Grillo: "Il Paese è spaccato in due"

"Vincere o perdere è la stessa cosa: siamo comunque un Paese spaccato in due", dice Beppe Grillo al comizio di Torino, in vista del referendum del 4 dicembre

Beppe Grillo chiude la campagna elettorale per il referendum a Torino, in piazza San Carlo. "Siamo un paese spaccato in due sia che si vinca sia che si perda, ma noi andremo avanti", tuona dal palco. Con le solite iperboli il leader M5S osserva che "siamo in una stasi mentale, in una situazione neurogastrologica". Il riferimento è alle polemiche sul fac-simile della scheda elettorale del Senato (mostrato da Renzi) e, al contempo, sulla sua famosa frase 'Votate con la pancia, non con il cervello'.

Ovviamente Grillo non lesina battute: "Nessuno sta capendo nulla di questa riforma. Ho scoperto che i Simpson sono per il SÌ, che Armani ha fatto il profumo SÌ e noi un deodorante per ascelle con il No". Poi, spiegando le ragioni del No, dice che "la Costituzione (nella sua forma attuale, ndr) è un piccolo impedimento per major e multinazionali. Questa piccola Costituzione - aggiunge - è fatta per gente semplice".

Appendino: "Mi rifiuto di andare in Senato"

Il sindaco di Torino, Chiara Appendino, dal palco di piazza San Carlo annuncia che se passasse il Sì lei non andrà a sedere in Senato. ""Io non ci andrò, lo dico già adesso. Il sindaco deve stare con la gente e parlare con i suoi cittadini. In Senato si trattano argomenti importanti e bisogna dedicarci il giusto tempo e lavoro".

Commenti

lorenzovan

Ven, 02/12/2016 - 19:22

scopre l'acqua calda....siamo spaccati dall'epoca dei guelfi e dei ghibellini..a parte l'intervallo del fascismo a partire dal 30...sino al 43

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 02/12/2016 - 20:28

Parole di un qualunquismo assordante,senza incisività sui contenuti,della serie:"noi siamo per il NO,ma non l'abbiamo capita,perchè voteremo NO"...."che occhi!...Che fronte,...Chissà chi era suo padre!...100 lire!,....Avanti un'altro!....Mi auguro che vinca il NO,anche se questi "compagni di merenda",con queste "profonde convinzioni",mi stanno un pò scomodi!!

lupo1963

Ven, 02/12/2016 - 20:52

Il motivo per cui domani non vado a votare e' costituito da questo maledetto clown con la banda di attivisti comunisti che si e' impossessata del suo "movimento".La vittoria del si sarebbe un suo trionfo personale , inutile girarci intorno.E ci sarebbe il forte rischio di andare presto alle urne e ,"grazie"alla litigiosita' e divisioni nella Destra ,vedere questi comunisti al governo. Se cosi' non fosse stato ,avessimo avuto una situazione "normale"come in usa,gb,francia e austria,domenica mattina sarei corso al seggio alle 7.

Ritratto di ...nonnaPaola..

...nonnaPaola..

Ven, 02/12/2016 - 21:18

un paese spaccato in due, da una parte il M5S ed i cittadini per bene dall'altro la casta ed i loro complici

paolonardi

Ven, 02/12/2016 - 22:22

Ho avuto occasione di vedere per un quarto d'ora il comizio di Grillo in Tv: allucinante al limite ed anche al di la' della schizofrenia.

lorenzovan

Ven, 02/12/2016 - 22:44

@nonnapaola....se cucini come parli di politica c'e' poco da stare allegri...he he he

antipifferaio

Ven, 02/12/2016 - 23:43

Che l'Italia è spaccata in due non c'è dubbio...ma anche l'America e tutto il resto. Il vero problema, che Grillo non dice, è che è il referendum stesso ad essere uan catastrofe per tutti...indipendentemente se di destra, sinistra o si o no... Non avrebbero mai e poi mai dovuto farlo. Mettere in mano di pochi, vista l'altissima astensione, una decisione di tale importanza e portata è da pirati oltre che da incapaci di intendere e di volere... Credo che alla fine sarà un boomerang per tutta la politica italiana e onestamente sotto sotto credo che Grillo tifi per il si proprio per far saltare il banco....perchè col si salterà, questo è certo...altrimenti quando governerebbe mai?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 02/12/2016 - 23:47

E' sempre stato spaccato in due questo paese, da parecchi decenni.

Ritratto di Rames

Rames

Sab, 03/12/2016 - 00:45

Alla fine non si capisce mai cosa vuole dire.Non ho mai sentito proposte geniali.Solo atti fenomenici da baraccone.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Sab, 03/12/2016 - 04:53

Lupo1963-20.52 - Ti capisco ma credimi, si deve andare a votare anche turandosi il naso. In politica purtroppo non si sceglie il meglio bensi il meno peggio. Coraggio il seggio ti aspetta.Si o No non importa, importa che tu sia parte attiva. Io dalla Provence ho già votato NO, anche se.....!

Popi46

Sab, 03/12/2016 - 06:26

Ebbene?Avrebbe preferito un paese unito dal pensiero unico politicamente corretto,magari il suo? Bel democratico....

AH1A

Sab, 03/12/2016 - 08:35

...ma avete mai sentito Grillo parlare di politica? io no...però da quando esiste il M5S nei suoi spettacoli fa il pieno...