Berlusconi, orgoglio azzurro «Noi primi nel centrodestra»

Il Cavaliere è ottimista per i ballottaggi e avverte: «Prematuro riparlare di bipolarismo. Troppi astenuti»

È molto soddisfatto per il primo turno alle amministrative, Silvio Berlusconi. «Forza Italia - commenta, con i suoi più stretti collaboratori- ha avuto un buon riscontro. Molto del voto azzurro è inglobato anche nelle liste civiche».

L'ex premier è convinto che i ballottaggi andranno bene: «È un buon auspicio per il centrodestra di governo per le prossime elezioni, indipendentemente dal modello della legge elettorale». Berlusconi insiste per ritrovare, dopo lo strappo del patto a 4 Pd-Fi-Lega-M5S, un accordo in Parlamento sul proporzionale modello tedesco, ma il leader del Carroccio Matteo Salvini ora parla di maggioritario e i giochi sembrano riaprirsi.

«Nella gran parte delle città i candidati sindaco che approdano al ballottaggio ottengono risultati inferiori al 40%», afferma il Cavaliere in una nota ufficiale, e questo dimostra «che l'elettorato continua ad essere frammentato». Si tratta di elezioni amministrative, molto condizionate da fattori locali, ed è sbagliato parlare «troppo frettolosamente di avvenuto ritorno al bipolarismo». Inoltre, rimane «alta e preoccupante la percentuale degli astensionisti, quasi un italiano su due».

Alcuni dati, però, sono chiari per il leader azzurro e il primo è che «il centrodestra può vincere quando è unito, quando sa far prevalere le ragioni dell'alleanza fondata su programmi concreti, quando sceglie candidati credibili, espressione - nella gran parte dei casi - non del professionismo politico ma della società civile».

Berlusconi sottolinea che il fronte si dimostra «fortemente competitivo ovunque», malgrado il maggiore «radicamento storico del Pd» alle amministrative, dimostrato dai molti sindaci uscenti. Cita la vittoria al primo turno del sindaco di Fi Nicola Ottaviani a Frosinone, e la partecipazione ai ballottaggi praticamente in tutti i capoluoghi, «nella maggior parte dei casi con buone possibilità di vittoria». Un risultato che pesa doppio se si ottiene nelle regioni storicamente legate alla sinistra: Liguria, Emilia-Romagna e Toscana.

Nel secondo punto dell'analisi del leader azzurro c'è una risposta all'alleato Matteo Salvini, che subito dopo i risultati di domenica ha parlato di un centrodestra vincente quando «è unito ed è a traino leghista». Berlusconi sa bene che dietro queste parole c'è l'ambizione del leader del Carroccio di strappargli la leadership e correre da candidato premier, quindi dice chiaro: «Fi si conferma nettamente come il primo partito del centrodestra sia per numero totale di voti, sia come radicamento territoriale diffuso in modo omogeneo su tutto il territorio nazionale, come dimostrano in particolare i buoni risultati ottenuti in diverse città capoluogo del centro sud, e questo nonostante la penalizzazione legata alla presenza di un grande numero di liste civiche che assorbono l'elettorato di opinione, tipico del nostro movimento politico». Il Meridione, si legge tra le righe, per i leghisti rimane terra inospitale, come riconosce Roberto Maroni, che ha invitato a «una riflessione sulle alleanze al sud» e anche Bossi, nel battibecco con Salvini sul risultato deludente nelle regioni meridionali.

Da questo voto, per il Cavaliere, bisogna trarre insegnamenti per il futuro, capire quali strategie hanno portato al successo, mettere da parte le divisioni, anche individuando con chiarezza l'avversario. «La sfida - afferma- è quella di battere la sinistra, continuando a privilegiare le ragioni dell'unità, ma soprattutto a parlare di temi concreti, di programmi e di progetti realizzabili, meno tasse comunali, più sicurezza, meno burocrazia, più trasparenza, più ordine e pulizia, più controlli degli immigrati, attrazione per gli investimenti, attenzione a chi è rimasto indietro».

