Un nuovo codice della strada: ecco cosa cambia con la riforma

La riforma voluta da Lega e Movimento 5 Stelle è attualmente in Commissione. Previste importanti novità sull'uso delle biciclette, sulle sanzioni e sul casco. Entrano nel codice anche skate, monopattini e hoverboard

Lega e Movimento 5 Stelle mettono mano al Codice della strada. E soprattutto per i ciclisti arrivano importanti novità.

Al momento sono previste ancora delle audizioni in Commissione e il testo della legge non è ancora del tutto blindato. Ma quella in corso potrebbe essere una vera e propria mini-rivoluzione per le strade italiane.

Innanzitutto, le biciclette avranno la precedenza agli stop e ai semafori, così come già accade in diversi Paesi al mondo. Il nuovo codice della strada, discusso in Commissione Trasporti alla Camera, prevede inoltre per le biciclette "una striscia di arresto avanzata". I Comuni dovranno quindi segnare per terra una doppia linea davanti ai semafori e agli stop.

Inoltre, nella riforma sono previsti gli obblighi dei parcheggi "rosa" per le donne in gravidanza, il divieto totale al fumo alla guida e all'utilizzo dei telefonini mentre si è al volante. Saranno aumentate le sanzioni e modificati anche i limiti di velocità sulle autostrade a tre corsie (aumentato a 150 km/h).

Altre novità per i ciclisti. Nei centri abitati dove il limite di velocità è di 30 km/h, le biciclette potranno andare contromano, "indipendentemente dalla larghezza della carreggiata e dalla massa dei veicoli autorizzati al traffico". In ogni caso, Lega e M5S danno carta bianca ai comuni che dovranno emettere loro le ordinanze e eventualmente segnalare il diritto ad andare contromano. Tra le riforme, si prevede anche la possibilità per i ciclisti di circolare nelle corsie attualmente riservate solo ai taxi e agli autobus e potranno parcheggiare in aree adibite dal comune, oppure anche sui marciapiedi e nelle zone pedonali. In Commissione ci sono molti emendamenti sull'obbligo del casco e incentivi all'acquisto.

Mentre per i motociclisti la maggioranza giallo-verde punta alla possibilità di inserire l'obbligo di dotarsi di un abbigliamento tecnico di sicurezza. Le moto elettriche potranno invece circolare anche sulle autostrade. E per la prima volta, skateboard, monopattini e hoverboard entrano nel codice della strada.

Commenti
Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Lun, 11/02/2019 - 00:32

Hanno dimenticato di inserire anche il licenziamento di chi non fa le multe quando beccano la gente in flagrante, e tutte le forze dell'ordine, compresi vigili urbani che circolano senza berretto in testa, e col cellulare all'orecchio.

umbe65it

Lun, 11/02/2019 - 01:57

In sintesi mi sembra che i ciclisti potranno comportarsi come maiali a 360°; chissà se tra le norme è previsto anche un premio per quelli che circolano di notte, in strade poco o nulla illuminate, senza fari anteriore e posteriore. SIAMO NELLE MANI DI UNA MANICA DI DECEREBRATI

jenablindata

Lun, 11/02/2019 - 02:09

non sembra nemmeno male... tranne la porkata dei parcheggi rosa,che mi ha stomacato da anni: c'è fior di gente che ha problemi a muoversi anche se non è tecnicamente invalida, e avrebbe bisogno di parcheggi comodi alle destinazioni: e invece dovunque ci sono prima i posti rosa.. spesso anche prima di quelli riservati agli invalidi, e regolarmente,nei i posti rosa NON ne ho mai vista una in evidente gravidanza.... sono sempre TUTTE incinte... ma con un bell'addome piatto da palestra. uno schifo indicibile,tanto è vero che ci ho litigato spesso,con queste donne: e l'unico vero problema che hanno è una evidente costipazione, quando gli fai notare i loro abusi...

senzaunalira

Lun, 11/02/2019 - 03:05

Sono norme che possono indurre a comportamenti pericolosi. Allo stop ci si dovrebbe fermare a prescindere dal veicolo, l' improvviso apparire di una bicicletta in corsa avrebbe sicuramente un esito infausto. Nelle corsie riservate si mette a rischio la sicurezza degli autobus: più di una volta il ciclista, che deve viaggiare a bordo marciapiede (vedi cds) rischia di cadere e di essere travolto, oppure intralcia il regolare movimento del mezzo pubblico, costretto ad un sorpasso fuori dalla corsia, con rischio di incidente. Infine viaggiare contromano è una cretinata unica: la bicicletta viaggerà presumibilmente tenendo la destra, quindi in zona sorpasso per i veicoli in senso opposto. Poi su un incrocio a senso unico si crea una situazione di pericolo per i pedoni in attraversamento, che di solito guardano il senso di marcia delle auto e non quello opposto, da dove proverrano domani eventuali ciclisti. Ma che manica di incompetenti!

