Toninelli: "Autostrade non può ricostruire il ponte"

Toninelli alla Camera: "Non possiamo far ricostruire il ponte di Genova a chi aveva la responsabilità di non farlo crollare"

Non sarà Autostrade per l'Italia a ricostruire il viadotto crollato il 14 agosto scorso, anche se la società dovrà finanziare l'opera. A dirlo è il ministro per le Infrastrutture e i Trasporti che ha riferito oggi alla Camera.

"Il governo è compatto nel ritenere che i lavori di ricostruzione del ponte non possano essere affidati ed eseguiti da chi giuridicamente aveva la responsabilità di non farlo crollare", ha detto in aula Danilo Toninelli, "La ricostruzione va affidata a un soggetto a prevalente o totale partecipazione pubblica dotato di adeguate capacità tecniche, mantenendo in capo al concessionario l'ovvio onere dei costi. L'integrale finanziamento dell'opera da parte della Società concessionaria rappresenta solo una minima parte del risarcimento dovuto e non ha nulla a che vedere con la procedura di decadenza dalla concessione. Sulla ricostruzione del ponte dovrà esserci il sigillo dello Stato".

Il ministro ha parlato anche di "pressioni, interne ed esterne" subite perché non venissero resi pubblici gli atti che riguardavano le concessioni. Parole che hanno scatenato la bagarre in Aula, con NcI, FI, e Pd hanno chiesto al ministro di "fare i nomi" di chi gli ha fatto pressioni e di inviare "il resoconto del verbale dell'Aula" alla magistratura. Il presidente Roberto Fico ha spiegato che i "verbali sono pubblici".

Ma Toninelli ha tirato dritto sostenendo che "saranno cancellate le convenzioni nelle quali i costi sono pubblici e i profitti privati come quelle stipulate sotto i governi di Prodi e Berlusconi". "Questo governo farà di tutto per rivedere integralmente il sistema delle concessioni autostradali e degli obblighi convenzionali, per impostare questi rapporti sulla base di nuovi princìpi e di più soddisfacenti equilibri giuridico-economici", ha ribadito.

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 04/09/2018 - 17:48

Toninelli è impulsivo, perché alcuni testimoni asseriscono che, prima del crollo, si è sentito un "tuono" e, durante il crollo, le apposite telecamere erano "temporaneamente" accecate, dunque non si può escludere l'ipotesi dell'attentato terroristico per dispetto della chiusura dei porti italiani e della vicenda Diciotti.

APPARENZINGANNA

Mar, 04/09/2018 - 17:48

Ci aspettiamo che il ministro Toninelli e i 5stelle (che in Liguria e a Genova sono all'opposizione), abbiano comunque a cuore non solo la ricostruzione del ponte, ma anche la rapidità dei tempi di attuazione, per non soffocare l'economia del porto, della città, della regione, nonché il traffico nel nord-ovest. Ci aspettiamo che la Lega non si occupi solo di immigrazione, ma anche dei suddetti problemi (rapidi tempi di ricostruzione). Ci aspettiamo che nessuno inventi cavilli giuridici e burocratici, atti a dilazionare i tempi.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 04/09/2018 - 18:37

Ucci ucci per Toninelli sento odor di indagatucci.

cgf

Mar, 04/09/2018 - 18:47

ok, ma su quale base di DIRITTO si fondano queste affermazioni? NB il ponte non lo costruì l'attale società che si chiama Autostrade

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Mar, 04/09/2018 - 18:49

Toninelli fa il giochetto delle tre carte e omette di dirla tutta (classico dei 5stallatici). Si da il caso che tra i trenta e oltre presi di mira, ci sono anche funzionari del suo ministero e quindi se è valido quello che dice, neanche il ministero dovrebbe o potrebbe metterci bocca. Lui compreso, visto che furono i suoi compagniucci di merende grulline a impedire la realizzazione della Gronda... Il fatto è che il più pulito ha la rogna e dovrebbero farsi tutta un esame di coscienza prima di puntare il dito.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Mar, 04/09/2018 - 18:58

Toninelli non è impulsivo ma è un pxxxa... Queelo che era secretato è stato pubblicato... i misteri non sono misteri ma sono graziose concessione fatte Illo tempore dal PD di Prodi. Quello che lui auspica e predica come legge divina, dipende soprattutto dall'esito delle indagini e non da quello che passa per la teta dei grullati tendo conto delle dovute perizie. Ora sappiamo che l'annuncite dalle parti degli stolti fa ciccia e crea consensi, ma Toninelli non deve pensare che lui è lui e gli altri non contano un cassio come diceva il Marchese del Grillo. Quelli di Autostrade sanno benissimo quali sono i loro torti e hanno già detto che se ne faranno carico... lo stesso per il ministero da lui oggi rappresentato?

