatta diventare con la generosa politica linguistica della Spagna, differente per esempio dalla Francia. Il catalano è una variante dell'occitano l'antica lingua d'Oc, parlata nel Sud della Francia, usata dai Trovatori come Arnaud Daniell e conosciuta da Dante, imparentata anche con il piemontese. Sono d'accordo invece che è più vicina al francese e all'italiano del Nord che alle lingue ibero romanze spagnolo e portoghese. Gli spagnoli non capiscono molto bene il catalano.

TitoPullo

Ven, 03/11/2017 - 21:15

QUESTO E' UN'ALTRO PAGLIACCIO CHE PUZZA DI KOMUNISMO LANTANO UN MIGLIO!!!

cgf

Ven, 03/11/2017 - 22:04

Puigdemont: "Non sono fuggito... STO SCAPPANDO"

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 03/11/2017 - 22:08

"Puigdemont rischia grosso ... Ora c´é mandato di cattura europeo" ... Chi rischia grosso invece é questa Europa indifferente e senza principi che si inginocchia all´autoritarismo della bassezza, che con la violenza e i sudici mezzi della imposizione della menzogna umilia e sfregia, con quella del popolo di Catalunya, la preziosa voce di Libertá di tutta l´Europa ... É CHE NON SAPETE QUELLO CHE FATE BRUTTI OTTUSI PREPOTENTI IGNORANTI ... Pubblica se hai il coraggio della Veritá e non sei un suino

orsograsso

Ven, 03/11/2017 - 22:15

Forse gli indipendentisti non sono la maggioranza in Ispagna, ma il carcere al governo catalano mi sembra esagerato e politicamente un suicidio.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 03/11/2017 - 22:26

Chiacchiere, vi hanno riempito il cervello di chiacchiere ... La Veritá non ve la dicono e se ve la dicono non capite: Questa bella Europa dopo alcuni decenni é tornata ad avere "prigionieri politici" ... Vergogna, brutti interessati spacciatori di chiacchiere e vergogna anche per voi, dipendenti consumatori di chiacchiere

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 03/11/2017 - 22:30

Chiacchiere, vi hanno riempito il cervello di chiacchiere ... La Veritá non ve la dicono e se ve la dicono non capite: Questa bella Europa dopo alcuni decenni é tornata ad avere "prigionieri politici" ... Vergogna, brutti interessati spacciatori di chiacchiere e vergogna anche per voi, dipendenti consumatori di chiacchiere ...

Bob121157

Ven, 03/11/2017 - 22:33

Gli stati Unitari tutelano la loro integrita ' con articoli delle rispettive costituzioni . L'Italia,per esempio, ha inserito l'art. Che dice che la repubblica e' una ed indivisibile tra I principi fondamentali., quelli che non possono essere modificati. Figuriamoci una monarchia, ed allora chi vuole staccarsi deve sapere che rischia la pelle,mica solo la galera. Leggiamo non dico un librone ,,almeno un libricino di educazione civica invece di rimbalzare tra una fake news e L'altra. Dimenticavo che educazione civica non si fa piu' da 30 anni. ...

alfa553

Ven, 03/11/2017 - 22:39

Questo si salverà perche lo riconosceranno insano di mente e quindi finita in un manicomio criminale.Ed e l'unico posto dove potrà dire che in spagna non esiste democrazia.Su base 100 in spagna di democrazia se ne conta 99 ,in italia 42 pensate voi.....

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Sab, 04/11/2017 - 01:42

L´Europa in mano della marmaglia ...

Ritratto di scappato

scappato

Sab, 04/11/2017 - 05:53

Credo che molti di voi non capiscano molto di democrazia. Dovreste informarvi sul referendum per l'indipendenza voluto dalla provincia del Quebec nel 1995. Lo persero col 49.42% dei si contro il 50.58 % dei no. Se avessero avuto il 51% potevano andarsene senza rischiare la galera o altre punizioni tipiche del comunismo o del fascismo.

