Borussia Dortmund, scoppia il caso Dembelé: il giocatore è sparito

Regna il caos a Dortmund, dove il francese Ousmane Dembelé non si è presentato agli allenamenti: vuole solo il Barcellona, ma per il Borussia è incedibile

Grande è la confusione sotto il cielo di Dortmund, dunque la situazione è sfavorevole. Ribaltando una famosa frase di Mao Tze-Tung, in casa del Borussia regna il caos. Oggi pomeriggio il francese Ousmane Dembelé, da giorni nel mirino del Barcellona per sostituire Neymar, non si è presentato agli allenamenti. Il motivo della sua scomparsa?

Semplice, vuole vestire la maglia blaugrana. Ma il club tedesco non è d'accordo e in giornata ha pubblicato un comunicato ufficiale dove ribadisce la sua volontà di trattenere a Dortmund il giovane attaccante francese. Poi un'altra nota, con cui la società giallo-nera ha spiegato di avere multato il giocatore sospendendolo fino al 14 agosto.

Il sospetto che qualcosa non andasse si era avvertito già ieri, quando l'attaccante classe 1997 guardava verso il basso anziché verso l'obiettivo della macchina fotografica durante le foto di rito di inizio stagione. Senza contare poi, il suo atteggiamento remissivo e svogliato durante la seduta di allenamento al Dortmund Brackel Training Ground.

Durante la conferenza stampa di oggi pomeriggio, il tecnico dei giallo-neri Peter Bosz ha detto che "Oumane non è venuto e non sappiamo perché. Abbiamo provato a contattarlo ma non ci risponde. Speriamo non sia successo nulla di grave". Difficile immaginare possa avere avuto un incidente: più probabile che si sia impuntato per andare a Barcellona.

L'accordo tra i blaugrana e il giocatore è totale. Il Barça ha offerto per il suo cartellino 100 milioni di euro, ma il Dortmund ne vuole almeno 150. E pensare che l'anno scorso il giovane attaccante era stato acquistato dal Rennes per circa 15 milioni di euro.

Il club tedesco lo ha blindato, conoscendo bene la disponibilità economica dei catalani dopo la cessione di Neymar.

Intanto il Barcellona continua a muoversi su due tavoli. Dopo la partenza verso il Psg di "O'Ney", il club catalano ha offerto al Liverpool 100 milioni di euro per aggiudicarsi il cartellino di Coutinho, ma i Reds hanno risposto picche. Stessa è cosa è successa con Dembelé, ma la "fuga" del francesino potrebbe essere decisiva per sbloccare l'affare.