Alla Roma distratta non basta il Faraone

Rimonta giallorossa con 2 gol di El Shaarawy. Poi in 2' passa da 3-1 a 3-3

Come far sfumare sul traguardo una vittoria ampiamente meritata. Una pazza Roma passa in pochi minuti da un successo blindato a un pareggio figlio di un calo di tensione inspiegabile. Un risultato che tiene aperto il discorso qualificazione al giro di boa del girone, con i giallorossi sempre in testa con l'Austria Vienna e che avranno però due gare su tre lontano dall'Olimpico da qui all'8 dicembre.

La truppa di Spalletti brucia in 120 secondi un doppio vantaggio costruito con una partita iniziata in salita ma poi dominata nel possesso palla e nelle occasioni create. La doppietta di El Shaarawy e il gol di Florenzi sembravano aver blindato il successo, visto che raramente l'Austria Vienna - sostenuta a Roma da duemila tifosi vocianti - si era affacciata dalle parti di Alisson. Sono bastate però tre amnesie difensive per rovinare una serata che doveva avere un esito diverso.

Per una volta Francesco Totti (ieri sera alla 100ª presenza continentale) è protagonista con gli assist e non con i gol in una Roma in versione brasiliana e per sei undicesimi diversa da quella vittoriosa sabato scorso a Napoli. Bravi i giallorossi a rimettersi subito in carreggiata dopo il bel gol di Holzhauser. Merito della doppietta di El Shaarawy, la prima in Europa e la seconda in giallorosso (la precedente a Empoli in campionato otto mesi fa) per l'attaccante di papà egiziano, a caccia di un posto da titolare e di una convocazione nella nuova nazionale di Ventura. L'uno-due firmato nel giro di un quarto d'ora stava legittimando il successo della Roma, sempre in controllo del match senza affanni particolari. Poi l'appagamento dopo la rete di Florenzi e il recupero di un avversario mai domo con la difesa che si addormenta sulle conclusioni di Prokop e Kayode. Così non solo non arriva il 100° gol di Totti con Luciano Spalletti sulla panchina giallorossa, ma anche la beffa finale.

Nella notte prima del match il fermo di cinque tifosi, tre austriaci e due romanisti, protagonisti di una rissa. Ieri invece il sequestro di bombe carta e fumogeni nel bus di tifosi ospiti, appartenenti al gruppo «Ultrà Violence».