Lega e M5S siedono al tavolo: ore decisive per il governo

La partita va ai supplementari.I due leader si vedono e subito chiedono la proroga al Quirinale che la concede

Alla fine, quando si arriva ai supplementari e l'orizzonte è quello della «lotteria dei rigori», come suol dire, fate largo all'esperienza dei vecchi leoni. È quella che fa la differenza. Va ascoltato con attenzione, per esempio, il fondatore della Lega, Umberto Bossi, quando a negoziati febbrili Salvini-Di Maio ancora in corso, tirava dal dischetto per fare centro. Primo: non potevamo non fare un governo, non dare risposta alla sollecitazione del Quirinale. Secondo: «Berlusconi ha voluto cedere, non dovuto. Anche se voterà contro la fiducia, di volta in volta potrà appoggiare o meno i provvedimenti, conquistandosi sul campo peso e riconoscimenti che gli si devono». Terzo: «Lasciate perdere quel che dicono, la paura di andare al voto ce l'han tutti. La gente, richiamata alle urne, li avrebbe bastonati. Tutti».

Ventiquattr'ore. Una proroga chiesta quando il governo «neutrale, di servizio, di garanzia» di Mattarella era già nelle provette di laboratorio, ai sotterranei del Quirinale. Di buon mattino, dalla radio, Matteo Salvini faceva capire che il vento poteva cambiare quadrante. «Di Maio non ha novità: ha girato tutti i forni che poteva girare, il pane è finito. Credo che stiano facendo qualche ragionamento in Forza Italia. Di Maio ha posto veti? Mi diceva che per loro Forza Italia organica al governo è impensabile... Io non mi permetto di far pressioni, né di fare fretta, né di dare lezioni a nessuno... Ma io ci provo, fino all'ultimo. E non mollo nessuno, non mando in frantumi le coalizioni». Il cambiamento di scenario veniva seguito passo passo, scambi convulsi di sms con Luigi Di Maio (ormai due innamoratini, come li rappresentano sui murales, litigi e ripicche comprese) e prendeva corpo, fino a far richiedere 24 ore di proroga al Quirinale, nonché un incontro «riservatissimo» tra i promessi sposi con la richiesta di chiarire sul famoso «veto» grillino nei confronti del Cav. Salvini si faceva paciere e pontiere, quadro e tondo. «Devo parlare con entrambi, non gioco numeri al lotto: mi fido ma voglio toccare con mano come San Tommaso», diceva nel vorticoso giostrare. Pranzo al Pantheon col figlio, che in serata avrebbe portato a vedere Milan-Juve. Di Maio nel frattempo traccheggiava, un po' frastornato: fuochi fatui e nubi di fumo elettorale. La realtà era invece una dichiarazione netta: «Non c'è veto sul Cav, Berlusconi è il meno responsabile di tutti, di questo stallo». Cambio di tono che portava l'azzurra Biancofiore a vedere la nascita dell'esecutivo «a un passo». Da Forza Italia arrivavano altri segnali inequivocabili, tipo la caduta delle barricate poste dal duo Brunetta-Romani. Entrambi facevano capire che un «occhio benevolo», un'«astensione critica», una generosa disponibilità concessa a Lega e M5s affinché «sperimentino», era la soluzione. «La Lega faccia pure, l'alleanza rimane», confermava Brunetta. L'ultima parola era però attesa da Arcore, dove si prendeva tempo, mentre il leader leghista continuava a giurare che «l'alleanza di centrodestra non si romperà». A parti invertite, è lo schema dell'appoggio esterno al governo Monti (Lega contraria) e dell'ingresso di Fi nel governo Letta (Lega ancora all'opposizione). Così dovrebbe essere per Forza Italia, mentre Salvini e Di Maio trattano ora sul nome del premier (risale il nome di Giorgetti) e dei ministri, nessuno di area Forza Italia. Eppure dai nomi dipenderà il semaforo verde, anzi giallo-verde, del Cav.

Commenti

semelor

Gio, 10/05/2018 - 08:39

B. Non deve mollare, tutto il centrodestra perde, sarebbe la fine come il PD. Una delusione! Salvini è in minoranza quindi nel governo sarebbe un supporto. Bisognerebbe cambiare la legge elettorale, basterebbe solo un premio di maggioranza e rivotare al più presto. Auguri povera Italia.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 10/05/2018 - 08:40

vedrete quanto varrà questo inciucio voluto da salvini e di maio, contro ogni logica e moralità politica! c'è di che schifare parecchio

ex d.c.

Gio, 10/05/2018 - 09:09

Abbiamo ancora qualche ora per sperare che i due improbabili premier non si trovino d'accordo, Vista l'immaturità le inesistenti capacità politiche di entrambi è probabile

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 10/05/2018 - 09:12

Bene! .. e ora che i due buletti di quartiere dimostrino di saper attuare tutte le promesse fatte, in caso contrario potranno sempre servire pizze e bibite...

lavieenrose

Gio, 10/05/2018 - 09:14

alè oho alè oho è iniziata la fine della lega di salvini. Alè oho alè oho...

