Ordine d'arresto per Tulliani

È indagato per riciclaggio, come pure Fini. Il provvedimento restrittivo non è stato eseguito perché non vive più in Italia

Ordine d'arresto per Giancarlo Tulliani. Un'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata firmata dal gip Simonetta D'Alessandro nei confronti del cognato di Gianfranco Fini per il reato di riciclaggio nell'ambito dell'inchiesta sui rapporti illeciti dei Tulliani con il re delle slot Francesco Corallo. Il genero dell'ex presidente della Camera, anche lui indagato per lo stesso reato, è risultato però irreperibile dal momento che vive da tempo a Dubai. Il provvedimento restrittivo, sollecitato dal pm Barbara Sargenti e dall'aggiunto Michele Prestipino, non è quindi stato eseguito.

La tranche dell'inchiesta della procura di Roma su una presunta associazione a delinquere transnazionale, che riciclava tra Europa e Antille i proventi del mancato pagamento delle imposte sul gioco on line e sulle video-lottery, ha portato i giudici capitolini a firmare l'ordine d'arresto di Tulliani. Francesco Corallo, Rudolf Theodoor Anna Baetsen, Alessandro La Monica, Arturo Vespignani e Amedeo Labocetta sono ritenuti i capi di una associazione a delinquere che non solo riciclava denaro sporco ma nemmeno pagava le imposte. Una volta depurati, i profitti illeciti di questa banda sarebbero stati impiegati dallo stesso Corallo in attività economiche e finanziarie e in acquisizioni immobiliari per poi essere destinato alla famiglia Tulliani. La misura cautelare di oggi arriva, infatti, dopo il sequestro preventivo di beni per oltre 5 milioni di euro eseguito lo scorso 14 febbraio dai militari della Guardia di Finanza dello Scico nei confronti dello stesso Tulliani, del padre Sergio e della sorella Elisabetta, cui sono contestati plurimi reati di riciclaggio, e che vedono come concorrente, in alcuni di essi, proprio Fini. Quest'ultimo avrebbe chiesto ai magistrati di "essere interrogato al più presto".

Per la procura di Roma Tulliani va arrestato perché, sfruttando i rapporti con Corallo e con la sua galassia societaria, ha ripetutamente riciclato denaro tra il 2008 e il 2015, un lungo periodo che ha visto coinvolti anche la sorella Elisabetta e Fini. Durante le perquisizioni del 13 dicembre la Finanza ha trovato il suo appartamento in uno stato di disordine tale da far pensare che fosse stato abbandonato in fretta e in furia. Nei giorni successivi ha cercato di trasferire 520mila euro da un conto acceso in Monte dei Paschi di Siena a un altro aperto in un banca di Dubai. Nell'ordinanza cautelare si dà conto anche di diverse conversazioni telefoniche intercettate con altri familiari da cui emerge la volontà di Tulliani di allontanarsi dall'Italia per evitare guai ulteriori e di restare negli Emirati Arabi dove può contare su una serie di relazioni importanti, personali e imprenditoriali.

Per i magistrati, quella di Tulliani è una strategia criminale pervicace e reiterata, agevolata dai contatti con il mondo istituzionale e della politica e dall'abilità dello stesso indagato a muoversi in un ambito internazionale. La fuga nei giorni delle perquisizioni, la fallita movimentazione del denaro tra Dubai e Montecarlo (provento della vendita dell'immobile che An ebbe in eredità da una militante), la capacità di partecipare a fatti di riciclaggio con soggetti legati alla politica, e l'inserimento in una rete criminale collegata ad esponenti dell'area di Governo dell'epoca mettono in luce la personalità negativa di Tulliani e la necessità di una misura cautelare in carcere per scongiurare il pericolo di fuga e quello di reiterazione dei reati.

Commenti

kallen1

Lun, 20/03/2017 - 15:37

Ma a Dubai c'è l'estradizione con l'Italia? Mmmmmmmmmmmmm non credo proprio

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 20/03/2017 - 15:41

E quindi chi va a finire in galera ?