Fransino

Lun, 11/02/2019 - 06:30

Succederà come in Olanda. Più ciclisti (adulti) che muoiono. Loro partono del principio: Io ho precedenza! Mi sembrano le mucche sacre... (Per fortuna i bambini sono più intelligenti e guardano tre volte per vedere se è sicuro la strada)

portuense

Lun, 11/02/2019 - 07:10

ci dovrebbe essere l'obbligo dei ciclisti di indossare il giubbotto giallo ed avere le luci accese nelle ore buie....ma fatemi il piacere le bici elettriche in autostrada ? comunque queste norme valgono solo da roma in su...come al solito....poi dicono che l'italia è unita....

Ritratto di luca_di_sanremo

luca_di_sanremo

Lun, 11/02/2019 - 07:11

già ora i ciclisti si comportano in un modo che solo eufemisticamente si può definire indisciplinato; con la "riforma" diventerebbero i padroni indiscussi delle strade, marciapiedi compresi...e se un ciclista travolgesse su un marciapiede una donna incinta, cosa rischierebbe? Suppongo nulla, visto il "tenore" della "riforma".

epc

Lun, 11/02/2019 - 08:14

Sequela di cretinate! I ciclisti sono già gli uteti più maleducati della strada, li si vuole privilegiare ulteriormente solo per ragioni ideologiche!

taxidriver63

Lun, 11/02/2019 - 08:21

Umbe65it commento perfetto. Al posto di regolamentare le bici gli fanno fare ancora di più i razzi loro.... Complimenti... Senza contare i vigili che li vedono fare cose vietate e fanno finta di niente, ah già dimenticavo che la bici è green e allora è intoccabile....

gigetto50

Lun, 11/02/2019 - 08:30

….circolare nelle corsie mezzi pubblici...demenziale...circolare contromano nelle aree 30 kmh….demenziale e irresponsabile...

audionova

Lun, 11/02/2019 - 08:32

prevedo dei filotti con i ciclisti,tenuto presente che al sabato e domenica girano in 500 appaiati in file da 4 che non rispettano nulla,senza buon senso e a proposito gia alcuni vanno in contromano e qualcuno e' gia' stato stirato.

cgf

Lun, 11/02/2019 - 08:38

dove il limite di velocità è di 30 km/h, le biciclette potranno andare contromano, ovviamente non avrei l'obbligo di fermarmi se ne incontro una, qualora dovessimo scontrarci? avranno l'assicurazione obbligatoria?

cgf

Lun, 11/02/2019 - 09:03

tutti i governi hanno nel loro palmares la riforma del codice della strada

krgferr

Lun, 11/02/2019 - 09:31

La possibilità data alle biciclette di viaggiare contromano o nelle corsie sinora riservate ai mezzi pubblici mi sembrano decisamente un elogio alla follia; la seconda possibilità, è un rinnegare totalmente le ragioni per cui le corsie riservate sono state realizzate: ve lo immaginate un autobus che debba in continuazione superare una bicicletta restando nella corsia riservata? Saluti. Piero

brasello

Lun, 11/02/2019 - 09:43

sono un ciclista convinto. da 12 anni vado al lavoro sempre in bici (20 km al giorno a Milano) e in città giro prevalentemente in bici. io sono la dimostrazione vivente che l'uso dell'auto può essere molto limitato. ho sempre desiderato più piste ciclabili e provo odio viscerale per quelli che invadono quelle esistenti (moto, auto, auto in sosta); vedrei di buon occhio la chiusura di certe strade per consentirne l'utilizzo solo a ciclisti e residenti. Però devo ammettere che le norme descritte nell'articolo mi sembrano a dir poco demenziali.

Willer09

Lun, 11/02/2019 - 09:43

proposte di chi non ha minimamente idea di cosa sia e come si gestisce il traffico! Ne moriranno a decine, vedrai che strage!

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 11/02/2019 - 09:55

Donne gravide, quote rosa? Per una in gravidanza da due mesi senza pancia come fanno a dimostrarlo se parcheggia? Gli fanno il test? Bici contromano? uguale carneficina di ciclisti.

