Meghan vuole una tata americana per il Royal Baby

Meghan rompe un’altra lunga tradizione di corte, chiedendo che sia una tata americana a prendersi cura del suo primogenito

Meghan, la ribelle duchessa di Sussex che sta rivoluzionando la corte, ha rotto un’altra tradizione. Secondo il Daily Express, infatti, la futura mamma vuole che sia una tata americana a prendersi cura del Royal Baby, la cui nascita è prevista per la fine di aprile. Royal Central, il sito che si occupa della vita delle dinastie reali nel mondo, è stato tra i primi a dare la notizia, insieme al Mirror. Meghan e Harry stanno già cercando la persona giusta, che dovrà iniziare il suo lavoro entro i prossimi tre mesi.

A quanto pare la tata non dovrà sentirsi un’impiegata al servizio dei Sussex, bensì una di famiglia, come sostiene una fonte intervistata dal Daily Express:“Meghan e Harry hanno idee precise su come crescere i loro figli. Meghan è stata chiara nel dire…che preferisce una tata americana, piuttosto che una inglese e vuole che si senta parte della famiglia e non…un membro dello staff…è importante per lei; non ha mai nascosto di essere orgogliosamente fiera delle sue radici americane. Lei e Harry sono interessati anche alla possibilità di una tata maschio” . Saranno i duchi a selezionare personalmente i candidati che verranno loro presentati da un’agenzia specializzata. Chi otterrà il posto guadagnerà 70.000 sterline all’anno e dovrà vivere, ovviamente, a Frogmore Cottage.

Meghan e Harry, dunque, non vorrebbero dare al loro primogenito una educazione tradizionale e neppure scegliere una tata inglese, come invece è sempre avvenuto tra i Windsor. La Royal Family ha sempre scelto donne altamente specializzate, tra cui si possono ricordare Maria Teresa Turrion Borrallo, la nanny dei piccoli Cambridge. Spagnola, laureata al Norland College, la scuola che forma le tate dell’aristocrazia britannica, la Borrallo è perfino esperta di arti marziali.

Molto più rigida e severa è stata Mabel Anderson, la tata del principe Carlo, mentre William e Harry ne hanno avute diverse, ma la più amata è stata senz’altro Olga Powell, la quale aiutò i principini a elaborare il lutto per la morte della loro madre. Vanity Fair sottolinea il rapporto stretto tra Harry e la nanny Peggy Pettifer, che venne invitata al Royal Wedding e a cui fu presentata Meghan prima delle nozze. La scelta della tata perfetta per i duchi di Sussex è un modo per ricordare a tutti che il nuovo Royal Baby crescerà tra due mondi non distanti tra loro, ma comunque non identici, quello inglese e quello americano.