nonna.mi

Mar, 04/09/2018 - 19:53

Da quando il ministro Toninelli ha asserito che l'Alta Velocità è perfettamente inutile, mi ha dato la "carica" per poterlo insultare come indegno valutatore di quella che sarà la enorme Importanza del trasporto ferroviario in tutta Europa e sarebbe un danno incalcolabile per l'Italia che senza il raccordo con l'Europa ,rimarrebbe isolata per la gioia profonda della Francia e della Germania...Altro in attesa di eventuale disprezzo ilVice Capoccia che deve definire il Destino dell'Ilva si spera al più presto per le migliaia di Lavoratori che rischierebbero di perdere la loro sopravvivenza. Myriam (sono stata troppo drastica? temo il "cestino")

Korintos

Mar, 04/09/2018 - 20:25

Sconvolge l'incompetenza del Ministro e le parole a vanvera che tutti i giorni sproloquia in cerca, non so, di un frammento di notorietà e/o di visibilità. Parla come un automa, sempre che i cronisti non alterino le cose che dice, ma si profonde in affermazioni che sfiorano il non senso in assenza di una pur minima analisi seria dell'accaduto, delle ragioni strutturali che le hanno determinate, delle responsabilità legali e giuridiche delle parti in causa. Negli ultimi cinque anni sono crollati, in Italia, nove ponti. Dunque Genova non è il primo caso. Ora si individuino responsabilità in modo serio e che ne è responsabile avrà la giusta punizione.

peter46

Mar, 04/09/2018 - 21:56

Atomix49...tu del 'problema 'gronda' 'capisci' na beata m....Anche sulla tav To-Lione ben più agguerriti contestatori si sono opposti ,s'oppongono e si opporranno ma...il tunnel per sondare la 'fattibilità' sta andando avanti...anche la gronda,se la 'spartizione' 'parallela' era soddisfacente per tutte le parti che 'pretendevano',si sarebbe potuta fare da quel dì.Ma non c'è stata 'spartizione' soddisfacente finora altro che 'contestazione'. Infatti partita con preventivo di spesa di 17 m.rdi,arrivato il tuo preferito si è 'allargata' a 3,5 m.rdi,ed arrivati gli amici del tuo preferito,i renziani,si è stabilizzata a 4,8 m.rdi,sempre da aggiungere poi il 'normale' 65% d'aumento in corso d'opera come sempre e da sempre successo...ma non si farà che altrimenti che ca...volo serve un nuovo ponte rifatto con tutti i 'crismi' necessari a renderlo fruibile e sicuro?Rosica meno.

peter46

Mar, 04/09/2018 - 22:09

nonna.mi...più che per 'insultare' ti ha dato na carica per 'rosicare' che ad una certa età fa anche bene mantenendo i 'denti' in movimento...ad alcune decine di km,in svizzera,dal 'prossimo' (fra 30anni)traforo per la tav,che anche i francesi 'molleranno' appena s'accorgeranno che la bufala della penale non attacca con sto governo,con meno pedaggio e più sicurezza si arriva tranquillamente in francia,da cui lo scarso uso anche dei trafori italiani esistenti.Fra trent'anni,cambiando governo ed arrivando 'quelli' dell'intrallazzo congenito forse si inizierà a farla sta tav,ma...a che ca...volo serve il treno se con le nuove tecnologie anche gli asini voleranno?

kobler

Mar, 04/09/2018 - 22:35

Naturale che non può! Vi fidereste a dare da riparare la vostra automobile al meccanico che ve l'ha guastata? E come può esserci fiducia in chi ha in tutta Italia zone non curate?

FlorianGayer

Mer, 05/09/2018 - 10:12

Se l'imposizione di Toninelli ad Autostrade è un qualcosa di onesto, Autostrade non dovrebbe ricostruire nulla. I risarcimenti (con relativi beneficiari) e le altre sanzioni li fissa il tribunale, non Toninelli, quindi Autostrade rischia di pagare a vuoto. C'è però un inghippo: se Autostrade obbedisce a Toninelli, paga di fatto una tangente agli azionisti di Fincantieri (che in Borsa va benino) e in cambio cosa ottiene? Non possiamo saperlo ancora, ciò che è certo è che, se sei uno che paga miliardi a vuoto, non metti in piedi queste aviende.

