Trump e Melania in visita alle truppe in Iraq. Donald: "Nessun piano di ritiro"

La portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha rivelato su Twitter che il presidente degli Stati Uniti e la first lady hanno visitato "le nostre truppe in Iraq"

Visita a sorpresa in Iraq per Donald e Melania Trump la notte di Natale. La portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha rivelato oggi su Twitter che il presidente degli Stati Uniti e la first lady hanno visitato "le nostre truppe e la leadership militare per ringraziarli per il loro servizio, il loro successo ed il loro sacrificio e per augurargli Buon Natale".

Una visita a sorpresa, dunque. L'Air Force One, infatti, è decollato poco dopo la mezzanotte dalla base aerea di Andrews ed è arrivato oggi a Al Asad, a ovest di Baghdad. E l'annuncio dalla Casa Bianca è partito dopo che WikiLeaks aveva rivelato che era in corso un viaggio dell'aereo presidenziale. Ma non solo. WikiLeaks aveva anche scritto che l'aereo aveva spento o commutato il trasponder al momento di entrare nello spazio aereo della Romania.

Arrivato in Iraq e scambiatosi gli auguri con i soldati americani, Donald Trump si è scattato alcune foto. "Non c'è alcun piano" per ritirare i soldati americani in Iraq. Ha poi spiegato ai militari. Dopo l'annuncio del ritiro delle truppe dalla Siria, quindi, all'Iraq non tocca stessa sorte. E proprio in merito alla Siria, il presidente americano ha sottolineato che gli Stati Uniti non possono più essere il "gerndarme" del mondo. "Gli Stati Uniti non possono continuare a essere il gendarme del mondo - ha detto -. È ingiusto quando il fardello cade interamente su di noi, gli Stati Uniti".

E sempre rispondendo ai giornalisti, Trump ha ribadito che lo shutdown durerà "fino a che sarà necessario, abbiamo bisogno del muro, abbiamo bisogno di sicurezza per il nostro Paese. Abbiamo terroristi che arrivano attraverso il confine meridionale".