Ritratto di Bisanzio2

Bisanzio2

Gio, 10/05/2018 - 09:16

Lasciamoli lavorare, non fate tutti i Marco Porcio Catone. Ero un fans di Silvio ma sinceramente mi ha deluso e adesso voto Salvini. Provo e vedo cosa succede

Antonio Chichierchia

Gio, 10/05/2018 - 09:25

Si apre un orizzonte da Bengodi per il Bel Paese.Abolizione della Fornero, si torna ad andare in pensione a 57 anni.Reddito ai giovani che finalmente potranno ripagare i loro nonni per l'aiuto prestatogli in questi anni di rigore finanziario.Finalmente incasseranno un assegno maggiore di quello dei loro nonni pensionati. Investimenti in Italia da tutto il mondo, anche dagli Stati Uniti dove pagano il 23% di tasse.Rientro dei capitali dall'estero per festeggiare il nuovo regime tributario.Esplosione delle esportazioni italiane ... con l'adozione del Dirham marocchino come moneta sostitutiva dell'Euro (dal quale ci hanno cacciato).

adramelech

Gio, 10/05/2018 - 09:27

Accettando di fare un governo da sola con i 5 stesse, la lega si condanna a fare da stampella a grillo.. sulla base dei loro programmi. Da Salvini non me lo aspettavo

jaguar

Gio, 10/05/2018 - 09:35

Piuttosto che dividere la coalizione era meglio tornare al voto, questo probabile governo ha già i giorni contati.

elgar

Gio, 10/05/2018 - 09:41

Visto e considerato che la coalizione a quanto pare ormai non conta più nulla e si ragiona solo in termini di partiti e si fanno alleanze con i singoli tanto valeva allora per Di Maio fare accordi direttamente con il PD che, rispetto a Salvini, ha preso il 18,9 anzichè il 17 e rotti per cento. Così il "problema" Berlusconi, peraltro non eletto, non si sarebbe nemmeno posto. Invece ci vogliono far credere che il problema sia sempre lui.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Gio, 10/05/2018 - 09:52

Salvini 17% e Di Maio 32%. Complimenti! Salvini e' finalmente entrato nella trappola. Lo pensavo un po' meno peggio di Di Maio ma quale errore. L'unica cosa positiva per questo ennesimo disastro per un Paese che non lo merita e' che finalmente la gran parte dei miei amici che ahime' hanno votato Lega alle prossime voteranno FI. Spero solo non facciano troppi danni. Dio ci aiuti!

Ritratto di deep purple

deep purple

Gio, 10/05/2018 - 09:55

Che ha da ridere quello nella foto? E' iniziato il suo declino.

adramelech

Gio, 10/05/2018 - 10:00

elgar, il problema è la sete di potere dei 5 stalle... vogliono comandare con un 32%, come se avessero avuto il 51%. Mi spiace solo vedere che qualcuno è disposto a permetterlo

faman

Gio, 10/05/2018 - 10:04

non sono leghista e non mi piace Salvini, ma gli riconosco il coraggio (o ambizione politica), di intraprendere un percorso incerto e politicamente pericoloso.

faman

Gio, 10/05/2018 - 10:05

l'alleanza cdx comunque rimane? non lo so

Ritratto di deep purple

deep purple

Gio, 10/05/2018 - 10:10

Bisanzio2. Contento te che il mantenuto milanese ha venduto i tuoi voti a personaggi come Di Maio, Di Battista, Toninelli e Casaleggio.

elgar

Gio, 10/05/2018 - 10:20

adramelech . Perfettamente d'accordo. Ma così Salvini rischia di bruciarsi in termini di credibilità. Il PD è il secondo partito e pertanto ne discende che se la coalizione ormai non conta il primo interlocutore dovrebbe essere proprio il PD.Almeno ci risparmiassero la pagliacciata delle coalizioni. Che ognuno corresse per sè visto che gli accordi si fanno comunque a posteriori in base alle convenienze. Devo dire che era molto meglio prima dello sciagurato avvento del maggioritario. Anche se l'ideale sarebbe stato un doppio turno alla francese. L'unico sistema di elettorale in grado di dare il vero vincitore la sera stessa. Almeno secondo me.

Duka

Gio, 10/05/2018 - 10:30

Questo è il suicidio della lega e la fine degli italiani.

jaguar

Gio, 10/05/2018 - 10:32

faman, devo dirle che da leghista questa situazione non mi piace affatto, alla fine Di Maio è riuscito a spaccare il cdx. Folle poi l'eventuale decisione della Meloni di andare all'opposizione insieme al PD.

donzaucker

Gio, 10/05/2018 - 10:33

Con buona pace dei vari boccaloni del Giornale che dicevano "Mattarella comunista non darà mai il mandato al Cdx perché l'Europa non vuole". Invece Mattarella comunista da il mandato ai due partiti più antieuropa e taglia fuori Berlusconi europeista. Alla faccia vostra.