RTAA59

Lun, 11/02/2019 - 10:11

Condivido pienamente quanto già commentato e mi domando: ma chi propone le modifiche al C.d.S. ha mai circolato? Io non mi aspetto queste soluzioni da un partito sul quale avevo posto la fiducia (e non è il 5S). Ho paura di essere governato da incompetenti. Dei ciclisti indisciplinati ne ho piene le p..le

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 11/02/2019 - 10:13

... a breve tassa di circolazione e r.c.a. anche per i pedoni, scommettiamo?

Ritratto di Gio47

Gio47

Lun, 11/02/2019 - 10:27

ecco adesso mi son messo a ridere, biciclette sui marciapiedi e i pedoni dove passano? si faranno stendere dagli automobilisti, possono utilizzare le corsie dei bus, così il bus non riuscirà ad arrivare puntuale alle fermate. si proprio una comica, anche per le altre brillanti idee, volevo comprare una bici, ma credo meglio di no, andrò in bus perchè circoleranno alla stessa velocità.

titina

Lun, 11/02/2019 - 10:33

Contromano è molto pericoloso per tutti, poi se i ciclisti vengono investiti la colpa è di chi fa certe leggi.

titina

Lun, 11/02/2019 - 10:36

E per chi va a piedi? io voglio camminare sulle autostrade a piedi e avere la precedenza, cioè tutte le auto devono mettersi in coda senza sorpassarmi.

carpa1

Lun, 11/02/2019 - 10:52

jenablindata - 02:09. Che sia, quella dei "parcheggi rosa", una richiesta esplicita delle etnie rom? Quelli si che hanno le donne sempre incinte, anche se per altri motivi che ben conosciamo.

Mr Blonde

Lun, 11/02/2019 - 11:06

molto molto bene; non esagereri con i caschi per le bici in città e modulerei al ribasso i limiti per piccole auto e city car

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 11/02/2019 - 11:13

@Arduino2009 e bravo, così a Napoli rimarranno pochissimi vigili se dovessero fare le multe in flagrante. Fino ad ora gli passano davanti anche tre in moto e loro stanno lì impalati (striscia la notizia con Abete)

al59ma63

Lun, 11/02/2019 - 11:16

...da ex conducente BUS URBANI invito caldamente a non far entrare nessuno nelle preferenziali riservate ai bus, credo che sarebbe una carneficina, i tempi in citta' sono strettissimi e le bici sulle preferenziali, considerando che quasi tutti hanno cuffiette e telefono...non sentirebbero neppure l' arrivo del bus per spostarsi a destra...poi alle fermate ancora peggio...si deve accostare a destra, ma se ci sono ciclisti tra i piedi bisogna fermarsi...tutto questo e' INSENSATO.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 11/02/2019 - 11:19

@jenablindata, hai ragione, a volte ho le ginocchia che mi fanno di un male del diavolo e non per questo, non avendo una invalidità sono obbligato a fare molta strada. Se quel giorno parcheggio, nonostante che esco con il bastone, mi sentirei di averne diritto, più di quelli che con il permesso esposto poi escono arzilli.

nonnoaldo

Lun, 11/02/2019 - 11:34

E se, prima di inventare nuove regole astruse, cominciassero a far rispettare quelle già esistenti? Tanto per citarne alcune: uso del casco, limite di persone a bordo, marcia delle biciclette non affiancate, fanali e fanalini, limiti di velocità, rispetto delle linee di fermata ai semafori e delle strisce pedonali, rispetto del rosso ai semafori, e via dicendo. Ci sono città nelle quali se ti fermi al semaforo rosso ti suonano dietro, se cammini sul marciapiede lo fai tuo rischio e pericolo dovendoti scansare per lasciar passare bici e motorini che marciano a velocità assurde e, se protesti, ti becchi insulti. E'inutile, anzi idiota, inventare nuove regole aggiuntive se già non si riesce a far rispettare quelle esistenti.

baio57

Lun, 11/02/2019 - 11:43

@ audionova Ma sì ,stiriamoli questi ciclisti che girano appaiati in fila ... che ci fanno perdere 30/40 secondi del nostro prezioso tempo....Piccolo problema ,GUARDA CASO QUANDO UN CICLISTA MUORE SULLA STRADA "STIRATO" DA AUTO O CAMION,E' AL 99,9% DEI CASI DA SOLOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Con questo non è che non stigmatizzo il malcomportamento dei ciclisti ,ma un po' di buon senso da parte di chi guida un mezzo meccanico non guasterebbe. Lo dico da ciclista praticante da circa 15000 km/anno e credetemi ,durante la settimana negli allenamenti giro sempre da solo e non vi dico cosa non succede...AL NETTO CHE QUESTA NORMA DEI MARCIAPIEDI E DEL CONTROMANO RISULTA ANCHE A ME RIDICOLA!

