Sicilia, il "no" di Grasso alla candidatura: "Ho doveri istituzionali"

Il presidente del Senato, Piero Grasso, rifiuta di candidarsi alle Regionali della Sicilia del prossimo autunno

​ "Stante le condizioni attuali è impossibile proseguire sull'ipotesi di candidatura proposta dal Pd". Piero Grasso ribadisce la sua volontà di non presentarsi alle elezioni della Regione Sicilia che si terranno a novembre in quanto: "I miei doveri istituzionali attuali mi impongono di svolgere, finchè necessario, il mio ruolo di presidente del Senato".

Il no arriva dopo l'incontro avuto questa mattina con il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Grasso, anche nel ruolo di possibile supplente del presidente della Repubblica, intende proseguire nel suo ruolo di garante 'super partes', soprattutto ora che al Senato si discuterà di ius soli e, a settembre, si tornerà a parlare di legge elettorale. Grasso assicura: "Il mio impegno e il mio amore per la Sicilia non smetterà di esprimersi in ogni forma e in ogni sede anche nazionale" e ribadisce che "il momento della legislatura è delicato".

Il sindaco di Palermo, dal canto suo, ha chiesto al Pd che si avvii "un indispensabile ampio processo partecipato che miri ad individuare un quadro programmatico di interventi in discontinuità chiara e concreta con l'attuale assetto regionale. Su questo, occorre costruire un campo largo di realtà sociali e politiche che dia una prospettiva di futuro alla nostra Regione". "Occorre adesso riprendere il confronto unitario, partendo dalla valutazione del grande lavoro che è stato svolto alla Regione in questi anni e che ha salvato la Sicilia", ha commentato, invece, il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta. "La Regione - prosegue - non può essere affidata a pericolose avventure di governo che ripropongono gli schemi di quel passato che l'ha distrutta. Indietro non si torna".

Commenti

peter46

Dom, 25/06/2017 - 22:21

Presidente Grasso...vuol prenderci in giro?Che ca...volo di 'doveri istituzionali' che tanto fra un paio di mesi quel posto che sta occupando,come di norma,toccherà ad altri?Pensa di poter 'salire' più in alto?Ma il 'paracadute' eventualmente per il risveglio ce l'ha?'Trombatura',paura e certezza di 'Trombatura' impone sto...rifiuto per 'doveri istituzionali'....NB:ed ha tutta la ns solidarietà.

Tobi

Dom, 25/06/2017 - 22:41

rifiuta il ruolo regionale perché i danni deve farli a livello nazionale.

Divoll

Dom, 25/06/2017 - 22:46

"Doveri" che, per il bene dell'italia, ci auguriamo finiscano presto.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di makko55

makko55

Dom, 25/06/2017 - 22:54

L'unico dovere che ha è quello di togliersi da c.......i il prima possibile!!!

cgf

Dom, 25/06/2017 - 23:12

il suo prossimo 'dovere' è abitare al Quirinale.

Anonimo (non verificato)

peter46

Dom, 25/06/2017 - 23:22

Presidente Grasso...nell'attesa di avere la 'conferma' che Bucci,avendo rifiutato la presenza 'de visu' di Berlusconi,ma non degli altri big coalizzati e malgrado i danni delle 'videocomparsate' che hanno ridotto al 48% la percentuale dei votanti(-del 1° tempo)di cui parte anche dei cdx,espugnerà Genova...certo che,senza presenza al fine mandato...addio 'appannaggi',non solo pecuniari, "eterni" per gli ex Presidenti del Senato...invertendo,meglio la gallina che l'uovo impossibile di governatore siciliano,vero?

umbe65it

Dom, 25/06/2017 - 23:40

Chi mai vorrebbe mettere mano ad un simile verminaio?

Silvio B Parodi

Dom, 25/06/2017 - 23:54

grasso sparisci sei un cxxxxxo patentato con contorno di idiozia e per dessert sei scemo come una capra (scusate capre) capra capra capra capra eternamente capra.

leopard73

Lun, 26/06/2017 - 00:07

FUORI DALLE PALLE BUROCRATE NON SERVI Più A NIENTE SEI FINITO CIALTRONE.

m.nanni

Lun, 26/06/2017 - 00:43

fuori Grasso dal senato e la Boldrini dalla camera. URGENTEMENTE!

Popi46

Lun, 26/06/2017 - 06:33

Sì, il dovere istituzionale di NON essere trombato

tosco1

Lun, 26/06/2017 - 08:06

Strano che se ne sia accorto.

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Lun, 26/06/2017 - 08:16

@cgf In effetti, se guardiamo la feccia che ha okkupato il quirinale (il delinquente scalfaro, l'inetto ciampi, l'emerdito golpista napoletano), ha tutte le carte in regola per candidarsi...