FlorianGayer

Mer, 05/09/2018 - 11:02

Il ministro sta di fatto imponendo il pagamento di una tangente a favore di Fincantieri (che ha azionisti privati oltre che pubblici). Toninelli non ha in teoria il potere di imporre ciò. Se Benetton non si aspettasse nulla in cambio, non pagherebbe ed aspetterebbe le sentenze. Ma se Toninelli avesse promesso qualcosa in cambio (rinnovo la licenza, entro del capitale di ASD a prezzi da "affezionato" o vattelapesca che cosa), allora si spiegherebbe la disponibilità ad obbedire.

FlorianGayer

Mer, 05/09/2018 - 11:05

Specifico: non dovrebbe ricostruire nulla CON FINCANTIERI

peter46

Mer, 05/09/2018 - 11:44

FlorianGayer...stai a r...... ad ogni comm,ed in qualsiasi art in cui da oggi stai partecipando,con sta storiella di Fincantieri non pubblica...è pubblica perchè col 71,6% di Fintecna SPA(azioni al 100% di CDP)non può che essere pubblica,malgrado il restante 'parco' azioni venga diluito ad un massimo di 3% di singola partecipazione a privati investitori(forse gli stessi che hanno venduto le loro aziende tenendosi minime azioni a Fincantieri che ne ha comprate a iosa)ma che non hanno dunque voce in capitolo. Come del resto Finmeccanica dove 'costituzionalmente' non si può detenere più del 30% da parte di soggetto o soggetti privati. NB:Autostrade DEVE mettere i soldi per la ricostruzione del Ponte perchè i precedenti gli hanno concesso, e secretandone la relativa percentuale di guadagno,più che a 'commercializzare' "similborotalco ed affini":come tutti i concessionari(vedi gestione migranti e Mafia Capitale)che gestiscono fuori da 'QUESTO' Stato.

FlorianGayer

Mer, 05/09/2018 - 16:00

L'investitore ha voce in capitolo, perché guadagna. Se Fincantieri si trova una commessa "in regalo", l'investitore privato ci guadagna. Se poi lo sapeva prima (parente o amico di chi ha deciso...), puzza di insider trading. Alla facci del 71% pubblico.

FlorianGayer

Mer, 05/09/2018 - 16:06

In Italia non ci sono solo Autostrade e Fincantieri a poter costruire ponti. Che gli azionisti di Fincantieri abbiano un tornaconto da un contratto ottenuto senza alcuna forma di concorrenza è piuttosto ovvio. Che questo possa far pensare o ad una grande ingenuità o ad insider trading mi sembra evidente.

peter46

Mer, 05/09/2018 - 17:01

FlorianGayer...faremo richiesta che a costruirlo sia la Lego, tranquillizzati.

FlorianGayer

Mer, 05/09/2018 - 17:28

Quando si fa un appalto pubblico, si usa fare una gara. Potrebbero partecipare costruttori italiani e non italiani. E' una cosa simile a quando si vende un'acciaieria caso ben studiato dai 5stelle. Il nostro splendido ministro ha trovato una scorciatoia simpatica: il contratto viene fatto da un privato, su imposizione del governo. In questo modo non è formalmente un appalto pubblico, ma somiglia tanto ad una tangente. Benetton ci starà, poiché si aspetta qualcosa in cambio.

FlorianGayer

Mer, 05/09/2018 - 17:30

Sei proprio sicuro che oltre a Fincantieri ci sia solo la Lego?

peter46

Mer, 05/09/2018 - 20:51

Sei proprio sicuro che per motivi d'urgenza e "D'AFFIDABILITA' garantita",il ministero delle infrastrutture non abbia la 'possibilità',nella legge financo,d'individuare un general contractor,a sua insindacabile scelta,per portare a termine l'opera?Che ce f se ci sono altri possibili costruttori?Se come sembra il ministero gode di questa possibilità...FINCANTIERi è ad 1 km dal ponte da costruire,è conosciuta nel mondo,ha le professionalità occorrenti riconosciute e nessun politico può mettere bastoni fra le ruote,neanche un pdr nominato commissario dalla prot.civ,che infatti non sostiene più che a costruirlo debba essere 'impregilo' partecipata dei benetton.Figuriamoci un FlorianGayer chi?NB:Certo che non solo il Lego,c'è anche il Meccano.