Spaccaossa

Lun, 11/02/2019 - 11:54

Ciclisti contromano? Magnifica genialata! Incremento di lavoro per i medici-legali.

steacanessa

Lun, 11/02/2019 - 12:08

E l’obbligo delle luci e gilet giallo per le biciclette? I ciclisti sono più indisciplinati dei pedoni. Sulle strade alberate circolano con abbigliamento scuro e senza parvenza di luci, sono praticamente invisibili. Se si vuole perpetuare questa mancanza di buon senso poi non ci si può lamentare degli incidenti che provocano.

krgferr

Lun, 11/02/2019 - 12:28

Mi è apparso improvvisamente tutto chiaro: queste norme non sono che il corollario della "decrescita felice" proposta dai grillini non appena questa conquista avrà manifestato tutti i suoi effetti; allora non vi saranno più auto, tram, pullman e, forse, neppure biciclette; allora i pedoni non correranno più pericoli. Certo, però, in attesa di questa età dell'oro chiederei alla Lega di fare molta, molta e ancora molta attenzione ai danni che il vento della stupidità può provocare. Saluti. Piero

Giorgio5819

Lun, 11/02/2019 - 13:15

Ciclisti in contromano no, assurda teoria tipica comunista, tanto meno precedenza anche a stop e semafori. I ciclisti DEVONO RISPETTARE LE ATTUALI REGOLE SENZA SCONTI. Ormai sono diventati, in troppi casi, spocchiosi e ineducati. Luci OBBLIGATORIE, casco e rispetto.

LUCATRAMIL

Lun, 11/02/2019 - 13:26

Immettere le bici nelle preferenziali del TPL è+ demenziale, già abbiamo volicità commerciali risibili che scoraggiano l'uso del TPL se poi tram e bus devono accodarsi alla sciuretta che va a passo d'uomo, sarà la morte del TPL.

Hesteban

Lun, 11/02/2019 - 14:45

Visto che si fa sempre riferimento agli altri paesi, bisogna ricordare che negli altri paesi i ciclisti che viaggiano fuori dalla pista ciclabile vengono multati cosi come quelli che viaggiano in plotone. Bisogna anche ricordare che le biciclette sono dei veri e propri veicoli a propulsione muscolare detti velocipedi che quando circolano su strada devono essere omolgati per l'uso stradale (art. 68) e certamente i velocipedi privi di illuminazione, catarinfrangenti e campanelli non possono circolare su strada aperta al traffico.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 11/02/2019 - 15:19

---non mi frega dei ciclisti--mi frega che sto governo di fasci mi impedirà di fumare nella mia auto--collezionerò farfalline a gogò--da far pagare rigorosamente al mio vecchio sbirro---swag rolls

Divoll

Lun, 11/02/2019 - 16:16

Parcheggi rosa?! Con la penuria che c'e' di posti macchina, ora bisognera' tenere altri spazi vuoti per eventuali donne incinte?? Spero, solo vicino ai supermercati e centri commerciali!

spiderbat

Lun, 11/02/2019 - 16:30

I ciclisti sono gli utenti della strada più indisciplinati, maleducati e incivili. Le modifiche che si vogliono imporre legalizzano i loro comportamenti scorretti e, prima di tutto, pericolosi per sé e per gli altri. Questo è vergognoso, l'ennesima manifestazione di demagogia pseudoecologica, suppongo voluta fortemente dai mentecatti pentastellati. Piuttosto: com'è possibile che attualmente non esista alcun controllo sulle capacità psicofisiche di chi usa la bicicletta? Anche un semicieco con Alzheimer avanzato può legalmente circolare e far danni con questo mezzo.

jenablindata

Mer, 13/02/2019 - 19:57

@Carpa1: magari non è una richiesta esplicita delle rom, ma sicuramente le nazifemministe ci han messo bocca: per loro nessuna comodità è mai eccessiva... e se ne fregano,se toglieranno ulteriori posti auto agli altri:dico, ma quand'è che gli uomini si svegliano e ricominciano a ragionare logicamente senza cercare sempre di infilarsi sotto la prima sottana che incontrano? @do-ut-des vero? e questo vale sia per i parcheggi rosa,sia per quelli riservati agli invalidi: troppe volte vengono messi ad catzum... per furia ideologica o per comodità di qualcuno ammanicato e non vengono mai usati,mentre tutti gli altri automobilisti (che pagano anche per loro) girano come trottole a cercare un parcheggio...