Israele, come vivere felici nonostante l'intifada

Il popolo ebraico ha trovato qui il luogo della propria rinascita, e tanto basta

La felicità, alla fine che cos'è? Un articolo sul Giornale lo spiegava ieri: il Pil, l'aspettativa di una buona vita, il sostegno sociale. Così la Danimarca è il primo Paese della lista del World Happiness Report, e la Svizzera il secondo, e l'Islanda e la Norvegia il terzo e il quarto. Semplice: la calma, la quiete, il verde rendono felici, ovvero tutti quei parametri che uno si aspetta influiscano, funzionano.

Eppure quando si arriva al numero 11 ( e bisogna pensare che l'Italia è la cinquantesima in lista) troviamo Israele, e allora chi non lo conosce deve sforzarsi e compiere una bella capriola filosofica e, fuori delle foreste ossigenate e pettinate, pensare.

Perché quel Paese da sempre in guerra, Israele, è felice, molto felice, addirittura sempre più felice: è salita dal 14 posto della lista precedente all'11esimo odierno nonostante le terribili perdite, il terrorismo, l'impervio compito di far fiorire il deserto, il clima talora molto caldo, nonostante lo scontro interno fra componenti ideologiche diversissime, con i super laici di Tel Aviv, i haredim, Pace Adesso, i coloni, la destra, la sinistra. Nonostante le critiche furibonde e ossessive dell'universo mondo, nonostante le disparità sociali che la mettono sempre a confronto col tema della povertà di parte della popolazione. Perché? Se io, che ci ho vissuto e ci vivo, penso alla felicità descritta nelle statistiche, mi viene prima di tutto in mente una marea di bambini: li vedo a Gerusalemme e a Tel Aviv, nei parchi e al mare. Sciamano per la strada, nei luoghi pubblici in carrozzina, nei supermarket sui trolley, sui mezzi di trasporto, ai bar, ai ristoranti. Chiedono, cantano, insistono. In Italia, in Europa i livelli di crescita sono sottozero. Invece il popolo ebraico esso ha trovato in Israele la terra della sua rinascita, ed è questo che lo rende felice. Ha uno scopo, un significato: ha sofferto, ma è sopravvissuto, ha fatto di Israele il nido della sua vittoria morale. Lo ha fatto al meglio, diventando indispensabile al mondo intero con le sue scoperte mediche e tecnologiche. Ha costruito università, strade, ferrovie, satelliti, ha inventato i più nuovi computer. Ascolta musica e legge libri, i giovani organizzano feste e le famiglie passeggiano senza tregua, ogni week end, esplorando adesso la fioritura dei peschi, e fra un po' dei papaveri. Quindi Israele è contento, semplicemente di essere vivo e di proseguire con successo la sua vittoriosa lotta quotidiana per farcela. E producendo nel compito molti eroi, ci è abituato e non fa tante storie.

La seconda evidente ragione della sua felicità, è che ha una comunità che resta unita anche quando si scontra in un confronto super critico. La gente di Israele è contenta perché è «insieme», la famiglia è unita, i giovani della stessa generazione hanno mille occasioni, prima fra tutte l'esercito, per sentirsi una cosa sola. Le feste religiose sono una maniera di vivere una incredibile esperienza culturale insieme, religiosi e laici. Nel giorno di Kippur, Gerusalemme e Tel Aviv sono isole di silenzio, negli spazi senza traffico sfrecciano le biciclette dei ragazzini, tutta la gente tace e digiuna; i supermarket vendono solo pane azzimo nella settimana di Pesach e tutti sanno perché: religiosi e laici, tutti furono schiavi in Egitto. E ora sono liberi, in Israele. Quindi sono felici.

Commenti
Ritratto di lucabilly

lucabilly

Ven, 18/03/2016 - 11:24

Israele e` un bellissimo paese, ricco, moderno, felice. Luoghi mitici, a diritto rientra nel novero dei paesi "europei" perche' non ha niente a che vedere con chi lo circonda.