pisopepe

Sab, 04/11/2017 - 06:09

NUOVI MARTIRI O NUOVI CRIMINALI!!!! CHI GIUSTIFICA LA VIOLAZIONE DI UNA COSTITUZIONE E' FUORI DI SENNO

pisopepe

Sab, 04/11/2017 - 06:10

SPERIAMO CHE IL BELGIO AGISCA DA PAESE EUROPEO E LO RINVII IN SPAGNA

mv1297

Sab, 04/11/2017 - 07:17

Bob121157...... Lei ha menzionato un articolo della Costituzione Italiana che lo stesso Stato italiano non ha rispettato. Ha mai sentito parlare del Trattato di Osimo? 1975? Lo sa che lo Stato italiano ha cedito all ExYugoslavia parte del suo territorio. Ovviamente, sui libri di Storia si evita di menzionare questo episodio. Per cui, detto papale papale, lo Stato Italiano è una farsa. WAM

rebella123

Sab, 04/11/2017 - 08:00

Io vorrei sapere come mai gli ARROGANTI di Madrid an cercato in tutti i modi di bloccare il referendum usando pure la forza e come mai l'UE nei confronti dei catalani si dimostra contraria ed al contrario con i kossovari si e' dimostrata a favore della dichiarazione unilaterale di indipendenza?Chi dice che la maggior parte dei catalani non vulo l'indipendenza o sono non documentati o bugiardi.Comunque la storia insegna che la volonta' puo per un po essere soffocata ma alla fine VINCE

MASSIMOFIRENZE63

Sab, 04/11/2017 - 09:01

Lui era stato avvertito che se faceva la dichiarazione di indipendenza si poteva beccare una condanna a 30 anni. Ma l'ha fatto lo stesso e quindi adesso non si lamenti. Ricordo due vecchi proverbi che fanno al caso suo: "Chi è causa del mal suo pianga se stesso" e "Mal voluto non è mai troppo".

tosco1

Sab, 04/11/2017 - 09:07

Questo e' il secondo premier europeo che si e' incartato da solo come un kg. di tonno. Il primo è stato in Italia,ed intendo parlare dell'ex Premier toscano Renzi.Da Premier si muovevano come padroni, ora, invece, nessuno ne sente piu' la mancanza.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 04/11/2017 - 09:32

vediamo se si sono calmati questi disfattisti catalani.Arriba Espana! Arriba Franco el Caudillo!

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Sab, 04/11/2017 - 10:08

Certo che questi catalani, come tutti i progressisti fru fru, sono un insieme lezioso di dabbenaggine: pensavano di fare la secessione senza un esercito. Da fessacchiotti educati al politicamente corretto e alle ammorbanti visioni edulcorate dell'esistenza, pensavano che bastassero le gioiose e colorate manifestazioni di piazza della gente per ottenere, come in una magia, l'indipendenza. Invece senza forze armate adeguate - ovvero senza l'uso della forza - le secessioni sono impossibili. Quanto meno esse servono per tentare di contrastare l'eventuale reazione armata dello Stato da cui ci si vorrebbe separare. Ma anche per opporsi alla formale richiesta della Magistratura di far arrestare i fautori della secessione. Come infatti sta avvenendo. Comunque le secessioni 'tranquille' potrebbero raramente avvenire solo se lo Stato, da cui ci si distacca, concedesse l'indipendenza rinunciando volutamente a pezzi di territorio. Questo insegna la storia millenaria degli Stati.

Ritratto di joe pizza

joe pizza

Sab, 04/11/2017 - 11:06

Questi separatisti hanno cercato di fare un colpo di stato indicendo consulte popolari (quindi niente a che vedere con la parola referendum )piu simili a riunioni di condominio e non avendo ottenuto nessuna maggioranza. Perfettini solo capaci di riempirsi la bocca di parole come democrazia,tolleranza,multiculturalismo,accettando immigrati da quasiasi parte del mondo, ma odiando profondamente tutto cio che e`castigliano.Hanno combinato troppi disastri qui in catalunya, e giusto che debbano pagare

Anonimo (non verificato)

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Sab, 04/11/2017 - 11:29

Alsikar ... Se in Scozia avessero superato la maggioranza nel referendum indipendentista la indipendenza sarebbe stata conseguita lí senza violenza ... É in questa Europa marcia di maiali che stanno facendo di tutto affinché il popolo finalmente apparti la dabbenaggine e prenda in mano il coltello

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Sab, 04/11/2017 - 11:43

HappyFuture, tu sei un criminale ... e se ti succederá di venire alla portata delle mie mani ti metto un coltellaccio sulla trippa e ti faccio secco, lurido maiale