Quanto al tracollo del movimento di Beppe Grillo, Berlusconi invita alla cautela: «Il calo del M5S dimostra che non sono considerati una forza di governo credibile. Tuttavia sarebbe sbagliano trarre indicazioni affrettate per le prossime elezioni politiche. Il M5S rimane una forza temibile, che sarebbe miope sottovalutare».

Commenti

xgerico

Mar, 13/06/2017 - 08:40

Dall'articolo:Molto del voto azzurro è inglobato anche nelle liste civiche».........Anna maria è l'unica cosa sensata che hai scritto!

ex d.c.

Mar, 13/06/2017 - 09:17

Finalmente un segnale positivo

Ritratto di ITALIASETTIMANALE

ITALIASETTIMANALE

Mar, 13/06/2017 - 10:20

1 nel centrodestra?

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 13/06/2017 - 10:29

Adelante, Pedro, con juicio. Non mi pare il caso di ripetere nuovo accordo elettorale con PD e Renzi. Non otterrebbe alcun apprezzamento nel popolo di destra. Lasciate Renzi a casa sua, magari a ripetere il demenziale autoversamento di un secchio d'acqua sulla sua capoccia. Meglio di così non può fare.

peppino51

Mar, 13/06/2017 - 10:46

Silvio, se vuoi essere credibile cerca accordi con Salvini, oggi è l'unico che può vincere.

Trinky

Mar, 13/06/2017 - 10:59

Soddisfatto un corno, l'han capito tutti che avrebbe voluto far vincere Renzi per dare la colpa a Salvini.....

tonycar48

Mar, 13/06/2017 - 11:04

Caro Cav, mi consenta di darle un consiglio....non dica CAVolate!!!!

antipifferaio

Mar, 13/06/2017 - 11:32

Beh, nella mia città FI è il primo partito, doppio rispetto al Pd...un misero 5%...è praticamente morto come dicevo da tempo. Al sud il Pd è in via di estinzione. Punto! Regge solo con le liste civiche, fino a 13 nel mio comune...ma ha fallito lo stesso. Con uno sbarramento al 7-8% anche quelle...POFF!!! Si sgonfieranno!!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 13/06/2017 - 11:32

E per finire credo pure che smettendo di fare il dittatore e parlando alla pari con gli alleati potrà guadagnare voti.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 13/06/2017 - 12:12

---se voi contate uno ad uno tutti i voti presi da forza italia in questa tornata elettorale noterete che la somma si aggira in percentuale intorno al 24 per cento del totale---se fate la stessa operazione con i voti della lega --arriverete ad una percentuale esattamente della metà---ossia il 12 per cento---quindi lasciate pure che salvini si sfoghi dicendo che la coalizione del centro destra è fortemente a trazione leghista--a queste menzogne ed alla sua velleità di diventare premier ci crede solo lui--ed un suo sparuto gruppo di trogloditi seguaci---swag ganja

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 13/06/2017 - 12:25

Io credo che l'analisi migliore del risultato delle amministrative l' abbia fatta "Il Fatto Quotidiano" (ogni tanto ne azzecca una): ha riconosciuto il trionfo del Centro Destra Unito, ha individuato correttamente i motivi del crollo del PD (leadeship inesistente, scarsa attenzione ai territori, troppa attenzione a banche e affari, sopratutto se di famiglia, affanno da panico), ha rilevato la frenata del M5S, che pare molto più interessato alle regionali siciliane quale trampolino per il governo nazionale che non alle amministrative, e, in buona sostanza, ammette che il duello politico futuro sarà tra CentroDestraUnito e M5S. Si torna allo schema bipolare, schema che ha sempre consentito e consente ai grandi leaders del CentroDestraUnito (Berlusconi, Salvini, Meloni) di rappresentare le varie istanze del popolo e garantire uno stabile governo fatto di serietà e competenza. Ma questo FQ non lo dice, anche se lo teme moltissimo.

nerinaneri

Mar, 13/06/2017 - 12:25

...godetevi questi momenti...

Lens69

Mar, 13/06/2017 - 13:13

Berlusconi segui ció che porta avanti la Lega, unico partito pro Italiani !

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 13/06/2017 - 18:38

il faccione giallo gongola......................

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 13/06/2017 - 23:52

E non solo lui ....