Il gioco mortale ai concerti: spray urticante tra la folla

Corinaldo è solo l'ultimo di una lunga serie. Nel mirino le esibizioni dei trapper: da Ghali a Gué Pequeno fino ad Achille Lauro

"Non vi nascondo che non ho chiuso occhio e con il cuore sono vicino a tutte le famiglie che si sono trovate coinvolte in questo atto terroristico, perché per me, buttare uno spray intossicante in una discoteca è terrorismo". Non usa mezze parole il musicista brindisino Giuseppe Plata, che, la notte scorsa, come Mc resident, era sul palco del Lanterna Azzurra Clubbing prima del concerto di Sfera Ebbasta.

Non è la prima volta che lo spray al peperoncino scateni il panico in un evento pubblico. Era già successo a piazza San Carlo a Torino durante la finale di Champions League del 2016. Quella sera una un gruppo di giovani ha spruzzato lo spray al peperoncino tra la folla al fine di creare il panico per poi rubare. Ma è nei concerti rap che l'uso dello spray sembra diventato quasi un must. Non solo durante le esibizioni di Sfera Ebbasta, ma anche ai concerti di Ghali, Gué Pequeno e Achille Lauro.

Il 7 novembre, all'Alcatraz di Milano, poco prima dell'esibizione del rapper Achille Lauro, nelle prime file qualcuno ha spruzzato dello spray al peperoncino, scatenando il panico e la fuga di almeno un centinaio di persone. L'8 settembre, a Mondovì (Cuneo), è successo la stessa cosa al festival musicale Wake up alla Mondovicino Arena mentre si stava esibendo Sfera Ebbasta. Un anno prima, stesso evento e stessa storia.

Allo stesso evento esattamente un anno prima, stessa scena: attimi di tensione durante l'esibizione di Ghali. Alcuni spettatori hanno accusato problemi respiratori. Il 31 agosto 2017 alla Festa Pd di Ponte Alto (Modena), panico al concerto di Sfera Ebbasta: alcuni ragazzi sono finiti al pronto soccorso. E di casi ce ne sono stati anche altri.

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 08/12/2018 - 19:18

Pensare che a me ed un altro amico da giovane ci hanno ritirato un semplice fischietto in discoteca, perchè era di disturbo, trattandosi pure di una serata di carnevale.

Tranvato

Sab, 08/12/2018 - 19:21

E cosa si aspetta per regolamentare la vendita e la detenzione di questi spray? Vuoi averlo nella borsetta per difenderti da aggressioni? Chiedi una regolare autorizzazione alla questura e con questa lo vai a comprare in armeria. Perchè, visti gli effetti, queste bombolette sono armi.

cardellino

Sab, 08/12/2018 - 19:29

E il ministro degli interni che risolve tutto il giorno prima non lo sapeva? Invece di fare selfi e post in continuazione non potrebbe occuparsi di cose che spettano a lui???Una domanda banale,, Se il ministro fosse stato uno del PD quante interroìgazioni e richeadte di dimissioni????

Darbula

Sab, 08/12/2018 - 19:48

Questo metodo criminale e' una rogna importata di recente dall'estero, assieme agli animali che ne fanno uso.

HARIES

Sab, 08/12/2018 - 19:56

In effetti è vero. C'è troppa emulazione ed esibizione estremo di apparire e fare cose assurde. E poi c'è anche la smania di postare/youtubare/twittare/... tutto per il puro senso della vanità. E quindi ogni nuova era generazionale e tecnologia ha i suoi pro e i suoi contro. Noi adulti abbiamo generato tutto questo, ma non facciamo mai troppa attenzione ai lati negativi.

Ritratto di pierluigiv

pierluigiv

Sab, 08/12/2018 - 21:03

se io vedessi qualcuno spruzzare peperoncino per divertimento, gli spezzerei subito entrambe le braccia. chissa' quanti hanno visto chi e' stato, non han fatto nulla e ora tacciono per omerta' e quieto vivere.