Grasso e Boldrini in campo. A sinistra più leader che voti

L'ex magistrato è la carta di Mdp per guidare l'area antirenziana. Le mosse della presidente della Camera

Al momento, la sinistra alla sinistra del Pd conta più aspiranti leader che elettori. E ben due di loro ricoprono cariche istituzionali, la seconda e la terza per la precisione: Laura Boldrini, presidente della Camera, e Piero Grasso, presidente del Senato. Oltre naturalmente all'amletico Giuliano Pisapia; a Pierluigi Bersani, che sotto sotto sogna di tornare alla guida di qualcosa e - last but not least - a Massimo D'Alema, che continua a pensare che «capotavola è dove mi siedo io» e che - non fidandosi, comprensibilmente, del fiuto politico dei suoi compagni di avventura - vuole avere pieno controllo del timone della sinistra anti-renziana.

Inizialmente, il leader in pectore della sinistra-sinistra avrebbe dovuto essere Pisapia. Ma i contrasti tra l'ex sindaco di Milano (che vuol lasciare aperta la prospettiva di un'alleanza post-elettorale col Pd) e Mdp (che, sulla linea dalemiana, vuole la morte del Pd) sono sempre più aspri, tanto che da giorni si parla di rottura ormai prossima. La Boldrini era la carta di riserva dello stesso Pisapia: se non mi candido io, era il ragionamento, una donna con esperienza istituzionale e sensibilità di sinistra è l'ideale.

E' stato dunque per dare un esplicito segnale di ostilità sia a Pisapia che alla Boldrini che l'altra sera, alla festa di Mdp, Bersani ha calato la carta Grasso. Un modo per spaventare l'ex sindaco di Milano, facendogli capire che, se si ostina a fare di testa sua e a non imbarcare D'Alema e tutta la compagnia radical che Mdp si vuol portare appresso (Sinistra italiana, Rifondazione, persino gli aspiranti parlamentari del Brancaccio, il diabolico duo Montanari-Falcone), loro sono pronti a cambiare leader. Un «ragazzo di sinistra», come si è prontamente definito Grasso, che è da tempo in rotta con il Pd («In Sicilia mi volevano tutti candidato, ora sono tutti freddi e lontani», lamenta) e non nasconde l'entusiasmo all'idea di diventare leader di qualcosa: «Se c'è la possibilità di fare un percorso visionario potrei starci», ha affermato in pubblico. «Fino a quando Mattarella non scioglie le Camere non mi candido a nulla - aggiunge con i suoi - ma registro con soddisfazione gli applausi di Mdp e Si sui temi di sinistra che difendo». E si tiene pronto. Dentro Mdp le valutazioni sono più concrete: Grasso, spiega un esponente, «ha immagine e popolarità a sinistra, è autorevole quanto Pisapia e in più ha il vantaggio di non essere un politico». Tradotto: sarebbe più facile da pilotare. D'Alema bacchetta però l'investitura bersaniana su Grasso, a dimostrazione dei dissidi tra i due aspiranti capi di Mdp: «Una scorrettezza grave tirarlo dentro le beghe dei partiti», dice. Mettere sul tavolo il nome di Grasso serve però anche a stoppare quello della dirimpettaia Boldrini, considerata troppo amichevole con il Pd, tanto da non aver mai escluso una candidatura nelle liste renziane.

Strani percorsi paralleli, quelli dei due presidenti. Entrambi novellini della politica, finiti quasi per caso nelle liste elettorali, lei di Sel e lui del Pd bersaniano (che gli aveva promesso il ruolo di ministro della Giustizia nel mai nato governo Bersani), come esponenti della «società civile»; e quasi per caso finiti ai vertici del Parlamento durante la convulsa fase post-elezioni del 2013, quando lo sconfitto Bersani si arrabattava disperatamente a lanciare esche ai grillini perché gli dessero i voti per formare il suo vagheggiato «governo del cambiamento». Boldrini e Grasso vennero candidati, rispettivamente, a Montecitorio e a Palazzo Madama proprio per questo: come «non-politici», lei vicina alle istanze terzomondiste e movimentiste; lui proveniente dai ranghi della magistratura antimafia, che potevano - nelle speranze dell'allora leader Pd e aspirante premier - attirare i voti di Beppe Grillo. Ovviamente non accadde nulla di tutto ciò, e nei mesi e negli anni successivi il Pd ebbe a pentirsi più volte di quella scelta, maledicendo le malriposte ambizioni bersaniane.

Commenti

opinione-critica

Sab, 30/09/2017 - 15:34

Sono contento che Boldrini e Grasso siano nel campo della sinistra. La prima all'ONU non è stata capace di risolvere alcun problema; il secondo nella magistratura non ha risulto nessun problema con le mafie, adesso addirittura le favorisce legittimando gli sbarchi clandestini. Che continuino a fare danni dove vanno, li lasciamo andare volentieri...