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 20/03/2017 - 15:48

Finalmente. Però, dubbio. Dite che Tulliani è indagato per il reato di “riciclaggio”, ed anche Gianfranco Fini è indagato per lo stesso reato, e che per questo reato scatta l’ordine di arresto per Tulliani. Allora, se per Tulliani scatta l'arresto, perché non scatta l'arresto anche per Fini? Oppure sono entrambi indagati, per lo stesso reato, ma con responsabilità diversa? Allora ditelo. Oppure aspettano che anche Fini scappi a Dubai (o nella casa del cognatino a Montecarlo), così diranno che non lo si può arrestare perché "non risiede in Italia"? Ah, saperlo.

Ritratto di orione1950

orione1950

Lun, 20/03/2017 - 15:58

Come godooo! Godrei di più se arrestassero tutta la famiglia, compreso il giuda.

Ritratto di sepen

sepen

Lun, 20/03/2017 - 16:04

Però, che bell'ambientino...

Templar

Lun, 20/03/2017 - 16:06

dentro tutti! compreso fini naturalmente.

BALDONIUS

Lun, 20/03/2017 - 16:13

CHE GODURIA!!!!! A quando le manette a Fini ?

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Lun, 20/03/2017 - 16:18

e Fini?

schiacciarayban

Lun, 20/03/2017 - 16:23

Purtropp è pieno di gente che, appena sentono odore di bruciato per i crimini che hanno commesso, partono per Dubai (o paesi simili) e vivono tranquilli con i proventi dei loro loschi affari. E' intollerabile che un paese possa accogliere così impunemente ladri e criminali di ogni genere, possibile che non si possa fare nulla per assicurare questa gentaglia alla giustizia?

Giorgio Rubiu

Lun, 20/03/2017 - 16:37

ohm - Nessuno, come al solito.

moshe

Lun, 20/03/2017 - 16:45

... dopo che si è trasferito a Dubai, ecco l' "arresto"! Naturalmente Fini era all'oscuro di tutto, speriamo che nei suoi confronti la giustizia sia un po' più veloce.

btg.barbarigo

Lun, 20/03/2017 - 16:45

I nodi prima o poi vengono al pettine,basta saper aspettare.

Renee59

Lun, 20/03/2017 - 16:48

Che fine Fini.

fisis

Lun, 20/03/2017 - 17:11

Fini-to

Ritratto di giordano

giordano

Lun, 20/03/2017 - 17:15

un governo serio di un paese serio, se lo va' a prendere, estradizione o no.

poli

Lun, 20/03/2017 - 17:31

Sembra ieri,"CHE FAI MI CACCI?""avrebbero dovuto cacciarti molto prima.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 20/03/2017 - 17:36

Mi pare di ricordare che di recente Giancarlo abbia manifestato l'intendimento di ripresentarsi in politica. Però non ho capito se intenda farlo nel bel paese o a Dubai.

piardasarda

Lun, 20/03/2017 - 18:06

bravissimo! proprio quello che si merita l'Italia e la sua giustizia.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 20/03/2017 - 18:22

Ovviamente dopo il sequestro dei beni ha sentito il fiato corto della magistratura sul proprio collo e ha pensato bene di squagliarsela....col malloppo residuo.E noi bovini (comprese le autorità che dovrebbero assicurare giustizia) abbiamo fatto la solita figura da peracottari.

manfredog

Lun, 20/03/2017 - 19:23

..Du Du..Bai Bai..eh eh..!!..e già..!! mg.

federik

Lun, 20/03/2017 - 19:36

Gianfri se Dio vuole è arrivato il tuo turno.

scric

Lun, 20/03/2017 - 19:41

Due sole lettere: ahahahahahahahahah

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 20/03/2017 - 20:55

Fini é ancora dentro il territorio nazionale? ...

Ritratto di michageo

michageo

Lun, 20/03/2017 - 20:55

....della serie: "tarallucci e vino" con contorno di sabbia, sabbia, .......

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 20/03/2017 - 20:58

... Fini é ancora dentro i confini? ... O se lo sono fatti scappare? ...

scric

Mar, 21/03/2017 - 07:15

aspetto con impazienza l'avanzamento chi sarà il prossimo? vai finito che sei vicino

soldellavvenire

Mar, 21/03/2017 - 08:34

fate tanta pena che quasi mi commuovo, ma pensate che il vostro gianfry deve anche gestire tutto il tesoro lasciatogli dal msi, come dovrebbe spenderlo? stava per regalare tutto a sylvio, per fortuna che si è svegliato bene o male presto o tardi che fosse