Grosjean infuriato con Hamilton: "Meritava una penalità"

Il pilota della Haas accusa Hamilton di averlo ostacolato durante la Q3. "Ho perso almeno 3 o 4 decimi, bisogna sanzionarlo". Ma la giuria decide diversamente

"Lewis Hamilton mi ha rallentato facendomi perdere almeno 3 o 4 decimi: va sanzionato". Romain Grosjean è su tutte le furie. Al termine delle prove di sabato, il pilota svizzero della Haas ha accusato il collega della Mercedes di averlo ostacolato durante il giro decisivo della Q3. Infatti, è convinto di aver perso quasi mezzo secondo per il comportamento del pilota britannico.

Piazzatosi al decimo posto nella Q3, Grosjean è diventato suo malgrado uno dei grandi protagonisti della giornata. Infatti, quando la Q3 non era ancora terminata, prima che Hamilton finisse il suo ultimo giro lanciato la giuria lo aveva già messo sotto investigazione per quanto successo pochi minuti prima.

Grosjean non ha nascosto tutta la sua rabbia nei confronti di Hamilton. Intercettato dai microfoni di Sky Sport F1 HD, il pilota della Haas ha dichiarato: "Sono su tutte le furie. Senza questo problema avrei potuto fare il nono oppure l'ottavo tempo e per noi sarebbe stato perfetto".

Ma lo svizzero non si è limitato a lamentarsi per l'accaduto, chiedendo l'intervento della giuria. "Dovrebbero dagli una penalità, perchè in qualifica non ci si dovrebbe comportare così. In Q3 ci sono in pista dieci macchine, quindi c'è spazio per tutti".

Lewis Hamilton si è aggiudicato la pole position davanti a Raikkonen e Vettel. Dopo averlo messo sotto investigazione per la vicenda denunciata da Grosjean, il britannico non è stato sanzionato e dunque partirà regolarmente dalla prima fila.