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Sab, 30/09/2017 - 18:32

Più leader? Ma non diciamo castronerie, se sono tutti delle mezze cartucce per giunta già sparate.

Silvio B Parodi

Sab, 30/09/2017 - 23:08

eccoli i due comunisti al potere in Italia, fate le valige, non le foto fra poco a casa. ma state attenti, forse a casa non ci arrivate!!

Demy

Sab, 30/09/2017 - 23:09

L'armata brancapecore si prepara alla conquista delle poltrone.

istituto

Sab, 30/09/2017 - 23:10

Le mosse del Presidente della Camera. Ne deve fare SOLO UNA di MOSSA. Andarsene.

Ritratto di malatesta

malatesta

Sab, 30/09/2017 - 23:12

A sinistra piu LADER che voti..senza offesa, ne..!

BENNY1936

Sab, 30/09/2017 - 23:14

Bell'articolo: illuminante. Pregherei soltanto la giornalista di smetterla con quell'assurdo strafalcione di "in pectore" ( che significa SEGRETO, LO CONOSCE SOLO IL PAPA), che imperversa da tempo. Ma se scrive semplicemente"CANDIDATO" pensa di non essere capita? Il miglior modo di non mostrare i propri limiti è sempre quello di non superarli. A. Bormida

dakia

Sab, 30/09/2017 - 23:29

E' scesa dal vulcano la signora venditrice dell'Italia? ma chi te se fila!

MOSTARDELLIS

Sab, 30/09/2017 - 23:35

E' proprio vero che in Italia fanno carriera i nullafacenti e gli incapaci.

Ritratto di nazionalista_sardo

nazionalista_sardo

Sab, 30/09/2017 - 23:47

la boldrini e stata messa dal pd mentore bersani per grasso invece dobbiamo ringraziare il collettivo di destra comunista radical chic ossia il movimento ✭ ✮ ✯ ✰ ★

19gig50

Sab, 30/09/2017 - 23:51

due persone sbagliate nel posto sbagliato messe li da persone sbagliate su suggerimento di un vecchio comunista sbagliato... forse c'è qualcosa di sbagliato?

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 01/10/2017 - 00:01

Queste due persone sono due nemici giurati degli italiani. Due che più danni non potevano fare, e si ergono come paladini, ma di che?? Di come finire di distruggere tutto ciò che gli italiani per bene hanno fatto? Si vergognino. Oltretutto sono anche indegni rappresentanti delle Istituzioni.

ziobeppe1951

Dom, 01/10/2017 - 00:17

Però è sempre coerente con la sua fede politica.. porta sempre qualcosa di rosso che le ricordi i cento milioni di morti del kkkompagno Stalin

Royfree

Dom, 01/10/2017 - 01:51

Esatti rappresentanti della più infame e parassita associazione a delinquere.

ggt

Dom, 01/10/2017 - 02:30

Sarebbe meglio se la sinistra candidasse come proprio leader NAPO ORSO CAPO, come suggeriva Paolo Guzzanti qualche tempo fa. Prenderebbero certamente più voti.

Ritratto di giordano49

giordano49

Dom, 01/10/2017 - 04:33

gurdateli....sembrano innamorati ( del potere a loro concesso ) , I GIULLARI DELLA CASTA....GLI " JIUS_DUE " BARZELLETTIERI COMICI...! DISDICEVOLI....IGNOBILI NEL LORO COMPORTAMENTO...." METTERE IN SECONDO PIANO IL POPOLO DEGLI ITALIANI (dal quale provengono i loro sostentamenti AGIATI ) anteponendo GLI IMMIGRATI che nulla sanno dei nostri USI E COSTUMI....E delle nostre istituzioni...! IL NOSTRO " BEL PAESE " e stato trasformato con l'arrivo indiscriminato dei MIGRANTI con bene_placet di < grasso-boldrini-gentiloni-alfano-minniti > e di uno che NON SAPEVA DI NON SAPERE quello che GIA' SAPEVA DA TEMPO....!!!! la nostra ITALIA trasformata in LA LORO ....! mistificante per il POPOLO ITALIANO " VERO "....!

Ritratto di italiota

italiota

Dom, 01/10/2017 - 07:53

ecco, ci mancavano Mortissia e Mortimer, ora si che la famiglia Addams è al completo !!!

flip

Dom, 01/10/2017 - 08:25

certo la boldrini tanti aggettivi qualificativi come in questi ultimi tempi non ne ha mai avuti cosi tanti. sarà orgogliosa.

aldoroma

Dom, 01/10/2017 - 11:50

godetevi ancora questi momenti.

Anonimo (non verificato)