Bambino di 8 anni muore di difterite: è allarme in Grecia
Ferisce due militari: già espulso, il clandestino pregiudicato finisce al Cpr
Violenta rissa fra stranieri in strada, panico fra i passanti rimasti coinvolti
Sfregia in volto agente con arma rudimentale, detenuto straniero plurirecidivo
Casal Bruciato, rivolta nelle case popolari: "Non funzionano i riscaldamenti"
Quando la dem Quartapelle smontava il Mes

Calais, prefetto giustifica migranti: "Incendi? È la loro tradizione"

"Può non piacere, ma fa parte delle tradizioni della popolazione migrante distruggere le abitazioni prima di partire." È questa la spiegazione di Fabienne Buccio, prefetto di Calais, per giustificare i roghi alle sue spalle che per due giorni hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco. "Avevamo già avuto una situazione simile - spiega il prefetto - E siccome la conosciamo bene, ci siamo adattati". È disarmante il candore con cui l'alto funzionario francese si rivolge ai microfoni dell'emittente BFMTV, giustificando una tradizione dei migranti che prevede roghi ed incendi purificatori, per cancellare ogni traccia del loro passaggio