papik40

Gio, 10/05/2018 - 10:40

La Lega e'stata accontentata Voleva una gatta da pelare? Adesso ce l'ha! Temo che sara'il governo piu' litigioso del mondo per l'incoerenza, l'instabilita' psichica e politica e l'incapacita' del M5S

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Gio, 10/05/2018 - 10:40

Che schifo, ho votato per la prima volta Lega per avere un governo di Destra e mi ritrovo il partito che ho votato che fa' un governo di estrema sinistra AIUTOOOOOOO

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 10/05/2018 - 10:40

Governo m5s-lega, legittimo e popolare in forza dei voti presi(32+17).Vincolo di mandato?tradimento del voto?Tutte panzane raccontate in 5 anni a cui solo i babbei hanno creduto.Eletti con il voto del cdx vogliono fare un governo con il m5s.Colpa della legge elettorale?per niente, mica è colpa degli italiani se hai preso solo il 17% o il 37% in colaizione.

vaigfrido

Gio, 10/05/2018 - 10:57

Ma su che base ... a cosa rinunceranno ? Così si scontenta gli elettori di una e altra parte . Bastava un governo qualsiasi che cambiasse la legge elettorale introducendo o un premio di maggioranza più ampio oppure il ballottaggio che molti ritengono più democratico .

Cicaladorata

Gio, 10/05/2018 - 11:17

Vi auguro di non andare più nelle TV a raccontare o giustificare quello che farete, le TV vi scaveranno il baratro per impedirvi di cambiare l'Italia, dopo avere agito e vedere i risultati potrete spiegare. Siccome vi servono tantissimi soldi, sia Salvini che Di Maio dovrebbero mettere la faccia in una campagna pubblicitaria martellante per ordinare di pagare le tasse. Conosco persone che votano sia l'uno che l'altro per cambiare l'Italia e poi non fanno lo scontrino allora, per coerenza, vuoi il cambiamento ? Tu devi essere il cambiamento e fai lo scontrino ecc... (Una campagna senza attori ma con i 2 leader)

billyserrano

Gio, 10/05/2018 - 11:22

Non so come finirà, se governo si farà e in che modo si farà. Dico solo che quello che stà succedendo non mi piace per nulla. Ora Salvini è in balia dei 5 stelle, senza il CDX unito non avrà più la stessa forza, non potrà realizzare il programma della lega, flat tax, controllo dei migranti, riforma della burocrazia, riforma della giustizia, permettere che il cittadino si difenda in casa propria dai vari criminali, ecc. ecc. Senza tener conto poi, che il presidente della repubblica non ama certo la lega. Per ora possiamo solo stare alla finestra e incrociare le dita. Per quello che serve.

steluc

Gio, 10/05/2018 - 11:23

Questo accordo , che pure deve ancora nascere , è uno schifo? può essere , ma i sette anni passati sotto i Montilettarenzigentiloni (che manco avevano i voti) cosa sono stati? Intanto il piddì è out, cosa non da poco. E B. aveva come prospettiva di dimezzare i suoi voti ( i parlamentari lo hanno implorato di evitare il voto). Se accordo sarà , si meritano i tre anni concessi a Renzi . Poi giudicheremo.

ginobernard

Gio, 10/05/2018 - 11:37

"tutto il centrodestra perde" forse il problema vero è che si rimane troppo ancorati alla vecchie definizioni geometriche ... destra, sinistra, centro. Voglio dire se diciamo ... nazionalismo credo che più o meno tutti capiamo la stessa cosa. Lotta alla immigrazione clandestina e selvaggia pure. Se diciamo protezionismo commerciale pure. Se parliamo di federalismo fiscale pure. Se diciamo per esempio uscita dalla Nato pure. Se si parla di uscita dall'euro anche. Mi piacerebbe che si usassero cioè termini difficili da mal interpretare. Se si farà il governo sarà spero attorno ad un programma condiviso. Il programma di governo deve essere il punto di unione degli schieramenti. Condiviso e rispettato. A me per esempio interessa solo l'ordine pubblico a costo di pagarlo economicamente.

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 10/05/2018 - 11:54

Non è detto che la Lega faccia da stampella al m5s. Al contrario. La Lega può trattare da pari a pari se non può far saltare il banco e minacciare il m5s con il ritorno al voto.

ginobernard

Gio, 10/05/2018 - 12:02

ehehehehe ... chi lo avrebbe mai detto eh ? il più improbabile degli accordi sembra dietro l'angolo. Vuol dire in fondo che il popolo leghista e quello 5S hanno istanze simili. O almeno hanno uno stesso nemico ... anche questo può unire no ? E' ora di far sentire la nostra voce nel mediterraneo, in europa e nel mondo. Abbiamo le nostre eccellenze. Valorizziamole.

labcos

Gio, 10/05/2018 - 12:30

È da capirlo,ha avuto un parto TRAVAGLIATO,come il suo cognome.Sono traumi che te lo porti tutta la vita!!!!

Duka

Gio, 10/05/2018 - 12:51

Oddio iniziano già a MAGNA' ????