Arriva l'annuncio della Madia contro i fannulloni di Stato: polo unico delle visite fiscali

In arrivo nuove norme: licenziare sarà più semplice Un centro guidato dall'Inps per controllare gli assenteisti

Roma - Pugno di ferro con i lavativi. Riuscirà il ministro Marianna Madia nella titanica impresa di snidare i fannulloni e costringerli a lavorare? I tentativi messi in atto fino ad ora sono sempre falliti visto che la cronaca continua a raccontare di impiegati che timbrano in mutande per poi tornare a letto a dormire o di dipendenti generosi che timbrano per loro e anche per tutti gli altri colleghi dell'ufficio che nel frattempo magari sono sulla sdraio a prendere il sole.

Tra un paio di settimane però arriverà in consiglio dei ministri un provvedimento che inasprisce ulteriormente le sanzioni a danno degli imboscati ed allarga la casistica dei comportamenti che possono costare il licenziamento. Il decreto del governo deve essere ancora limato ma va detto che i sindacati di categoria sono già sul piede di guerra e spingono affinché tutto ciò che concerne il rapporto di lavoro, assenze per malattia e assenteismo più in generale compresi, sia trattato nei contratti. Il governo però è contrario.

Attualmente i comportamenti che prevedono in automatico il licenziamento disciplinare sono 7. Con il nuovo provvedimento se ne aggiungono tre realizzando così un vero e proprio Decalogo dell'espulsione. Il licenziamento era già previsto in caso di falsa attestazione della presenza o di falso certificato medico. Se sostieni di avere un febbrone da cavallo che ti incatena al letto e poi vieni beccato a ballare in discoteca non dovresti più cavartela con una scusa.

Punite anche le assenze non giustificate per più di 3 giorni in due anni o più di 7 in 10 anni. Non ci si può rifiutare di essere trasferiti per motivi di servizio senza motivazione. Era già causa di interruzione del rapporto di lavoro l'aver presentato curriculum che dichiarassero il falso sia per l'assunzione sia per le promozioni. Banditi i comportamenti aggressivi e molesti. Infine erano già motivo di licenziamento sia una eventuale condanna penale definitiva per la quale è comunque prevista l'interdizione dai pubblici uffici e una valutazione negativa per il rendimento sul lavoro reiterata per tre anni di seguito. A queste motivazioni ora il governo vuole aggiungere altre tre condotte. La prima riguarda la violazione del codice di comportamento anche se non ci sono rilevanze di carattere penale. Un esempio è quello delle spese di rappresentanza eccessive o improprie. Poi si va a colpire non soltanto chi si imbosca ma anche il dirigente che «chiude un occhio». Insomma se l'impiegato timbra il cartellino e se ne va è licenziabile anche il suo capo che non se ne accorge o addirittura se ne accorge ma lo copre. Infine si potrà essere licenziati per scarso rendimento già dopo due anni se in passato si è già stati colpiti da provvedimenti disciplinari.

I controlli si concentreranno nelle date da bollino rosso ovvero quando puntualmente si verifica un incremento esponenziale delle assenze. Il venerdì ed il lunedì ad esempio quando si scatenano le emicranie da week-end oppure prima e dopo i giorni festivi con i ponti che si allungano fino a una settimana grazie alla malattia. Nel mirino anche le date di lavoro più intenso quando ci sono scadenze fiscali.

Sempre sul fronte della lotta all'assenteismo il governo sta pensando ad inserire nella riforma l'istituzione di un polo unico per le visite fiscali che faccia capo direttamente all'Inps e che non si occuperà solo di privati ma anche di dipendenti pubblici. Scopo della norma è rafforzare i controlli in caso di malattia con i dati in possesso dell'Inps grazie al quale si potranno fare visite mirate più efficaci.

Commenti

sesterzio

Lun, 06/02/2017 - 10:47

Finalmente. Era ora !Soprattutto per rispetto verso coloro che si impegnano nel loro lavoro.Nei momenti in cui è difficile trovare lavoro,chi si comporta scorrettamente ora corre seri rischi.

Ritratto di manasse

manasse

Lun, 06/02/2017 - 12:02

speriamo che arrivi a buon fine che ci hanno presi in giro per troppi anni

Libertà75

Lun, 06/02/2017 - 12:15

le solite dichiarazione di facciata, che esistano dipendenti pubblici che timbrano per andare in spiaggia è un conto, che questa sia la regola non direi proprio... l'assenteismo è possibile solo laddove c'è carenza di competenza, ma se si va in ospedale si devono attendere code lunghissime, idem per i processi in tribunale, ecc... se ci sono enti pubblici con poche competenze, spostate il personale dove serve!!!

Ritratto di FNMario

FNMario

Lun, 06/02/2017 - 13:38

PROVOCAZIONE:...mi ricorda l`intervento che fece a piú riprese "Brunetta". Risultati? Scarsissimi. In una Nazione come la nostra, dove spesso i politici rivendicano una tecnologia avanzatissima per quanto riguarda molti comparti produttivi, industriali, sia nel pubblico che nel privato, ancora facciamo timbrare cartellini? Mettiamo una bella macchina a riconoscimento digitale, come si utilizza in moltissimi aeroporti internazionali e a meno che i colleghi non si taglino l`indice per fare convalidar le entrate e le uscite...be il resto va da sé.

unosolo

Lun, 06/02/2017 - 17:59

tante disposizioni ci sono ma nessuno le ha mai controllate o licenziato i capi per mancati controlli del personale che hanno in organico , reparti o divisioni con i capi che si nascondono in mega uffici con tanto di segreterie che nascondono tutto , cominciamo a licenziarli dopo saranno loro a far lavorare i lavativi e fannulloni , per noi sono parassiti anche i capi ovviamente ,

unosolo

Lun, 06/02/2017 - 18:04

facciamo una bella legge sui giorni di congedo , mettiamo che sotto i tre gg si perde la paga e per averla intera la malattia deve superare i 21 gg forse perdendo soldi si ferma il personale a fare enormi ponti dal venerdì al lunedì , e se capitano festività nei dintorni.....

jorgeb

Lun, 06/02/2017 - 20:43

Consiglio alla Dott.ssa Ministra di inserire nel decalogo, oltre il licenziamento sprint anche , dopo una attenta verifica sulla posizione assicurativa INPS, dell’impiegato, detrarre l’annullamento dei contributi regolarmente versati, nella misura di quanto a percepito non dovuto, del periodo interessato.